Indice del post tracciabilità del denaro » la guida completa per il consumatore

Tracciabilita' del denaro: cosa si rischia pagando in contanti importi pari o superiori ai tremila euro, eludendo la normativa vigente? Ecco una guida esaustiva: dalle locazioni alle operazioni in banca, dal versamento delle tasse agli acquisti al supermercato, dal bollo auto ai pagamenti dilazionati in più rate. Tracciabilita' dei pagamenti: l'intenzione del governo, almeno quella dichiarata, era quella di combattere l’evasione fiscale eliminando il contante e incentivando i mezzi di pagamento telematici. Tuttavia, le nuove disposizioni, hanno generato non pochi equivoci tra i contribuenti. Infatti, pur davanti ad una regola generale molto specifica, le innovazioni normative hanno trovato diverse [ ... leggi tutto » ]

Partiamo dal principio generale: sono vietati tutti i pagamenti con denaro contante per importi pari o superiori a tremila euro. Ciò significa che si può pagare in denaro fino a 2.999,99 euro: superato questo tetto il pagamento dovrà necessariamente avvenire attraverso strumenti tracciabili come ad esempio, il bonifico bancario, gli assegni non trasferibili, le carte di credito o il bancomat. Chi viola la normativa appena esplicata, rischia una sanzione che va dall'1% al 40% degli importi trasferiti oltre [ ... leggi tutto » ]

Su prelievi e versamenti sul conto corrente postale o bancario la regola sulla tracciabilità non vale: dunque, il correntista è libero di prelevare, dal proprio conto, denaro contante per somme pari o superiori a tremila euro. In teoria, dunque, potrebbe anche prelevare cinquemila euro in banconote. Allo stesso modo egli può versare sul conto, in moneta sonante, importi che travalicano detto tetto, senza necessità di ricorrere allo strumento del bonifico. L’impiegato allo sportello non può chiedere, al cliente, la provenienza di tale denaro o lo scopo del prelievo. Al massimo, qualora abbia un fondato sospetto che si stia realizzando [ ... leggi tutto » ]

Anche qui niente limiti: ogni cittadino è libero di incassare assegni circolari per importi pari o superiori a tremila euro, a condizione, però, che si tratti di assegni circolari non trasferibili. Anche i bollettini postali possono essere pagati in contanti per un importo pari o superiore a tremila euro. Si tratta, infatti, di pagamenti che avvengono [ ... leggi tutto » ]

Ricordatelo bene: non è consentito eludere la normativa sul divieto di pagamenti in contanti frazionando il debito in più rate, ciascuna di importo inferiore a tremila euro, al solo fine di evitare gli strumenti tracciabili. Anche i pagamenti rateizzati dovrebbero, infatti, sottostare alle regole sul divieto di contante se l’ammontare complessivo dell’affare è pari o supera i tremila euro. In parole povere, se il cliente e il fornitore si accordano per un corrispettivo di 4.000 euro, il pagamento non potrebbe avvenire in contanti, con due pagamenti rateali di 2.000 euro l’uno. Dunque, per stabilire quale strumento di pagamento poter [ ... leggi tutto » ]

E' chiaro che non sfuggono alle accennate regole anche gli acquisti per beni di consumo quotidiani come la spesa per alimenti o anche per beni di prima necessità. Ad esempio, un'ipotetica spesa di oltre tremila euro deve essere obbligatoriamente pagata con la carta di credito. Se, invece, nell'arco della stessa giornata, vengono effettuati più acquisti dallo stesso supermercato, ciascuno di importo inferiore a tremila euro, non dovrebbe sorgere alcun problema e si potrà pagare in contanti. Qualora, invece, si acquistasse un oggetto di valore elevato, ad esempio un laptop di 5000 euro, il consumatore potrebbe tranquillamente pagare in contanti [ ... leggi tutto » ]

Veniamo ora ai canoni di locazione: da notare bene che anche l’affitto si può pagare in contanti, purché ogni singolo canone sia di importo inferiore a tremila euro. Gli importi pari o superiori a tremila euro, invece, dovranno essere versati con strumenti tracciabili. Comunque, se anche il contratto di locazione indica, quale corrispettivo, una somma annuale di oltre tremila euro, si deve guardare alla singola mensilità. L’inquilino può quindi pagare mensilmente in contanti in quanto l’importo mensile è inferiore alla soglia massima di tremila euro. Se, invece, il canone mensile è, ad esempio, [ ... leggi tutto » ]

Anche le tasse e il bollo auto non fanno eccezione alle regole già accennate: il pagamento delle imposte dovrà avvenire con strum [ ... leggi tutto » ]

31 luglio 2014 · Stefano Iambrenghi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Tracciabilità e antiriciclaggio » Disposizioni su prelievi e versamenti
Tracciabilità del denaro: è possibile effettuare prelievi e versamenti sul conto corrente bancario, anche se di importi pari o superiori a tremila euro, secondo la normativa antiriciclaggio vigente? Facciamo chiarezza all'interno dell'articolo. Una delle domande più frequenti che ci si pone e quella sulla possibilità del prelievo dal conto corrente ...
Antiriciclaggio e tracciabilità del denaro » Come pagare in contanti
Riguardo le norme antiriciclaggio, è bene notare che è possible effettuare pagamenti in più rate attraverso denaro contante, senza violare le leggi, ed è anche lecito pagare una rata per contanti e la residua parte attraverso sistemi che garantiscano la tracciabilità. L'aggiramento del limite di euro 3000 euro al trasferimento ...
Canoni di locazione » Chiarimenti del MEF sulle restrizioni per i pagamenti in contanti
Recentemente, il Ministero dell'Economia e delle Finanze (MEF), in risposta ad una specifica richiesta di chiarimenti da parte dell'Agenzia delle Entrate circa l'applicazione degli obblighi in materia di pagamento dei canoni di locazione di immobili ad uso abitativo, ha precisato che è possibile pagare in contante il canone per una ...
Limitazioni all'uso del contante e dei titoli al portatore - Tutto come prima per quanto riguarda gli assegni
È vietato il trasferimento di denaro contante o di libretti di deposito bancari o postali al portatore o di titoli al portatore in euro o in valuta estera, effettuato a qualsiasi titolo tra soggetti diversi, quando il valore oggetto di trasferimento è complessivamente pari o superiore a 3.000 euro. Il ...
Sanzioni per violazione delle norme antiriciclaggio
Le violazioni delle norme antiriciclaggio relative all'utilizzo del denaro contante, nonché quelle in materia di assegni liberi e libretti al portatore, devono essere comunicate dagli intermediari finanziari e dai professionisti che ne vengono a conoscenza, entro 30 giorni: al Ministero dell'Economia e delle Finanze (ovvero, più precisamente, alle competenti Ragionerie territoriali ...

Spunti di discussione dal forum

Vorrei ritirare la mia pensione in contanti – Come fare se gli ex postini mi negano questa possibilità adducendo che con la tredicesima mensilità l’importo da pagare supera i mille euro?
La mia pensione si aggira sui 660 euro, vorrei ritirare il denaro ogni mese in Posta, senza aprire un libretto postale nè un conto corrente. Ho richiesto in molte Poste anche in diverse città italiane ed ho avuto la stessa risposta negativa adducendo il fatto che a dicembre, con la…
Versamento in contanti – La segnalazione della banca all’Agenzia delle Entrate viene effettuata solo per importi superiori ai quindicimila euro?
In riferimento a questa domanda, chiedo: la segnalazione all'agenzia delle entrate avviene solo se verso più di 15 mila euro sul mio conto in contanti?
Parziale erogazione di banconote dal bancomat
Chiedo il Vostro aiuto per formulare una comunicazione di reclamo e contestuale richiesta di rimborso, da presentare alla banca che gestisce il mio conto e dalla quale ho effettuato un prelievo di denaro contante, ma da quanto richiesto mancavano 300 euro che invece mi sono stati addebitati nel totale riportato…
Versamento in contanti di grossa somma – Come procedere e quali rischi si corrono?
In riferimento a questa discussione e pure a quest'altra che l'aveva preceduta, volevo aggiungere che dalla vendita del fabbricato rimarranno circa 70 mila euro: vorrei toglierli in blocco dal conto corrente per evitare possibili futuri pignoramenti, e darli ad una persona fidata, in contanti, dal momento che ogni transazione tracciabile,…
Legge sulla composizione delle crisi da sovraindebitamento per il debitore non professionista
Ho debiti verso 2 finanziarie per 2 prestiti personali e due carte di credito che, per gravi problemi economici non posso più pagare, pur avendo uno stipendio. Illustro la situazione debitoria: 50 mila euro con rata da 750 euro, 8 mila euro con rata da 130 euro; e debiti di…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indice del post tracciabilità del denaro » la guida completa per il consumatore. Clicca qui.

Stai leggendo Indice del post Tracciabilità del denaro » La guida completa per il consumatore Autore Stefano Iambrenghi Articolo pubblicato il giorno 31 luglio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 2 agosto 2017 Classificato nella categoria evasione ed elusione fiscale e contributiva - reati tributari ed abuso del diritto Inserito nella sezione assegni cambiali e conti correnti.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca