La tracciabilità del denaro in caso di pagamenti con assegni e bollettini postali

Anche qui niente limiti: ogni cittadino è libero di incassare assegni circolari per importi pari o superiori a tremila euro, a condizione, però, che si tratti di assegni circolari non trasferibili.

Anche i bollettini postali possono essere pagati in contanti per un importo pari o superiore a tremila euro.

Si tratta, infatti, di pagamenti che avvengono attraverso un intermediario, Poste italiane, e che, quindi, sono tracciati.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca