Cosa dice la normativa vigente sulla tracciabilità dei pagamenti

Partiamo dal principio generale: sono vietati tutti i pagamenti con denaro contante per importi pari o superiori a tremila euro.

Ciò significa che si può pagare in denaro fino a 2.999,99 euro: superato questo tetto il pagamento dovrà necessariamente avvenire attraverso strumenti tracciabili come ad esempio, il bonifico bancario, gli assegni non trasferibili, le carte di credito o il bancomat.

Chi viola la normativa appena esplicata, rischia una sanzione che va dall'1% al 40% degli importi trasferiti oltre la soglia, ferma restando una penalità minima di 3.000 euro.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.




Cerca