Tra alcuni mesi andrò in pensione con la minima: potranno rivalersi sulla mia pensione per recuperare il mio debito?

Gentili signori, ho contratto nel 1997 un prestito con una finanziaria di 5000 euro. Ho pagato le rate per circa un anno, poi ho perso il lavoro e non ho più potuto assolvere il mio impegno. Attualmente e per tutti questi anni non ho trovato lavoro quindi non ho busta paga e non posseggo nulla di intestato. Tra alcuni mesi andrò in pensione con la minima potranno rivalersi sulla mia pensione per recuperare il debito?

Grazie in anticipo per una cortese risposta,

Marino Criscuolo, Bari

Sì la pensione è pignorabile ma con alcuni limiti. Con la circolare numero 43 del 26.02.2003 l’INPS fornisce infatti alcuni chiarimenti in materia di pignorabilità delle pensioni a seguito delle sentenze numero 468 del 22 novembre 2002 e numero 506 del 4 dicembre 2002 della Corte Costituzionale.

Con la prima sentenza la Corte Costituziuonale ha stabilito che le pensioni, le indennità che ne tengano luogo ed assegni sono pignorabili fino alla concorrenza di un quinto, valutato al netto di ritenute, per tributi dovuti allo Stato, alle province e ai comuni, facenti carico, fino dalla loro origine, al pensionato.

Con la sentenza numero 506/2002 la Consulta ha stabilito l’illegittimità costituzionale dell’articolo 128 del regio decreto-legge 4 ottobre 1935, numero 1827 (Perfezionamento e coordinamento legislativo della previdenza sociale), nella parte in cui esclude la pignorabilità per ogni credito dell’intero ammontare di pensioni, assegni ed indennità erogati dall’INPS, anziché prevedere l’impignorabilità, con le eccezioni previste dalla legge per crediti qualificati, della sola parte della pensione, assegno o indennità necessaria per assicurare al pensionato mezzi adeguati alle esigenze di vita e la pignorabilità nei limiti del quinto della residua parte.

Così a proposito della determinazione della quota di pensione idonea a soddisfare le esigenze minime vitali la Consulta ha stabilito che: non rientra nel potere della Corte Costituzionale, ma in quello discrezionale del legislatore, individuare in concreto l’ammontare della (parte di) pensione idoneo ad assicurare “mezzi adeguati alle esigenze di vita” del pensionato, come tale legittimamente assoggettabile al regime di assoluta impignorabilità (con le sole eccezioni tassativamente indicate di crediti qualificati, in quanto espressione di altri valori costituzionali: ad es., articolo 29, 30, 53 Cost.).

27 Gennaio 2009 · Antonio Scognamiglio

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

L'impignorabilità del minimo vitale si applica solo alla pensione e non allo stipendio
L'articolo 545 del codice di procedura civile prevede che le somme da chiunque dovute a titolo di pensione (ma anche di indennità che tengono luogo di pensione o di altri assegni di quiescenza) non possono essere pignorate per un ammontare corrispondente alla misura massima mensile dell'assegno sociale (minimo vitale) aumentato della metà. La parte eccedente tale ammontare è pignorabile nei limiti previsti dalla legge. In pratica il minimo vitale impignorabile per le pensioni viene quantificato come corrispondente alla misura massima mensile dell'assegno sociale (minimo vitale) aumentato della metà. Il Tribunale di Viterbo aveva sollevato questione di legittimità costituzionale sull'articolo 545 ...

Indennità di accompagnamento agli stranieri anche senza carta di soggiorno
L'indennità di accompagnamento spetta agli stranieri regolarmente presenti in Italia, anche se non hanno il permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo (ex carta di soggiorno). L'articolo 80, comma 19, della Legge del 23 dicembre 2000, numero 388 escludeva l'indennità di accompagnamento e la pensione di inabilità per gli stranieri che, seppure in possesso dei requisiti sanitari necessari, erano privi della carta di soggiorno perchè presenti in Italia da meno di cinque anni. La Corte Costituzionale, con la sentenza del 15 marzo 2013, numero 40, ha dichiarato l'illegittimità costituzionale della norma suddetta "nella parte in cui subordina al requisito ...

La Consulta ribadisce la legittimità del minimo vitale impignorabile previsto solo per la pensione e non per lo stipendio
Il Tribunale ordinario di Viterbo, in funzione di giudice dell'esecuzione aveva sollevato questione di legittimità costituzionale dell'articolo 545 del codice di procedura civile nella parte in cui non prevede l'impignorabilità assoluta di quella parte della retribuzione necessaria a garantire al lavoratore i mezzi indispensabili alle sue esigenze di vita, e, in via subordinata, nella parte in cui non prevede le medesime limitazioni in materia di pignoramento di crediti tributari. Com'è noto, l'articolo 545 del codice di procedura civile dispone che le somme da chiunque dovute a titolo di pensione, di indennità che tengono luogo di pensione o di altri assegni ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su tra alcuni mesi andrò in pensione con la minima: potranno rivalersi sulla mia pensione per recuperare il mio debito?. Clicca qui.

Stai leggendo Tra alcuni mesi andrò in pensione con la minima: potranno rivalersi sulla mia pensione per recuperare il mio debito? Autore Antonio Scognamiglio Articolo pubblicato il giorno 27 Gennaio 2009 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Settembre 2017 Classificato nella categoria contratti di prestito microcredito e usura e sovraindebitamento - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Anonimo 18 Febbraio 2010 at 14:55

    se ai dei conti perche non hai assolto ai tuoi doveri?

  • Luca 10 Maggio 2009 at 11:52

    Salve, quali sono i termini per cui una società di recupero crediti può rivalersi di un insolvente?

    • weblog admin 10 Maggio 2009 at 13:26

      Fino al 20% dell’importo.

    • weblog admin 10 Maggio 2009 at 13:02

      Dpende da quale tipo di credito si parla e sempre che non ci siano state comunicazioni correttamente notificate (anche in giacenza) che interrompono i termini di prescrizione.

      Per maggiori approfondimenti consulti questo articolo.

  • Alex 29 Gennaio 2009 at 10:53

    Ciao ho un problema con un pignoramento da divorzio.
    sono divorziato da circa 20 anni e ho smepre onorato gli alimenti ai miei figli nell’ultimo anno e mezzo non ho più onorato in accordo non scritto con loro tale cosa. adesso la mia exmoglie mi ha mandato il pignoramento sui conti bancari. io ho due banche una mi ha ocngelato i conti al momento dle pignoramento per quello presente in quel momento e poi mi ha riaperto i conti, una invece continua a tenere bloccati i mie conti. como posso far liberare anche quei conti ?