TITOLI IN PEGNO

Buongiorno le pongo il mio quesito : ho un debito con la banca di circa 80000 euro tra fideussione per un affitto non pagato fido e restante debito che avevo contratto per l'acquisto di un negozio che sono stata costretta a chiudere e naturalmente non sono riuscita più a pagare . come garanzia a questo debito ho dei titoli di stato del valore di 35000 euro che il direttore voleva in automatico assorbire con la mia autorizzazione ma io non voglio lo so che può essere una decisione egoistica visto che non riesco più a pagare ma quei soldi sono anni di sacrifici .

Caduta in depressione non ho più contattato la banca perché mi vergogno della situazione che si è venuta a creare visto che quando la mia attività andava bene non ho mai avuto un ritardo di pagamento mi è arrivata una lettera dall'ufficio legale che entro dieci giorni devo saldare il debito ma intanto mi continuano a mandare gli interessi maturati dei miei titoli. il mio quesito è : se io mando una raccomandata con le mie intenzioni a pagare secondo le mie possibilità che purtroppo sono minime senza assorbire i miei titoli può essere un'idea ? oppure verranno presi in automatico ?non so più cosa fare anche perché non è l'unico problema che ho....

Avremmo bisogno di ulteriori dettagli.

Ad ogni qual modo, ormai i titoli hanno poche speranze di essere conservati (se nel frattempo non sono già andati in compensazione del debito...).

E' da dire che per quanto buoni possano essere gli interessi creditori prodotti dai titoli, gli interessi debitori con ogni probabilità saranno sicuramente più elevati (salvo smentita). Pertanto sarà per Lei più conveniente abbassare il debito portando in compensazione i titoli che non conservarli e far loro maturare interessi... a sciogliere questo nodo, tuttavia, potrebbe pensarci entro breve direttamente la banca.

16 marzo 2011 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Il pegno rotativo - Di cosa si tratta
Il contratto di pegno rotativo è sorto nella prassi bancaria, allo scopo di risolvere un problema postosi in tema di pegno di titoli di credito, la cui scadenza è spesso più ravvicinata della prevedibile durata del rapporto di garanzia. Il riconoscimento della validità del patto si fonda anche sulla considerazione ...
Conto corrente e deposito titoli - diritto di ritenzione illegittimo se interpretato come diritto della banca a vendere i titoli per soddisfarsi di un credito
Spesso, nei contratti di conto corrente con deposito titoli, ritroviamo clausole che prevedono il diritto di ritenzione: il diritto di ritenzione consente alla banca il realizzo dei titoli depositati dal cliente quando il saldo del rapporto di conto corrente risulti negativo ed il debitore non provveda, dopo l'invito della banca, ...
Titoli in conto deposito del cliente debitore - La banca può esercitare il diritto di ritenzione ma sono illegittime vendita e compensazione
La banca può procedere alla vendita dei titoli depositati in un conto di deposito e alla compensazione fra il ricavato e il proprio credito relativo al conto corrente associato del cliente debitore? In pratica, ci si chiede se sia legittimo, per la banca, esercitare il diritto di vendita dei titoli ...
Conto corrente e deposito titoli - Il diritto di ritenzione della banca non implica quello di vendita dei titoli
I contratti di conto corrente possono contenere clausole che garantiscono la banca in caso di inadempimento da parte del correntista e che spesso rinviano anche a disposizioni del Codice civile. In particolare: l'articolo 1853 del codice civile prevede che, quando esistano tra la banca e il correntista più rapporti o ...
Titoli su conto corrente cointestato - Pignorabili anche se acquistati con denaro proveniente da disponibilità esclusiva del cointestatario non debitore
In caso di deposito bancario di titoli in amministrazione, cointestato ai coniugi, le parti di ciascuno si presumono eguali al 50% ciascuna, se non risulta diversamente. In tale scenario, la dimostrazione del cointestatario coniuge non debitore di avere avuto la proprietà e la disponibilità esclusiva del denaro utilizzato per l'acquisto ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su titoli in pegno. Clicca qui.

Stai leggendo TITOLI IN PEGNO Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 16 marzo 2011 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria contratti di prestito microcredito e usura e sovraindebitamento - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca