Metà tfr ogni mese in busta paga » La nuova idea dell'esecutivo

Subito metà Tfr in busta paga: nuovo piano del governo per risollevare i consumi. Ma quali possono essere le ricadute per le famiglie quando il lavoro termina?

Il TFR (Trattamento di Fine Rapporto), detto anche liquidazione, viene di volta in volta chiamato in causa come la soluzione possibile di fronte alle difficoltà dei conti pubblici e i problemi delle singoli persone.

Il Tfr vale ogni anno per tutti i lavoratori dipendenti nel complesso tra i 25 e i 26 miliardi.

La novità che l’esecutivo vorrebbe portare a breve è quella di corrispondere ai lavoratori, ogni mese, il 50% del Tfr direttamente nelle loro buste paga.

L’altra metà sarà invece lasciata alle imprese come è avvenuto sino ad ora.

La misura, che dovrebbe durare due o tre anni, servirà a rilanciare i consumi e garantire agli italiani maggiore liquidità per spendere.

Quali sarebbero gli effetti sulle retribuzioni?

I potenziali aumenti dipendono da quanto guadagna il lavoratore, visto che il Tfr è proporzionale allo stipendio e ammonta a circa il 6,9% del salario annuo, esclusi i compensi occasionali e straordinari.

Per calcolare gli effetti del provvedimento studiato dal governo (almeno stando alle indiscrezioni di stampa) si possono fare a grandi linee alcuni esempi, che vanno presi però con il beneficio di inventario, poiché restano da chiarire diversi punti.

Primo, non è ancora chiaro se tutti i lavoratori potranno avere il Tfr in busta paga. Per adesso, si parla di una sperimentazione riservata ai dipendenti del settore privato e sembra quasi sicuro che si tratterà di un’opzione facoltativa.

Come accennato, infatti, spetterà allo stesso lavoratore la scelta se incassare le quote della liquidazione o tenersele da parte.

Inoltre, non è ancora ben chiaro come i potenziali aumenti di stipendio verranno tassati, cioè se saranno soggetti all’irpef (come gli stipendi) o, più probabilmente, a un’aliquota agevolata.

Infine, va ricordato che circola anche l’ipotesi che il trattamento di fine rapporto venga liquidato in un’unica soluzione, sotto forma di quattordicesima, anziché mensilmente come un aumento di stipendio.

Il mondo imprenditoriale comunque, si oppone alla misura: la stessa farebbe uscire dalle casse delle aziende un flusso di denaro da sempre utilizzato per evitare il ricorso al credito.

Altro tema delicato resta la copertura dell’intero intervento soprattutto sul fronte dell’accelerazione dell’esborso di cassa cui dovrebbe far fronte lo Stato con una ricaduta negativa sull’indebitamento.

Che dire, trasferire direttamente nelle tasche dei lavoratori il 50% della liquidazione nelle intenzioni dell’Esecutivo farebbe comunque aumentare il potere di acquisto delle famiglie.

Ma le conseguenze, per le stesse famiglie, al momento dello scioglimento del rapporto di lavoro, potrebbero essere nefaste.

26 Settembre 2014 · Patrizio Oliva

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Trattamento di fine rapporto in busta paga ad aprile - il modulo per la domanda al datore di lavoro
Con lo stipendio di aprile 2015 sarà possibile ottenere il pagamento della quota maturanda del trattamento di fine rapporto come parte integrativa della retribuzione. Di questa nuova opportunità potranno beneficiare i lavoratori dipendenti del settore privato che hanno un rapporto di lavoro in essere da almeno sei mesi presso la medesima azienda. La domanda per richiedere il pagamento mensile della quota maturanda del trattamento di fine rapporto come parte integrativa della retribuzione potrà essere presentata a partire dal 3 aprile p.v., data in cui entrerà in vigore il decreto attuativo delle misure già previste nella legge di stabilità 2015. Occorrerà ...

Minacciare il lavoratore che non sottoscrive una falsa busta paga integra il reato di estorsione
Integra il delitto di estorsione la condotta del datore di lavoro il quale, approfittando della situazione del mercato del lavoro a lui favorevole per la prevalenza dell'offerta sulla domanda, costringe i propri dipendenti, con la minaccia larvata di licenziamento, ad accettare la corresponsione di trattamenti retributivi deteriori e non adeguati alle prestazioni effettuate, in particolare inducendo a sottoscrivere buste paga attestanti il pagamento di somme maggiori rispetto a quelle effettivamente versate. Si tratta del principio di diritto enunciato dai giudici della Corte di cassazione, sezione penale, con la sentenza 45413/18. La vicenda portata all'attenzione dei giudici di legittimità riguardava un ...

Il lavoratore non può rinunciare al TFR prima di averne maturato il diritto alla liquidazione
Atteso che il diritto alla liquidazione del trattamento di fine rapporto del lavoratore ancora in servizio è un diritto futuro, la rinuncia effettuata dal lavoratore è radicalmente nulla ai sensi degli artt. 1418, secondo comma, e 1325 cod. civ., per mancanza dell'oggetto, non essendo ancora il diritto entrato nel patrimonio del lavoratore e non essendo sufficiente l'accantonamento delle somme già effettuato. La considerazione che non era ancora maturato il diritto alla liquidazione del TFR, essendo il lavoratore ancora in servizio al momento dell'atto di disposizione, è determinante ai fini della soluzione della delibata questione, giacché per lo scrutinio di legittimità ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su metà tfr ogni mese in busta paga » la nuova idea dell'esecutivo. Clicca qui.

Stai leggendo Metà tfr ogni mese in busta paga » La nuova idea dell'esecutivo Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 26 Settembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 4 Agosto 2017 Classificato nella categoria lavoro e pensioni Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)