Testamento e successione » Il testamento




» Vai all'indice dei contenuti dell'articolo completo


Il testamento è l’atto con cui le persone stabiliscono a chi andranno i loro beni quando avranno cessato di vivere.

È necessario aver compiuto il 18° anno di età ed essere capaci di intendere e di volere. Il testamento può contenere anche disposizioni di carattere non patrimoniale, come il riconoscimento del figlio naturale. Il testatore, cioè colui che sottoscrive il testamento, può revocare o modificare le proprie volontà con successivi testamenti, o dichiarazioni, davanti a un notaio.

Non può invece revocare il riconoscimento di un figlio naturale. La dichiarazione di riconoscimento resta valida anche se successivamente revocata e ha effetto dal giorno della morte di chi ha fatto testamento.

Il testamento può essere:

Il contenuto del testamento viene reso noto dopo la morte del testatore, tramite il notaio. Può chiedere l’apertura del testamento chiunque creda di avervi interesse.



» Vai all'indice dei contenuti dell'articolo completo


19 Settembre 2013 · Andrea Ricciardi




Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su testamento e successione » il testamento. Clicca qui.

Stai leggendo Testamento e successione » Il testamento Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 19 Settembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 2 Aprile 2018 Classificato nella categoria successione eredità e donazioni - nozioni generali collazione riduzione donazioni e disposizioni testamentarie lesive quota legittima Inserito nella sezione successione donazione rinuncia eredità

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)