Tempi di permanenza e cancellazione dagli archivi dei cattivi pagatori 

Da come si son messe le cose è probabile che lei debba attendere due anni prima di poter richiedere la cancellazione da CRIF.

Lo schema di verifica cancellazione è illustrato qui.

crif tempi

Vada sul sito cliccando sull’immagine e segua le istruzioni. Potrà così sapere se risulta inclusa fra i cattivi pagatori e procedere, se ne ha diritto (legga a questo proposito il tipo di segnalazione inoltrato dalla finanziaria)procedere con la richiesta di cancellazione del suo nominativo.

Per Experian la procedura è identica. Cambia il sito che è questo.

Per CTC (Consorzio di Tutela del Credito), analoga procedura per l’accesso ai dati, la verifica di esistenza di una eventuale registrazione e la richiesta di cancellazione. Si procede on line anche con questa Centrale Rischi, seguendo le istruzioni indicate qui.

Per porre una domanda su debiti e sovraindebitamento, accedi al forum.

18 Settembre 2010 · Chiara Nicolai

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

cancellazione dagli archivi dei cattivi pagatori
Decorsi i 24 (ventiquattro) mesi dalla data dell'accordo stragiudiziale, dovrà procedere alla cancellazione dalle centrali rischi in cui risulterà essere stato segnalato (di solito CRIF, ma talvolta anche Experian e/o CTC). I cattivi pagatori sono quelli illustrati nella tabella seguente. Per questa operazione avrà bisogno della liberatoria che, contestualmente all'accordo, dovrà aver cura di farsi rilasciare dall'attuale creditore. Tenga tuttavia presente che la cancellazione dalle banche dati ufficiali dei cattivi pagatori non le garantirà l'erogazione del mutuo. Banche ed intermediari fanno spesso riferimento a banche dati occulte e non ufficiali dove la registrazione del nominativo insolvente persiste anche dopo il ...

Cattivi pagatori e diritto all'oblio – guida alla cancellazione dei propri dati con ricorso all'Autorità per la tutela della privacy
Come fare quando, pur essendone obbligata, la Centrale Rischi non provvede alla cancellazione dei dati relativi al cattivo pagatore. I rimedi possibili sono la segnalazione, il reclamo ed il ricorso all'Autorità per la tutela della privacy. In questo articolo vengono fornite al cattivo pagatore tutte le informazioni utili per ottenere quello che viene ormai universalmente riconosciuto come il diritto all'oblio. Si pone poi un'altra questione: serve davvero al cattivo pagatore la cancellazione dei propri dati dalla Centrale Rischi? Alcuni osservatori ritengono di no perchè, affermano, esistono banche dati occulte in cui i nominativi dei cattivi pagatori restano registrati per sempre. ...

Cancellazione dei nominativi dagli archivi dei cattivi pagatori
Dal 2011 non sono stati più onorati i vari debiti (mutuo, prestiti, carte di credito) sapevo che occorrevano 36 mesi, mentre mi è stato detto che si può cancellare subito dalle centrali rischi (crif, ctc, experian, cai. Scusate la mia ignoranza in materia perciò avevo chiesto un parere in merito sulla possibilità di essere cancellato dalle banche dati come cattivo pagatore. Quindi devo dedurre che mi è stato detto un bugia per espellere soldi. Grazie per la futura risposta. ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su tempi di permanenza e cancellazione dagli archivi dei cattivi pagatori . Clicca qui.

Stai leggendo Tempi di permanenza e cancellazione dagli archivi dei cattivi pagatori  Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 18 Settembre 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 5 Giugno 2019 Classificato nella categoria domande e risposte su prestito negato e cattivi pagatori

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)