Telefono Blu pignora Telecom Italia

L'associazione Telefono Blu Consumatori rende noto che un proprio associato ha attivato procedura di pignoramento nei confronti di Telecom Italia S.p.A. Per una volta è Telecom Italia ad essere pignorata.

La vicenda trae origine da una sentenza ottenuta tramite il proprio delegato provinciale di - Massa Carrara Avv. Massimiliano Buriassi; tale sentenza ha condannato telecom Italia S.p.A. al risarcimento del danno esistenziale patito da un utente a causa dell'indebita sospensione dell'utenza telefonica da parte dell'operatore .

La società di Telefonia, inspiegabilmente, trascorso oramai un anno dalla sentenza non ha provveduto a pagare le somme dovute a titolo di risarcimento del danno ed a rimborsare le spese legali per l'utente vittorioso ed oggi l'associato di Telefono Blu si ritrova a dover pignorare il colosso della Telefonia fissa e mobile.

L'associazione Telefono Blu ritiene che sia da stigmatizzare il comportamento della società telefonica che nonostante le plurime intimazioni che la invitavano al pagamento non ha adempiuto alle prescrizioni della sentenza del Giudice. Mentre, infatti, quando l'utente si trova a dover pagare delle somme a Telecom questa si avvale di società di recupero crediti estremamente aggressive che non concedono tregua al debitore. Quando è Telecom a dover risarcire pare non volerne sapere di pagare.

8 dicembre 2007 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Link a ritroso

Stai leggendo Telefono Blu pignora Telecom Italia Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 8 dicembre 2007 Ultima modifica effettuata il giorno 22 gennaio 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.




Cerca