Il recesso anticipato e le penali di disattivazione nei contratti di telefonia

Come noto, la legge Bersani ha abolito le penali per recesso anticipato dei contratti di telecomunicazione (telefonia, pay tv, etc.), ed ha eliminato i termini di durata dei contratti.

Ad oggi quindi dovrebbe essere possibile recedere da tali contratti in qualsiasi momento in maniera gratuita. In realtà molti gestori telefonici continuano a chiedere il pagamento di penali mascherate da "spese di disattivazione" o similari, giocando sul fatto che la legge consente loro di chiedere il rimborso dei costi dell'operatore che siano "giustificati".

Sul punto, però, ci sono da dire diverse cose. Innanzitutto, il Garante delle telecomunicazioni, con le linee guida del 2007 è intervenuto per chiarire il punto specificando che i costi devono comunque essere precisati sul contratto e che è necessaria una prova che colleghi gli stessi alle attività del gestore (con valutazione dell'AGCOM stessa).

In un primo momento il Garante aveva anche evidenziato che in caso in caso di passaggio da operatore ad operatore i costi di disattivazione non possono dirsi "giustificati" perché già remunerati dall'operatore che acquisisce il cliente.

Dal 2012 in poi, però, il Garante ha cambiato orientamento, prendendo posizione a favore dell'addebito di spese in tutti i casi di disattivazione anticipata quando i relativi importi sono previsti dai contratti e dalle carte dei servizi dei gestori ed approvati (autorizzati) dal Garante stesso. A tal fine ha predisposto una pagina del proprio sito per la pubblicazione dei piani tariffari e dei costi di recesso distinti per compagnia.

C'è stato anche l'intervento del Consiglio di Stato che ha confermato l'orientamento del TAR del Lazio nello stabilire, per le offerte promozionali, che le clausole che prevedono addebiti di spese in caso di recesso anticipato sono legittime e il loro impedimento viola il principio della libertà negoziale. Il punto diventa ancora più confuso considerando la difficoltà a capire se si è davanti ad un contratto-base o ad un contratto in offerta promozionale. Qui un nostro approfondimento.

Dunque, possiamo concludere dicendo che al recesso anticipato è purtroppo legato l'addebito di spese di disattivazione, se quantificate dal contratto (piano tariffario) e/o dalla carta dei servizi del gestore e approvate dall'AGCOM.

Contestare questo addebito è diventato praticamente impossibile considerando che c'è obbligatorietà di tentare la conciliazione davanti al Corecom e il Corecom, organo dell'Autorità garante, indirizza gli esiti delle conciliazioni secondo gli orientamenti dell'AGCOM.

1. Tutte le insidie nascoste nei contratti di telefonia internet e pay tv » Una guida a tutela del consumatore
2. Le regole generali per i contratti di telefonia ed internet
3. La telefonia fissa e gli standard di qualità
4. Le offerte presentate ai consumatori devono essere chiare
5. Confronto delle offerte
6. Cose da sapere prima e dopo la sottoscrizione di un contratto di telefonia o internet
7. Il recesso nei contratti di telefonia ed internet a distanza
8. Contratti di telefonia o internet ad utenza fissa: standard qualitativi reclami e migrazione
9. Contratti di telefonia o internet ad utenza mobile: standard qualitativi reclami e migrazione
10. Il recesso anticipato e le penali di disattivazione nei contratti di telefonia
11. La disdetta nei contratti di telefonia e la restituzione degli apparati
12. Gli indennizzi automatici nei contratti di telefonia
13. L'addebito sulle spese di invio della bolletta per contratti di telefoni a o internet
14. I consigli dell'Agcom sui contratti di telefonia e internet
15. Breve riepilogo sulla conciliazione obbligatoria fra utenti consumatori e fornitori di servizi di comunicazione
16. Come trovare tariffe ed operatori più vantaggiosi per risparmiare
17. Danno patrimoniale causato da disservizi per contratto internet: sussiste il risarcimento danni
18. I contratti per utenze domestiche possono essere sottoscritti soltanto da assegnatario, proprietario o affittuario
19. Obbligo di approvazione esplicita sui numeri telefonici a pagamento
20. Le compagnie di telefonia mobile non possono appropriarsi delle somme residue nelle ricariche telefoniche
21. Nasce la banca dati dei cattivi pagatori per utenze di telefonia
» Vai alla visualizzazione integrale dell'articolo (pagina singola)
» Vai all'indice delle sezioni dell'articolo
condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info