La conciliazione dopo aver presentato un reclamo in merito a disservizi telefonici

Come avviene la procedura di conciliazione dopo aver presentato un reclamo in merito a disservizi telefonici.

Per la soluzione delle controversie tra utenti ed operatori di comunicazioni elettroniche il cittadino che intende agire in giudizio per la violazione di un proprio diritto è tenuto a promuovere preventivamente un tentativo di conciliazione dinanzi al Co.Re.Com. della propria regione.

L'istanza deve essere inoltrata al Co.Re.Com mediante la compilazione del formulario UG.

Dal momento della proposizione del tentativo obbligatorio di conciliazione i termini per agire in giudizio sono sospesi e riprendono a decorrere dalla scadenza del termine di conclusione del procedimento, che è pari a 30 giorni dalla data di proposizione dell'istanza.

Decorso il predetto termine le parti sono libere di adire l'Autorità giudiziaria, anche se la procedura conciliativa non si è ancora conclusa.

Se la conciliazione ha esito positivo è redatto un verbale di conciliazione costituente titolo esecutivo, in cui si prende atto dell'accordo.

Se, viceversa, in udienza non si raggiunge l'accordo, qualora per il medesimo oggetto e tra le stesse parti non sia stata già adita l'Autorità Giudiziaria, le parti possono chiedere all'Autorità di definire la controversia ai sensi dell'art. 84 del Codice delle comunicazioni elettroniche.

L'istanza con cui viene deferita all'Autorità la risoluzione delle controversie deve essere inoltrata alla Direzione tutela dei consumatori mediante la compilazione del formulario GU14.

La Direzione tutela dei consumatori, verificata l'ammissibilità dell'istanza, entro dieci giorni dal ricevimento della stessa invita le parti a comparire all'udienza fissata per la discussione della controversia, per la cui definizione è previsto un termine di 90 giorni dal ricevimento della richiesta.

Per completezza di informazione, precisiamo che in base alla Delibera dell'Autorità n. 182/02/CONS ad oggetto: Adozione del regolamento concernente la risoluzione delle controversie insorte nei rapporti tra organismi di telecomunicazioni ed utenti” ed esattamente ai sensi dell'art. 3 è d'obbligo, per i soggetti che intendano agire in giudizio, esperire prima il citato tentativo di conciliazione di fronte al Co.Re.Com competente per territorio, che è individuato, per la telefonia fissa, con riferimento al luogo in cui è ubicata l'utenza telefonica e nel caso della telefonia mobile con riferimento al luogo in cui l'utente ha la residenza o il domicilio.

Per avviare la prevista procedura di conciliazione si può contattare il Co.Re.Com regionale competente.

30 giugno 2017 · Gennaro Andele

Argomenti correlati

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la conciliazione dopo aver presentato un reclamo in merito a disservizi telefonici. Clicca qui.

Stai leggendo La conciliazione dopo aver presentato un reclamo in merito a disservizi telefonici Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 30 giugno 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 4 luglio 2017 Classificato nella categoria tutela consumatori - fonia adsl RAI e pay tv Inserito nella sezione tutela consumatori.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca