telefonata in ditta dal recupero crediti

Oggi chiama in ditta dove lavoro un call center di recupero crediti e non trovandomi dice alla persona che era al telefono (casualmente il mio capo) salve sono il Dott. YYYYYYYYY cerco il Sig. xxxxxxx chiamo da parte della Agos per chiarimenti amministrativi. Che ne sappia io non possono farlo o sbaglio , cosa posso fare io ? Catalafuni

A me e alla mia compagna, circa 4 anni fa, vennero proprio sul posto di lavoro un paio di volte. Casualmente non eravamo in servizio ma parlarono con chi stava in portinerìa e illustrando loro il perchè della loro presenza.

Non contenti di averci trovato pensarono bene di inviare alla sede centrale tutta la nostra documentazione (tutte le fotocopie di: atti di precetto, atti giudiziari, ricevute di raccomandate, ecc. ecc.) con la loro richiesta di saldo debito e ben pensarono di omettere, sulle buste, nomi e cognomi dei rispettivi destinatari. Così le buste vennero aperte e venne letto tutto il contenuto in quanto la lettera di accompagno, stranamente, era sotto a tutto il dossier. Quindi a noi arrivarono le buste aperte e riaperte.

Non ultimo, il tizio del recupero crediti, ben pensò di lasciarci, una mattina alle 7, comunicazione del suo passaggio con tanto di qualifica ma ……. non di nome e cognome. Guderian

Distinguiamo bene le due condotte, quella descritta da Catalafuni e quella descritta da Guderian.

Nel primo caso siamo ai limiti della correttezza. Il Garante per la Privacy ha proibito con apposito provvedimento le telefonate che non siano fatte al diretto interessato, tuttavia in questo caso il recuperatore si è comportato intelligentemente, evitando di chiarire i motivi della telefonata, la quale pertanto è da considerarsi un tentativo di contatto del debitore sul luogo di lavoro, e non una comunicazione a terzi in violazione del più ampio dettato della legge 196/03. Un’eventuale azione contro il recuperatore dubito che in questo caso avrebbe esito positivo.

Nel secondo caso invece siamo di fronte ad un palese dispregio di ogni regola in materia di privacy. In questo caso sarebbe possibile un’azione volta alla segnalazione dell’accaduto al Garante, e secondo me anche un’azione civile per il risarcimento del danno (salvo l’accertamento di ulteriori reati ipotizzabili, come l’estorsione).

12 Marzo 2011 · Simone di Saintjust

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Debiti – difendersi dagli esattori di recupero crediti
Gli esattori non possono presentarsi in casa o sul posto di lavoro senza un preventivo assenso del debitore e senza concordare ora e luogo dell'incontro. In particolare gli esattori non possono: usare o minacciare l'uso della forza contro di voi, un vostro familiare o altra persona a voi legata; danneggiare o minacciare di danneggiare beni di vostra proprietà; bloccare l'accesso a casa vostra o bloccare il vostro passaggio; entrare in casa vostra se avete negato il permesso o rifiutarsi di andarsene quando chiedete loro di farlo. ...

Agenti di recupero crediti vs debitori » Abusi ed azioni illecite
Al giorno d'oggi, si sa, i comportamenti scorretti ed illegittimi delle società di recupero crediti sono all'ordine del giorno. Infatti, ci si può ritrovare a vivere un incubo: c'è chi viene tartassato da una sfilza di chiamate al proprio recapito telefonico, chi da una scarica di sms sul cellulare o da una sequela di lettere nella casella della posta, o addirittura tutte e tre queste azioni in contemporanea. Dalle telefonate agli orari più inopportuni con toni importuni e spesso maleducati, ai messaggi sul telefonino che promettono “a breve” la visita di un incaricato per riscuotere un credito, alle lettere scritte ...

Recupero crediti – non sono leciti comportamenti lesivi della dignità del debitore
Messaggi telefonici preregistrati che intimano a pagare, messaggi affissi sulla porta visibili a tutto il condominio. L'attività di recupero crediti ha assunto in Italia modalità più consone a scagnozzi e usurai che a società specializzate, operanti per conto di grandi aziende, finanziarie e/o fornitrici di servizi. Per porre freno a questo andazzo, l'Autorità per la tutela della privacy ha emanato un provvedimento a carattere generale che detta i principi a cui si devono attenere gli operatori del settore. L'intervento dell'Autorità per la tutela della privacy è giunto al termine di accertamenti avviati a seguito di numerose segnalazioni sull'uso illecito dei ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su telefonata in ditta dal recupero crediti. Clicca qui.

Stai leggendo telefonata in ditta dal recupero crediti Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 12 Marzo 2011 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)