Cosa accade se la raccolta dei rifiuti non viene eseguita correttamente

Ecco cosa accade se la raccolta dei rifiuti non viene eseguita correttamente.

Capita spesso di ricevere dal Comune una cartella di pagamento della Tari, la Tassa Rifiuti, che deve pagare chiunque possieda o utilizzi spazi che producono rifiuti urbani.

Ma se il servizio non è a norma, o completamente disorganizzato, cosa si può fare?

Se si ritiene di essere vittime di un disservizio, è possibile andare al Comune per chiedere una riduzione dell'imposta sui rifiuti.

Infatti, secondo la sentenza emessa dalla Commissione Tributaria Provinciale di Vibo Valentia, se il servizio di raccolta della spazzatura non funziona e, in città, i sacchetti non vengono ritirati, con disagi per tutti i cittadini, è possibile ottenere una riduzione dell'80% sulla Tari dovuta. In altre parole siamo tenuti a pagare solo il 20% dell'imposta.

Per ottenere lo sconto sulla tassa sui rifiuti, dovremo però documentare l'effettivo blocco della gestione del servizio rifiuti: lo potremo fare producendo una serie di fotografie e/o un'attestazione dell'Asl sul degrado igienico sanitario dell'area.

Quindi, se il servizio di raccolta della spazzatura non funziona, possiamo richiedere uno sconto dell'80% sulla Tari dovuta per l'anno d'imposta.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati - clicca sul link dell'argomento di interesse

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info