La TASI per l'inquilino

La TASI deve essere pagata sia dal proprietario che dall'inquilino, ognuno per la quota a proprio carico (90% il proprietario e 10% l'inquilino). Pertanto, è privo di effetti giuridici qualsiasi eventuale accordo in base al quale il carico tributario viene traslato da uno all'altro dei soggetti passivi.

Inoltre, l'unità immobiliare nella quale si risiede anagraficamente e si dimora abitualmente ai fini TASI è considerata abitazione principale solo se posseduta a titolo di proprietà o altro diritto reale di godimento. Pertanto, l'occupante/detentore dell'immobile, se non è anche possessore dell'immobile stesso, deve versare la TASI per la quota di competenza (10%) con l'aliquota di base senza alcuna detrazione per l'abitazione principale.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca