Tarsu e come non pagare per un locale inutilizzato

Cartella Tarsu

Spero possiate aiutarmi per una questione in cui non riesco a districarmi. Mio padre, che ha 67 anni ed è un pensionato sociale, ha ricevuto una cartella di pagamento di circa 1.700 euro da parte di Equitalia per la Tarsu di un locale del comune di Casoria (noi siamo residenti a Napoli), locale che mio padre aveva in affitto in passato per esercitare la sua attività di artigiano.

Mio padre ha lasciato quel locale nel 1998, però ha chiuso la partita iva solo nel 2009. La cartella di pagamento si riferisce alla Tarsu del 2011, mio padre si è recato all’ufficio tarsu del comune di Casoria e gli hanno detto che presentando una copia della chiusura della partita iva sta a posto.

Però io mi pongo una serie di domande:

-innanzi tutto, ha davvero valore questa copia della chiusura della partita iva (che poi abbiamo una semplice ricevuta dato che è stata fatta on line dal commercialista)?

– seconda cosa, una volta data questa copia all’ufficio, saranno loro a fare questa comunicazione a Equitalia? e se non la fanno in tempo, o se non la fanno affatto, Equitalia potrà agire contro mio padre? Vorrei specificare che in questo ufficio gli hanno dato semplicemente un modulo da compilare in cui si richiede la cancellazione dall’elenco tarsu per l’anno 2011

-terza cosa, se si basano solo sulla chiusura della partita Iva, potrebbero chiedergli il pagamento per gli anni precedenti al 2009? come potrebbe fare mio padre a dimostrare che ha lasciato il locale molto prima? purtroppo non c’era neanche un contratto di fitto, non so che fare, è assurdo che debba pagare questi soldi per un’attività che non esercita da anni, so che ha sbagliato a chiudere tardi la partita iva, ma so che la Tarsu la paga chi occupa il locale e lui l’ha lasciato dal 1998. Spero possiate aiutarmi, sono un pò scoraggiata.

Prescrizione Tarsu

Lei si pone troppe domande. Segua le procedure che le sono state indicate. Le informazioni sulla chiusura della partita IVA sono registrate e riscontrabili presso l’Agenzia delle Entrate.

Per la Tarsu la prescrizione è quinquennale.

Del resto, le hanno già risposto che

Se il contribuente ha cessato l’attività e la conduzione dei locali a far tempo dal 1998 e non ha prodotto contestuale denuncia di fine occupazione dei locali ai fini TARSU (ex articolo 64 del Dlgs 507 del 1993) egli è legittimamente obbligato a corrispondere la TARSU per tutto l’anno 1998. Ma, se il contribuente è in grado di produrre documentazione di chiusura partita IVA, egli può ricorrere in commissione tributaria avverso la cartella di pagamento per ottenere lo sgravio di tutti gli importi pretesi e successivi al 1998.

27 Settembre 2012 · Genny Manfredi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Prescrizione e decadenza delle pretese su IRPEF, bollo auto, TARSU, imposta di registro di successione e di donazione
Il concessionario notifica la cartella esattoriale, entro l'ultimo giorno del quarto mese successivo a quello di consegna del ruolo, al debitore iscritto a ruolo o al coobbligato nei confronti dei quali procede, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre: del terzo anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione, per le somme che risultano dovute a seguito dell'attività di liquidazione prevista dall'articolo 36~bis del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, numero 602; del quarto anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione, per le somme che risultano dovute a seguito dell'attività di controllo formale prevista dall'articolo 36-ter ...

Tributi locali - prescrizione e decadenza
In questo articolo si discute della prescrizione dei tributi locali, dei termini di decadenza per la notifica degli avvisi di accertamento e per la notifica della cartella esattoriale sempre relativamente ai tributi locali. Termini di prescrizione dei tributi locali I tributi locali si prescrivono nel termine di cinque anni dal giorno in cui il tributo è dovuto o dal giorno dell'ultimo atto interruttivo tempestivamente notificato al contribuente (articolo 2948  comma 4 del Codice civile). L'applicazione del termine breve di cinque anni (in luogo di quello ordinario di dieci anni) è stata affermata dalla Cassazione con sentenza del 23 febbraio 2010. ...

La notifica della cartella esattoriale per TARSU deve avvenire nel termine di prescrizione di cinque anni
In tema di riscossione della tassa per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani (TARSU), la notifica della cartella esattoriale non è sottoposta ad alcun termine di decadenza, posto che quello fissato dall'art. 72, comma primo, del d.lgs. 15 novembre 1993, n. 507, si riferisce esclusivamente alla formazione e alla notifica del ruolo, ma deve comunque avvenire nel termine di prescrizione di cinque anni, ai sensi dell'articolo 2948, numero 4, del codice civile. Infatti, la TARSU, la TOSAP ed i contributi di bonifica sono tributi locali che si strutturano come prestazioni periodiche, con connotati di autonomia nell'ambito di una "causa debendi" ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su tarsu e come non pagare per un locale inutilizzato. Clicca qui.

Stai leggendo Tarsu e come non pagare per un locale inutilizzato Autore Genny Manfredi Articolo pubblicato il giorno 27 Settembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 1 Maggio 2017 Classificato nella categoria cartelle esattoriali - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)