Tarsu e autotutela - indebitati.it

Omessa denuncia al TARSU

Ho acquistato tramite asta pubblica due immobili categoria C/6 nell’ottobre 2008 ed omesso la denuncia ai fini TARSU.

Gli immobili sono totalmente inutilizzati e privi di qualsiasi allaccio alla rete elettrica, fognaria ed idrica.

Il comune in data 12/7/2012 mi ha inviato avviso di accertamento per omessa denuncia ai fini TARSU, comminando sia le sanzioni per omessa denuncia sia applicando tributo di destinazione 90 (depositi e simili quasi costantemente chiusi senza accesso al pubblico).

Se si trattasse di abitazione l’assenza di qualsiasi allaccio alla rete elettrica, idrica e fognaria comporterebbe non idoneità dell’immobile alla produzione di rifiuti( in quanto di fatto non utilizzabile) e quindi dovrebbe essere esente dalla TARSU.

Questo si può applicare per analogia agli immobili di categoria C/6? Se così fosse dovrebbe essere pagata la sola sanzione relativa all’omessa denuncia od anche il tributo derivante dall’attribuzione alla destinazione d’uso 90 (poichè in assenza di denuncia l’immobile non è esente)?

La sanzione per omessa denuncia andrà pagata anche per gli anni successivi?

E’ possibile presentare istanza di autotutela per far presente la non utilizzabilità dell’immobile oppure occorre ricorrere alla perizia di un tecnico abilitato (geometra)? Nella perizia d’asta era già specificata l’assenza di qualsiasi impianto idrico, elettrico e fognario, sarebbe sufficiente allegare questa per l’esenzione dalla TARSU?

Istanza di autotutela al TARSU

E’ sempre possibile presentare un’istanza in autotutela. Come suol dirsi, domandare è lecito, rispondere è cortesia …

Nella categoria catastale C6 rientrano box o posti auto pertinenziali, autosilos, autorimesse (non pertinenziali), parcheggi a raso aperti al pubblico, stalle, scuderie e similia.

D’altra parte non sono soggetti alla Tassa i locali e le aree che non possono produrre rifiuti per loro natura o per il particolare uso cui sono destinati stabilmente. Di solito quelli:

  1. adibiti ad impianti tecnologici (termoelettrici, elettrici, idraulici, ecc.) di servizio a fabbricati ed aree, nonché utilizzati esclusivamente per deposito di legna, carbone e simili;
  2. nei quali si effettua esclusivamente lo stoccaggio merci e/o materiali a fini di conservazione o deposito senza alcun intervento di lavorazione, imballaggio o altra attività che possa produrre rifiuti;
  3. nei quali si effettuano esclusivamente attività sportive o ginniche limitatamente alle sole superfici adibite a tale uso;
  4. ricompresi nelle case coloniche, non destinati ad uso abitativo e utilizzati per l’esercizio dell’impresa agricola;

A me sembra che non ci sia alcuna corrispondenza fra le caratteristiche dei siti classificati in categoria catastale C6 e quelli esenti da TARSU. Anche per quanto attiene gli edifici di cui al punto 2, la chiusura al pubblico, a cui fa riferimento il codice 90, non esclude necessariamente la produzione di rifiuti. Forse, dopo l’acquisto in asta, sarebbe stato opportuno provvedere a modificare la destinazione d’uso.

Per quanto attiene le sanzioni esse andranno corrisposte per i sei anni antecedenti la data di notifica dell’avviso di accertamento. Nella fattispecie dalla data in cui è entrato in possesso degli immobili.

17 Settembre 2012 · Simonetta Folliero

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Autotutela e accesso agli atti – guida pratica
La previsione dell'articolo 26, dpr 29 settembre 1973 numero 602 (L'esattore deve conservare per cinque anni la matrice o la copia della cartella con la relazione dell'avvenuta notifica o l'avviso di ricevimento ed ha l'obbligo di farne esibizione su richiesta del contribuente o dell'amministrazione - ndr) non legittima sicuramente Equitalia a smarrire o distruggere le cartelle di pagamento prima di aver effettuato l'esecuzione, né individua una modalità di accesso ai documenti, ma disciplina il rapporto giuridico corrente tra l'agente della riscossione e il debitore, con specifico riferimento all'onere probatorio della pretesa di pagamento. Il che comporta che qualora sia ancora ...

TARSU E RIFIUTO DEL SERVIZIO DA PARTE DEL CONTRIBUENTE
La Corte di Cassazione ribadendo la natura tributaria della TARSU ha affermato che è irrilevante la dichiarazione con cui il contribuente rinuncia ad avvalersi del pubblico servizio di raccolta e smaltimento rifiuti. Infatti “i comuni esercitano in regime di privativa la raccolta e la gestione dei rifiuti solidi urbani e di quelli assimilati e per la prestazione del relativo servizio grava sui cittadini l'obbligo del pagamento del tributo, indipendentemente dal fatto che essi utilizzino il servizio medesimo, perchè ne abbiano la possibilità. Ne consegue che, con riferimento ad annualità di imposta precedenti al 2003, non da diritto ad alcuna esenzione ...

Cartella equitalia tarsu non pagata per immobile ove non ero più residente
Il 29 dicembre mi è stata notificata una cartella esattoriale per Tarsu non pagata per gli anni 2010 e metà 2011 (omessa denuncia), ma in realtà non risiedevo più nell'immobile già dall'estate 2009 avendo appunto cambiato residenza a luglio 2009. Cosa devo fare? PS: Invero, attendevo la sanzione per omessa denuncia per l'immobile dove ho trasferito la residenza ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su tarsu e autotutela - indebitati.it. Clicca qui.

Stai leggendo Tarsu e autotutela - indebitati.it Autore Simonetta Folliero Articolo pubblicato il giorno 17 Settembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 7 Gennaio 2017 Classificato nella categoria dichiarazione dei redditi tasse tributi contributi - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • RICCARDO SAK 3 Agosto 2013 at 11:44

    Sig. Simone la ringrazio molto per le sue precisazioni.