Tariffe professionali - le liberalizzazioni a tutela del consumatore

Tariffe professionali - le liberalizzazioni a tutela della concorrenza e del consumatore

La sentenza numero 9358 della seconda sezione Civile della Cassazione, depositata il 17 aprile 2013, segna un altro importante punto a favore delle liberalizzazione delle tariffe professionali.

L'occasione per sancire fondamentali principi in tema di liberalizzazione delle tariffe professionali è stata offerta alla Corte Suprema dall'esame di legittimità di un procedimento disciplinare a carico di un notaio, accusato di aver stipulato moltissimi mutui, in numero superiore alla media degli altri notai dello stesso distretto, percependo compensi inferiori ai minimi previsti dalla tariffa professionale.

Gli ermellini hanno ribaltato la sentenza della Corte d’appello, mandando assolto il notaio, sotto il profilo della violazione del comma 2 dell'articolo 147 legge notarile numero 89/1913, secondo il quale l'illecita concorrenza rappresenta un mezzo di pubblicità e di richiamo idoneo a porre in essere un comportamento disdicevole.

Il decreto Bersani sulle liberalizzazioni

L'articolo 2 del decreto-legge numero 223 del 2006 (conversione del decreto Bersani sulle liberalizzazioni) prevede:

  1. l'abrogazione delle disposizioni legislative e regolamentari che prevedono, con riferimento alle attività libero professionali e intellettuali, l'obbligatorietà di tariffe fisse o minime;
  2. l'adeguamento delle disposizioni deontologiche e dei codici di disciplina che contengono le prescrizioni sull'obbligatorietà di tariffe fisse o minime e, in caso di mancato adeguamento, la nullità delle norme in contrasto con la libera concorrenza.

L'abrogazione dell'obbligatorietà delle tariffe fisse, con la conseguente conformazione delle norme deontologiche e dei codici di autodisciplina, mira a rafforzare la libertà di scelta del cittadino consumatore e la promozione di assetti di mercato maggiormente concorrenziali, rendendo possibile la libera concorrenza nel settore dei servizi professionali e garantendo agli utenti un'effettiva facoltà di scelta nell'esercizio dei propri diritti e di comparazione delle prestazioni offerte sul mercato.

Abrogazione delle tariffe minime - Nessuna eccezione per i notai

Ad avviso del Collegio, l'abrogazione della obbligatorietà di tariffe fisse o minime riguarda la generalità delle professioni, senza eccezione alcuna; né la sua portata riformatrice - orientata alla tutela della concorrenza e ad offrire all'utente una più ampia possibilità di scelta tra le diverse offerte, maggiormente differenziate tra loro, sia per i costi che per le modalità di determinazione dei compensi (Corte cost., sentenza numero 443 del 2007) - può essere ridimensionata in ragione delle specificità dell'attività notarile.

In particolare, per i giudici di piazza Cavour, non può convenirsi, così come stabilito dal giudizio della Corte d'Appello, che, per l'attività notarile, la riduzione tariffaria costituirebbe un vulnus dell'ordine pubblico economico in quanto riguarderebbe prestazioni effettuate nell'esercizio di una funzione pubblica, in relazione alla quale non sarebbe ipotizzabile il regime di libera concorrenza.

L'orientamento della Corte di Giustizia europea in tema di attività notarili e libera concorrenza

Come ha chiarito anche la giurisprudenza della Corte di giustizia europea i notai, nei limiti delle loro rispettive competenze territoriali, esercitano la loro professione in condizioni di concorrenza; e la circostanza che le attività notarili perseguano obiettivi di interesse generale, miranti in particolare a garantire la legalità e la certezza del diritto degli atti conclusi tra privati, non è sufficiente a far considerare quelle attività come una forma di partecipazione diretta e specifica all'esercizio dei pubblici poteri.

Decreto legge 24 gennaio 2012 - Disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività

Del resto, l'inserimento dell'attività notarile nel quadro dei servizi professionali ai quali si applica la disciplina della concorrenza è confermato dalla successiva evoluzione normativa, in particolare dal decreto-legge 24 gennaio 2012, numero 1, recante Disposizioni urgenti per la concorrenza, lo sviluppo delle infrastrutture e la competitività, convertito in legge, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012, numero 27.

Queste norme non solo non eccettuano i notai dalla prevista abrogazione delle tariffe regolamentate dagli ordini professionali e delle disposizioni vigenti che, per la determinazione del compenso del professionista, rinviano a dette tariffe; ma, anche, introducono, accanto all'incremento del numero dei notai, ulteriori forme di concorrenza nei distretti, stabilendo, a modifica delle originarie disposizioni contenute nella legge notarile del 1913, che il notaio può recarsi, per ragione delle sue funzioni, in tutto il territorio del distretto della Corte d'appello in cui trovasi la sua sede notarile, ed aprire un ufficio secondario nel territorio del distretto notarile in cui trovasi la sede stessa (articolo 12).

26 aprile 2013 · Ornella De Bellis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Opposizione al precetto - quando l'importo ingiunto contiene spese legali non conformi alle tariffe professionali
È giurisprudenza consolidata che l'opposizione a precetto può configurare sia opposizione all'esecuzione (articolo 615 del codice di procedura civile) sia opposizione agli atti esecutivi (articolo 617 del codice di procedura civile), a seconda che il debitore contesti l'ammontare della somma con esso ingiunta ovvero ne chieda la nullità per vizi ...
Tutela del consumatore - attività antitrust nel settore della fornitura di energia elettrica e gas
Nel settore energetico (fornitura di energia elettrica e gas), le istruttorie chiuse nel 2012 in materia di tutela del consumatore si sono concentrate sul fenomeno delle cosiddette attivazioni di forniture non richieste e su quello delle offerte di tariffe scontate. Sono state concluse due istruttorie nei confronti delle società Eni ...
Tutela del consumatore – attività antitrust nel settore dei servizi bancari e finanziari
Nel corso del 2012 l'Autorità ha monitorato la correttezza delle condotte e delle comunicazioni commerciali delle banche, degli operatori del settore del credito al consumo e dei servizi finanziari, nonché delle assicurazioni e dei servizi postali a valore aggiunto, consolidando i filoni istruttori di maggior interesse emersi nel corso degli ...
Compenso per prestazione professionale regolata da tariffa - il foro competente è quello del debitore
Il compenso per prestazioni professionali, che non sia convenzionalmente stabilito, è un debito pecuniario, non liquido ed esigibile, da determinare secondo la tariffa professionale. Soltanto il debito originato da una prestazione professionale con corrispettivo di un compenso già fissato al momento della pattuizione, può essere configurato come obbligazione pecuniaria liquida ...
Autorità per la tutela della privacy - l'attività svolta nel campo del recupero crediti e della tutela del consumatore
Nella sala Koch di Palazzo Madama, l'Autorità per la tutela della privacy ha presentato martedì 10 giugno 2014 la sua Relazione annuale relativa all'attività svolta nel 2013, in cui ha fatto un'analisi dell'anno appena trascorso con particolare riferimento alle azioni intraprese nel campo del recupero crediti e della tutela del ...

Spunti di discussione dal forum

Una società di servizi può stipulare un contratto atipico con soggetti che verranno remunerati solo in base agli obiettivi raggiunti?
Il quesito che vorrei porvi riguarda la possibilità di collaborare/operare per società di servizi che hanno, tra altre attività, anche quella di fungere da filtro/intermediari tra le agenzie immobiliari e gli studi notarili. Mi spiego meglio: una società (di servizi o "gestione stipule notarili") lavora per uno studio notarile che…
Cambio gestore telefonico e modifica unilaterale contratto – Una truffa legalizzata?
Un anno fa, stuzzicato da offerte e tariffe convenienti, ho cambiato gestore telefonico (cellulare) passando da una nota compagnia ad un'altra (non voglio fare nomi). Ebbene, dopo appena un anno, mi è arrivato un sms sul telefono dicendo che la società cambiava unilateralmente le condizioni del contratto. Praticamente hanno alzato…
Notifica atti a mezzo posta – Data di perfezionamento della notifica per notificante e destinatario
Annullamento per autotutela: ricevo un avviso di raccomandata (modello 26) e il 21 gennaio 2015 ritiro l'atto riguardante una ammenda per una riduzione ici del 2009. Il timbro postale sulla busta era del 19 dicembre 2014, poi viene timbrato dall'ufficio postale dove l'ho ritiro in data 22 gennaio 2015 Quindi…
Notifica all’estero di un avviso di accertamento – Quali le procedure?
Sono residente in Messico e regolarmente iscritto all'AIRE: l'Agenzia delle entrate ha provato a notificarmi un avviso di accertamento all'indirizzo italiano e il messo comunale ha rispedito il tutto indietro comunicando che sono residente all'estero. Successivamente l'agenzia ha inviato una raccomandata AR all'indirizzo estero ma non mi hanno trovato perché…
Richiesta parcella legale risalente a vent’anni fa
Ho ricevuto una raccomandata da un avvocato al quale mi rivolsi nel 1996/97 per un contenzioso con la mia Università (problemi di iscrizione e di borsa di studio, poi risolti). Ovviamente saldai subito la parcella anche perché abbastanza esigua visto il lavoro che richiese. Il testo della raccomandata che ho…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su tariffe professionali - le liberalizzazioni a tutela del consumatore. Clicca qui.

Stai leggendo Tariffe professionali - le liberalizzazioni a tutela del consumatore Autore Ornella De Bellis Articolo pubblicato il giorno 26 aprile 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 5 novembre 2016 Classificato nella categoria difendersi dai creditori con il gratuito patrocinio - assistenza legale Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info