AMA avvia il recupero crediti – In arrivo cartelle esattoriali ai cittadini romani

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

Il debito dell’Ama è diventato negli anni gigantesco per il mancato incasso della Tassa sui Rifiuti. Per questo motivo l’Azienda ha deciso di affidare il recupero dei crediti a Banche e a soggetti terzi specializzati nella riscossione. Si annuncia quindi un bel salasso per i cittadini romani e per i titolari di utenze non domestiche nonché per Ministeri insolventi. Le cartelle esattoriali in arrivo ammontano a circa 220 mln di euro.

Secondo quanto spiegato dall’Amministratore delegato dell’azienda, Franco Panzironi: “Per le utenze domestiche abbiamo iscritto a ruolo circa 220 milioni di euro, e stiamo trattando con Equitalia il contratto per la riscossione”.

Ma la parte che con ogni probabilità verrà affidata a Equitalia è solo una parte della strategia dell’Ama per il recupero della Tari non percepita negli anni; contemporaneamente, infatti, prosegue Panzironi: “Stiamo chiudendo il contratto con una grande banca nazionale per il credito con le utenze non domestiche. Stiamo cedendo a una grande banca il credito per altri 250 milioni di Tari non pagata da grandi aziende e ministeri. Dovremmo firmare il contratto tra pochi giorni”.

Dalla strategia si evince quanto l’Ama si trovi in una situazione di deficit critico in quanto da una parte affida ad Equitalia la riscossione di alcune utenze non riscosse consapevole dei tempi necessari affinché il “bottino” torni nelle casse della società, dall’altra la cessione del credito di 250 mln di euro alle Banche sottolinea la necessità di liquidità che serve alla Municipalizzata per tirare a campare.

Per fare una domanda sulle procedure giudiziali ed extragiudiziali di recupero crediti, sul recupero crediti in generale e su tutti gli argomenti correlati all’articolo, clicca qui.

22 Gennaio 2009 · Paolo Rastelli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Atto di pignoramento da Equitalia Gerit per cartelle di crediti esattoriali
ringraziandola per la tempestiva e gentile risposta, chiarisco infatti che si tratta di crediti di tipo esattoriale, per cartelle esattoriali di equitalia, ma siccome il pignoramento è già in corso con il recupero in busta paga del quinto, si può fare qualcosa? E dove devo rivolgermi per farmi attuare l'attuale d.l. 16 del 2/3/2012 e diminuirmi la detrazione dal quinto al settimo o al decimo, in base al mio stipendio? ...

Richiesta pagamento da società di recupero crediti per bolletta mai ricevuta
Nel 2012 vivevo a Roma in un appartamento in affitto, e ho intestato le utenze a mio nome mantenendo  la mi residenza in Toscana. Ad aprile 2012 ho lasciato l'appartamento ma per fare una cortesia alla padrona di casa ho lasciato le utenze sempre a mio nome e ho fatto la voltura a novembre 2012. Adesso precisamente il 20 febbraio 2020 ho ricevuto una lettera per posta normale da un'azienda di recupero crediti per conto dell'Eni dove mi comunica di pagare una fattura che da euro 68,48 con interessi è arrivata a 96,98 e di pagare entro 5 giorni dal ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su ama avvia il recupero crediti – in arrivo cartelle esattoriali ai cittadini romani. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)