famiglia obbligo mantenimento figli


Violazione dell’obbligo di mantenimento dei figli – rilevanza sul piano penale

Loredana Pavolini - 7 Novembre 2015


Lo stato di bisogno dei minore è presunto, salvo i casi in cui egli abbia personali autonome risorse economiche o finanziarie sufficienti in grado di permettere a chi ne ha il contingente affidamento l'utilizzazione finalizzata all'autonomo sostentamento. Nulla perciò rileva che il genitore affidatario, o la sua famiglia di origine, abbia i mezzi per provvedere essi, autonomamente, all'intero sostentamento in supplenza dell'obbligo violato dall'altro genitore. La violazione dell'obbligo di provvedere al mantenimento dei figli si concretizza, sul piano civile, ad ogni scadenza. Rileva sul piano penale quando tale violazione risulta non episodica e determina l'assenza dei mezzi di sostentamento per [ ... leggi tutto » ]


Studente fuori corso e padre – tenuto comunque a contribuire al mantenimento dei figli

Ludmilla Karadzic - 4 Agosto 2015


Il genitore ha l'obbligo di procurarsi i mezzi di mantenimento dei figli, e gli studi universitari all'età di 35 anni, non possono costituire alibi per sottrarsi a tale obbligo. Nel caso specifico, poi, il genitore è proprietario di un immobile e può usufruire di sensibili aiuti da parte dei familiari dotati di buona posizione economica. Peraltro, non va dimenticato che gli ascendenti sono tenuti a fornire provvista al genitore che non abbia redditi sufficienti, per il mantenimento dei nipoti. Così hanno deciso i giudici della Corte di cassazione con l'ordinanza 16296/15. [ ... leggi tutto » ]


Spese straordinarie per il mantenimento dei figli – nessun obbligo di informazione e concertazione preventiva a carico del coniuge separato affidatario o collocatario

Marzia Ciunfrini - 31 Luglio 2015


Non è configurabile a carico del coniuge affidatario o collocatario un obbligo di informazione e di concertazione preventiva con l'altro, in ordine alla determinazione delle spese straordinarie, compatibili con i mezzi economici di cui i genitori dispongono trattandosi di decisione "di maggiore interesse" per il figlio, e sussistendo, pertanto, a carico del coniuge non affidatario un obbligo di rimborso qualora non abbia tempestivamente addotto validi motivi di dissenso . Conseguentemente se le spese straordinarie concordate danno sicuramente diritto al rimborso, nel caso di mancata concertazione preventiva e di rifiuto di provvedere al rimborso della quota di spettanza da parte del [ ... leggi tutto » ]


Revoca dell’assegnazione della casa familiare – i figli hanno comunque diritto al mantenimento finalizzato a procurare loro un nuovo alloggio

Annapaola Ferri - 16 Luglio 2015


Il godimento della casa familiare è attribuito tenendo prioritariamente conto dell'interesse dei figli. Dell'assegnazione il giudice tiene conto nella regolazione dei rapporti economici tra i genitori, considerato l'eventuale titolo di proprietà. Il diritto al godimento della casa familiare viene meno nel caso che l'assegnatario non abiti o cessi di abitare stabilmente nella casa familiare o conviva more uxorio o contragga nuovo matrimonio. La Corte Costituzionale ha già avuto modo di pronunciarsi sulla legittimità della norma appena riportata e l'ha interpretata, nel senso che comunque debba essere salvaguardato l'interesse del figlio minore o maggiorenne, ma non economicamente autosufficiente. In pratica, il [ ... leggi tutto » ]


Assegno di mantenimento – per la sua determinazione va considerata l’eventuale nascita di un figlio di secondo letto

Ludmilla Karadzic - 14 Luglio 2015


Il fatto oggettivo della nascita di un figlio di secondo letto (e il relativo obbligo di mantenimento da parte del padre) va considerato dal giudice nella determinazione dell'assegno divorzile. Il principio è stato ribadito dai giudici della Corte di cassazione nella sentenza 14521/15. [ ... leggi tutto » ]