Come chiedere la suggellazione della tv e non pagare il canone RAI

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

Fra qualche giorno scadrà il termine per il pagamento di quell’odioso balzello rappresentato dal  CANONE RAI. Ho la nausea, ormai, per i programmi trash che anche la televisione di stato ci propina.  “La vita in diretta”, “L’isola dei famosi”, “Porta a porta”, Quelli che il calcio …”, “Affari tuoi”  e via dicendo.

Senza parlare della vergognosa informazione giornalistica erogata da TG diretti  da tipi come il Gianni Ri(c)otta.

Mi chiedo se esiste un modo legale per dire BASTA!!!! e almeno non finire “cornuti e mazziati” con il pagamento di un canone a beneficio di questa infame colonna  di nani, ballerine e cortigiani che hanno l’impudenza e la faccia tosta di autodefinirsi personaggi dello spettacolo e/o  giornalisti.

Vi ringrazio per una eventuale risposta che possa fornirmi il modo di sottrarmi dalla  schiavitù e tornare libero….

Marco Gerini, Siena

Sembrerà forse una provocazione, ma il modo per non pagare più il CANONE RAI esiste ed è previsto dal Regio Decreto R.decreto legge21/02/1938 numero 246, convertito in legge il 4 giugno 1938, numero 880.

Occorre tuttavia fare una premessa di fondo: il canone, come tassa di possesso, non si può “disdire”, anche se la formula “disdetta” verrà usata sul vaglia.

Però si può chiedere alla RAI la “suggellazione” dell’apparecchio “atto alla ricezione del segnale televisivo”. Una volta in attesa della suggellazione (che di solito non arriva mai) si ha il DIRITTO di non pagare il canone.

Ma, entriamo nel merito della questione.

1) Bisogna essere in possesso del libretto di abbonamento alla televisione, dal quale ricavare il “numero di ruolo”. Se non lo si ha, va chiesto un duplicato con raccomandata a/r all’indirizzo degli abbonamenti Tv (1° ufficio entrate Torino – S.A.T Sportello Abbonamenti Tv – Casella Postale 22 – 10121 Torino).

2) Non si devono avere pendenze con il SAT (arretrati, multe, etc.)

3) E’ necessario versare 5,16 euro con vaglia postale (non con il bollettino ordinario),  specificando nella causale del versamento “per disdetta canone numero di ruolo: (scrivere il  numero di ruolo)”.  Beneficiario del versamento è il S.A.T. casella postale 22, 10121 TORINO, l’agenzia di pagamento è TORINO VAGLIA E RISPARMI.

4) Occorre staccare dal libretto la cartolina “d”, (la “b” se il vostro libretto è recente) intitolata “denuncia di cessazione dell’abbonamento tv”.  Barrare la casella 2 che riporta la richiesta di suggellamento. Quindi compilare gli spazi in bianco riportando il numero del vaglia e la data del versamento. Più sotto, c’è lo spazio per la data di spedizione della cartolina, riportare tale data  e apporre la propria firma. Sul retro della cartolina indicare  nome, cognome e indirizzo del titolare dell’abbonamento che si  intende disdire. Correggere eventualmente il vecchio indirizzo URAR TV in SAT.  Se non si è in possesso della cartolina per la denuncia di cessazione dell’abbonamento, usare la cartolina per le comunicazioni generiche e scrivere:

Il sottoscritto (nome, cognome, indirizzo) chiede la cessazione del Canone TV e chiede di far suggellare il televisore (numero di ruolo:…) a colori detenuto presso la propria abitazione. A tale scopo ha corrisposto l’importo di 5,16 euro a mezzo vaglia postale numero … del…/…/… sul quale ha indicato il numero di ruolo dell’abbonamento.

Quindi fare una fotocopia della cartolina (davanti e dietro).  L’originale della cartolina va, infatti,  spedito con raccomandata ricevuta ritorno all’indirizzo già stampato.

5) Attendere il ritorno della ricevuta di ritorno

6) Spedire con raccomandata a/r il libretto di abbonamento originale  ( conservando le ricevute dei pagamenti degli ultimi 10 anni)  sempre all’indirizzo del SAT.

A fronte della procedura indicata, la RAI  risponderà  chiedendo i  dati anagrafici, la marca dell’apparecchio da suggellare e dove esso è ubicato, invitando l’intestatario dell’abbonamento a restare in attesa della “suggellazione dell’apparecchio”.

Il gioco è fatto dal momento che nessuno verrà mai a suggellare nulla ….

Quindi, caro Marco, anche se non farai certamente in tempo per questa scadenza, comincia a pianificare la tua libertà dal canone per l’anno prossimo venturo!

21 Agosto 2013 · Giorgio Valli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Canone RAI - L'oscuramento della TV di Stato non salva dall'obbligo di pagare il tributo
La richiesta di oscuramento dei canali Rai non fa venir meno l'obbligo di pagamento del canone radiotelevisivo. La disciplina del canone radiotelevisivo costituisce una prestazione tributaria fondata sulla legge e non commisurata alla possibilità effettiva di usufruire del servizio: pertanto, la richiesta di oscuramento dei canali Rai non rientra nel novero dei fatti estintivi dell'obbligo di pagamento del canone previsti dalla legge. Così si sono espressi i giudici della Corte di cassazione nell'ordinanza 1922/16, discutendo il ricorso dell'Agenzia delle entrate al principio stabilito dalla Commissione Tributaria Regionale del Lazio (sentenza 597/13) secondo il quale andava annullata la cartella di pagamento ...

Canone RAI in bolletta - Una abitazione, una utenza elettrica e nessun televisore
Famiglia composta da due coniugi, un'abitazione, utenza elettrica (di tipo residenziale) intestata al marito. Nessun apparecchio televisivo né altro apparecchio in grado di ricevere trasmissioni televisive presente nell'immobile. E' necessario presentare la dichiarazione sostitutiva? ...

Canone Rai e seconda casa - Devo pagare due volte?
Mia moglie ha ereditato dalla madre una piccola casetta sulla costa abruzzese: la utilizziamo in estate per portare i nostri figli a passare qualche giorno al mare. Per evitare di pagare le tasse sulla seconda abbiamo adottato il classico espediente del cambio di residenza: infatti la casa è intestata a mia moglie che ha trasferito lì la propria residenza. Ora mi chiedo, dato che il canone va pagato tramite la bolletta elettrica, dobbiamo pagarlo doppiamente anche per la seconda casa? So che il canone Rai va sostenuto una sola volta. ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su come chiedere la suggellazione della tv e non pagare il canone rai. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • alessandro 30 Aprile 2009 at 11:42

    Certo si può fare ma successivamente verra inviata un’altra lettera da parte dell’ufficio delle entrate che vi chiedere di autorizzare le autorità predisposte per controllare l’immobile e suggellare il televisore.

  • mirko 11 Marzo 2009 at 13:21

    ciao,c0cc0bill ho letto ed apprezzato la risposta che hai dato a marco qui sopra e volevo chiederti e se una persona nn lo ha mai pagato ma comunque nn vuole più avere rotture di scatole può usare lo stesso sistema? ti ringrazio

    • c0cc0bill 11 Marzo 2009 at 13:29

      Se non hai mai pagato l’abbonamento lascia stare le cose come stanno.

      In caso (remoto) di eventuali ispezioni, per la verifica dell’esistenza di apparecchi TV, non lasciare entrare in casa nessuno. Loro non hanno alcun diritto e tu nessun dovere.

    • sara 8 Maggio 2009 at 21:21

      sono incappata in questo blog mentre ero alla ricerca di chiarimenti sul pagamento del canone. giusto ieri si è presentato alla porta di casa del mio ragazzo un tizio dell’agenzia delle entrate, il quale stava battendo casa per casa tutta la zona per consegnare i bollettini per il pagamento… questo dopo – nel nostro caso specifico – tre precedenti avvisi inviati tramite posta, avvisi che il mio ragazzo aveva ogni volta prontamente cestinato… è il caso di ignorare anche questo “invito” o il prossimo sconosciuto che si presenterà alla porta sarà un finanziere dallo sguardo truce? grazie a chiunque mi dirà cosa fare!

    • sara 8 Maggio 2009 at 23:01

      si, pardon, era ufficio delle entrate. Per il resto, grazie.

    • weblog admin 8 Maggio 2009 at 23:08

      Sara, l’avevo precisato solo perchè i signori giocano spesso sull’equivoco, contando sull’effetto “Agenzia delle Entrate” .

  • alessandro 17 Gennaio 2009 at 23:53

    cOccObill sei un grande.