Con il testamento si può disporre di un bene di cui non si è proprietari

Con il testamento si può disporre di un bene di cui non si è proprietari e lo strumento idoneo a realizzare una tale volontà si chiama legato di cosa altrui.

Per legge infatti il testatore può attribuire un bene determinato che non gli appartiene a patto che dal testamento o da altro scritto del testatore si evinca la sua consapevolezza dell'altrui proprietà.

All'apertura della successione, se nel frattempo il defunto non è divenuto proprietario del bene, gli eredi avranno l'obbligo di acquistare dal terzo proprietario il bene e di trasferirlo al beneficiario del legato.

In alternativa, gli eredi possono pagare a quest’ultimo il giusto prezzo, ossia l'equivalente in denaro del valore del bene.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

  • antonellab 24 marzo 2015 at 23:50

    Buonasera,
    Volevo informazioni sul testamento olografo
    Mio padre ha fatto testamento,purtroppo avendo 81anni ha difficoltà a scrivere in modo corretto, nel testo ha ripetuto alcune parole due volte inoltre ha fatto alcuni errori di ortografia…può essere impugnato ?
    Nell’attesa d una risposta
    Ringrazio
    Antonella

    • Annapaola Ferri 25 marzo 2015 at 06:55

      Suggerirei di far redarre il testamento in presenza di un notaio, se si vogliono evitare sorprese future.




Cerca