Prassi da seguire dopo il decesso di un familiare - Cremazione

La cremazione deve essere autorizzata dal Sindaco sulla base della volontà del dipartito espressa nel testamento.

Se manca quest’ultimo oppure in esso non sia contenuta alcuna disposizione in tal senso, il coniuge oil parente più prossimo può esprimere la volontà di cremare il cadavere del defunto attraverso una apposita dichiarazione resa davanti a un Notaio o all'Ufficiale dello Stato Civile del Comune.

L'autorizzazione alla cremazione viene anche concessa quando il deceduto risulta iscritto ad apposita associazione riconosciuta che abbia tra i propri fini anche quello della cremazione dei cadaveri dei propri associati.

In questo caso basta presentare al Comune la scheda di adesione all'associazione nonché il certificato del medico curante con firma autenticata dal coordinatore sanitario dal quale risulti escluso il sospetto di morte dovuta a reato. In caso di morte improvvisa o sospetta occorre la presentazione del nulla osta da parte dell'Autorità Giudiziaria.

Argomenti correlati

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su prassi da seguire dopo il decesso di un familiare - cremazione . Clicca qui.

Stai leggendo Prassi da seguire dopo il decesso di un familiare - Cremazione Autore Giuseppe Pennuto Articolo pubblicato il giorno 4 luglio 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 10 marzo 2018 Classificato nella categoria successione eredità e donazioni - nozioni generali, collazione, riduzione donazioni e disposizioni testamentarie lesive quota legittima Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca