Successione di un immobile e problema per eredità e fallimento

Indice dei contenuti dell'articolo


Successione legata al fallimento di una società che aveva un credito verso mia suocera defunta

Mia moglie ha ricevuto una sentenza legata al fallimento di una società che aveva un credito verso la madre defunta di circa 20.000 euro.

Noi non sapevamo nulla di tutta questa storia ed inoltre poichè la prima notifica agli eredi era stata mandata all'ultima residenza della defunta e ritirata da qualcuno che non ci ha mai avvisati, potete immaginare la meraviglia nel ricevere l'ingiunzione del tribunale a dover pagare entro il 20 gennaio.

Mia moglie è stata giudicata in contumacia.

La mia domanda è questa: non avendo mia moglie mai accettato di fatto l'eredita (la madre è morta 2 anni fa) e non avendo mai in alcun modo ususfruito dei beni, può rinunciando ora all'eredita di evitare di pagare?

Preciso che è stata ereditata una casa in montagna per la quale è stata effettuata la successione come da legge, ma della quale mia moglie non ha mai in alcun modo usufruito.

Successione e divisione dell'immobile ereditato

La successione e la divisione dell'immobile costituiscono godimento dell’eredità , e pertanto si ha tacita accettazione della stessa. Quindi ormai è troppo tardi per la rinuncia, e del resto non sarebbe conveniente rinunciare ad una porzione di immobile per un debito di 20mila eur.

Tenga presente che, una volta pagato il debito della defunta madre, Sua moglie potrà rivalersi nei confronti degli altri eredi in proporzione alle quote di eredità.

Se non è stato  notificato il debito agli eredi nel termine dei dieci anni, scatta la prescrizione ordinaria (contestualmente al termine per la rinuncia all'eredità). Ma lei accenna ad una notifica comunque avvenuta, e dunque bisognerebbe indagare sulla correttezza di quella notifica.

2 Novembre 2012 · Lilla De Angelis


Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Eredità - Quando il chiamato debitore muore prima di accettare o rinunciare
Famiglia con madre padre e due fratelli: muore prima la madre e i figli diventano eredi, senza aver fatto la successione in quanto nel loro caso non necessaria, dal momento che sono presenti poche migliaia di euro presenti su un conto in comune con la madre e basta, niente case ne beni mobili. Il padre invece non accetta, né rifiuta, né compie atti che possano far capire di averla accettata tacitamente in quanto non ha facoltà di muovere beni della moglie. Dopo pochissimi mesi anche il padre muore e in questo caso i due figli rinunciano all'eredità perché ha svariati ...

La successione – Capacità di ereditare, eredità giacente, accettazione e rinuncia dell'eredità
La morte estingue la capacità giuridica della persona e i diritti a essa inerenti (ossia i diritti personali) ma non i diritti patrimoniali, i quali dovranno essere perciò trasmessi ad altri. Il complesso di norme che regola tale trasferimento si chiama diritto ereditario o successorio. La successione ereditaria è un evento attraverso il quale uno o più soggetti (successori, aventi causa) subentrano in tutti i rapporti giuridici, attivi e passivi, di cui era titolare il de cuius (dante causa), esclusi i crediti e debiti con carattere strettamente personale; in pratica, un soggetto vivente subentra a un altro deceduto nella titolarità ...

La richiesta di voltura catastale di un immobile del defunto non comporta necessariamente accettazione tacita dell'eredità
Non sempre la voltura dei beni appartenenti al defunto in favore degli eredi comporta accettazione tacita dell'eredità: in particolare, quando l'atto di voltura, pur effettuato nell'interesse di tutti i coeredi, viene in concreto richiesto da uno solo di essi, l'accettazione tacita dell'eredità si produce solo in favore di chi vi provveda. Per gli altri eredi, infatti, è necessario riscontrare se vi sia stata o meno la spendita del nome in occasione della presentazione della denuncia di variazione catastale, ovvero se colui che sottoscrive la richiesta di voltura abbia agito quale mandatario degli altri coeredi. In breve, l'accettazione tacita di eredità ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su successione di un immobile e problema per eredità e fallimento. Clicca qui.

Stai leggendo Successione di un immobile e problema per eredità e fallimento Autore Lilla De Angelis Articolo pubblicato il giorno 2 Novembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte