Che cos'è la voltura delle utenze domestiche

Per voltura dell'utenza domestica si intende il contemporaneo passaggio del contratto di fornitura da un cliente a un altro senza interruzione dell'erogazione di energia elettrica o di gas.

La voltura, dunque, è la modifica di intestazione di un contratto di fornitura già esistente. Con la sottoscrizione del contratto di Voltura vengono trasferiti in capo al subentrante tutte le obbligazioni derivanti dal contratto preesistente.

Da notare bene, che le società che forniscono luce e gas prevedono che il contratto venga stipulato esclusivamente dal soggetto che possa dimostrare la legittima disponibilità dell'immobile attraverso un titolo di proprietà, di locazione, di assegnazione in seguito a separazione personale, di comodato o usufrutto.

I dati da comunicare per la voltura, sono:

  • Indirizzo utenza
  • Numero utenza per il quale si richiede la voltura
  • Indirizzo per la domiciliazione delle bollette
  • Destinazione di uso della fornitura: Domestico - Non domestico
  • Lettura dei consumi aggiornati
  • Cod.Fiscale / P.IVA

I documenti da presentare per la voltura, sono:

  • Documento di riconoscimento del firmatario del contratto;
  • Documento di attestazione di legittimo uso dell'immobile:
  • Titolo proprietà
  • Titolo locazione
  • Titolo comodato (ovvero nulla-osta del proprietario dell'immobile a sottoscrivere il contratto di fornitura idrica)
  • Dati catastali dell'unità immobiliare servita, da riportare su apposito modulo elaborato dalla Società.
  • In caso di Attività Produttive e/o Persone Giuridiche allegare anche copia dell'iscrizione alla Camera di Commercio con codice fiscale e/o partita iva.

    In caso di morte dell'intestatario, l'erede subentra nella titolarità del contratto presentando il certificato di morte dell'intestatario o autocertificando il decesso del titolare.

    In caso di separazione o divorzio, se il richiedente è legalmente separato o divorziato ed è assegnatario dell'immobile servito può subentrare nella titolarità del contratto documentando tale condizione a attraverso la certificazione attestante lo stato di separato/divorziato o la dichiarazione sostitutiva di atto notorio attestante l'assegnazione dell'appartamento coniugale.

    L'importo dovuto per la voltura è di euro 25,83 oltre imposte di legge (euro 16,00). Viene pagato all'atto di sottoscrizione.

    In caso di voltura per morte dell'intestatario o per separazione/divorzio vengono pagate solo le imposte di legge.

    condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

    Altre info

    staff e collaboratori
    privacy e cookie
    note legali
    contatti


    Cerca