Studi di settore - L'avviso di accertamento non può esaurirsi nel rilievo dello scostamento ma deve motivare l'applicabilità dei parametri standards

La procedura di accertamento tributario standardizzato mediante l'applicazione dei parametri o degli studi di settore costituisce un sistema di presunzioni semplici, la cui gravità, precisione e concordanza non è determinata dallo scostamento del reddito dichiarato rispetto agli "standards" in sè considerati (che costituiscono meri strumenti di ricostruzione per elaborazione statistica della normale redditività) ma nasce solo in esito al contraddittorio da attivare obbligatoriamente, pena la nullità dell'accertamento, con il contribuente.

In tale sede, quest'ultimo ha l'onere di provare, senza limitazione alcuna di mezzi e di contenuto, la sussistenza di condizioni che giustificano l'esclusione dell'impresa dall'area dei soggetti cui possono essere applicati gli "standards" o la specifica realtà dell'attività economica nel periodo di tempo in esame, mentre la motivazione dell'atto di accertamento non può esaurirsi nel rilievo dello scostamento, ma deve essere integrata con la dimostrazione dell'applicabilità in concreto dello "standard" prescelto e con le ragioni per le quali sono state disattese le contestazioni sollevate dal contribuente.

In sintesi, si tratta delle argomentazioni con cui i giudici della Corte di cassazione hanno motivato l'ordinanza 22946/15.

18 novembre 2015 · Giorgio Valli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Accertamento basato su parametri e studi di settore - Il contribuente può contestarne l'applicabilità
La procedura di accertamento tributario standardizzato mediante l'applicazione dei parametri o degli studi di settore costituisce un sistema di presunzioni semplici. La gravità, precisione e concordanza di tale sistema di presunzioni non è ex lege determinata dallo scostamento del reddito dichiarato rispetto agli standards in sè considerati – meri strumenti ...
Accertamento tributario nullo se non motiva applicabilità degli studi di settore
La procedura di accertamento tributario mediante l'applicazione dei parametri o degli studi di settore costituisce un sistema di presunzioni semplici, la cui gravità, precisione e concordanza non è “ex lege” determinata dallo scostamento del reddito dichiarato rispetto agli “standards” in sé considerati – meri strumenti di ricostruzione per elaborazione statistica ...
Illegittimo l'accertamento fiscale relativo ad una annualità in presenza di ricavi e compensi congrui rispetto agli studi di settore più aggiornati
Com'è noto, la procedura di accertamento tributario standardizzato mediante l'applicazione dei parametri o degli studi di settore costituisce un sistema di presunzioni semplici, la cui gravità, precisione e concordanza non è ex lege determinata dallo scostamento del reddito dichiarato rispetto agli standards in sé considerati, meri strumenti di ricostruzione per ...
Studi di settore - Perché al contribuente conviene sempre aderire all'invito al contraddittorio
La procedura di accertamento tributario standardizzato mediante l'applicazione dei parametri o degli studi di settore prevede il contraddittorio da attivare obbligatoriamente, pena la nullità dell'accertamento, con il contribuente. In tale sede, quest’ultimo ha l'onere di provare la sussistenza di condizioni che giustificano l'esclusione dell'impresa dall'area dei soggetti cui possono essere ...
Accertamento induttivo e studi di settore nel caso di gravi incongruenze
L'accertamento induttivo rappresenta una modalità di accertamento dei redditi delle imprese. Esso si distingue in due tipi: accertamento analitico induttivo, previsto dall'articolo 39, comma 1, lettera d), del DPR numero 600/1973. L'Ufficio, in questo caso, può fondare l'accertamento solo in presenza di presunzioni gravi precise e concordanti; accertamento induttivo vero ...

Spunti di discussione dal forum

Notifica all’estero di un avviso di accertamento fiscale con raccomandata AR
Mi riferisco alla risposta data alla mia domanda in questa discussione: nel caso di notifica all'estero con raccomandata di un avviso di accertamento che non sia stata recapitata per assenza del destinatario all'indirizzo. In seguito al mancato recapito del relativo l'avviso di giacenza di raccomandata presso le poste messicane e…
Ingiunzione fiscale – termini di decadenza per la notifica
Una azienda speciale che ha in concessione il servizio di accertamento e riscossione dell'imposta pubblicità può emettere ingiunzione fiscale o tale provvedimento è di esclusiva competenza del comune affidante. Dopo quanto tempo si prescrive il debito derivante da imposta pubblicità non pagata in presenza di avviso di accertamento, o in…
Avviso di accertamento catastale – precisazioni
Mi spiace di dover dissentire da quanto da affermato qui: la modifica d'iniziativa dell' Ufficio del Territorio a seguito di DOCFA non e' relativa alla Legge da Lei citata che illustra un caso diverso dal mio, ma al Comma 1 dell Articolo 74 della Legge 342 del 21 novembre 2000.…
Avviso accertamento (per Irpef) sballato ma ritirato dopo 4 mesi che fare?
Che si può fare per un avviso di accertamento dell'Agenzia delle Entrate riferito all'anno 2009 arrivato il 24 Dicembre 2015 (avviso di giacenza rr nella buca postale), ma ritirato alla posta solo al 23 Aprile 2016 (4 mesi dopo). Premesso che a Dicembre 2014 arrivò un altro avviso di accertamento…
Prescrizione Tarsu 2008
Può un comune far pervenire gli avvisi bonari di pagamento (targati equitalia e oltretutto senza timbro postale per evidenziare la data del ricevimento) Tarsu 2008 a Maggio 2014? Premesso che il mancato pagamento di questo avviso comporta l’arrivo della cartella esattoriale; L’articolo 1 comma 163 della legge 27 dicembre 2006,…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su studi di settore - l'avviso di accertamento non può esaurirsi nel rilievo dello scostamento ma deve motivare l'applicabilità dei parametri standards. Clicca qui.

Stai leggendo Studi di settore - L'avviso di accertamento non può esaurirsi nel rilievo dello scostamento ma deve motivare l'applicabilità dei parametri standards Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 18 novembre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 2 agosto 2017 Classificato nella categoria avviso di accertamento fiscale - avviso di accertamento bonario (comunicazione di irregolarità) e comunicazioni per la tax compliance Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info