Stipula contratto di locazione

Stipula contratto di locazione » Quali accorgimenti adottare?

Ho deciso, finalmente, di andare a vivere da solo. Non posso permettermi un mutuo, e sto pensando di prendere un piccolo appartamento in affitto, per ora.

Naturalmente sono alla mia prima esperienza in questo campo e vorrei evitare fregature.

Vorrei sapere da voi, se è possibile, quali sono gli accorgimenti da adottare prima di stipulare un contratto di locazione.

Avete consigli in merito?

Stipula contratto di locazione » Tutela dell'affittuario

Innanzitutto, il primo consiglio è quello di leggere attentamente il contenuto del contratto di locazione. La disciplina delle locazioni ad uso abitativo è dettata dalla legge numero 431 del 1998 che ha abolito il vecchio regime sul cosiddetto equo canone, che obbligava ad affittare gli immobili ad un canone prestabilito.

Proseguendo, è bene verificare prima della firma del contratto che l'appartamento sia in buone condizioni (messa in sicurezza con impianto elettrico a norma; infissi ed eventuali elettrodomestici funzionanti; etc.).

Prima di firmare, consigliamo inoltre di descrivere nel contratto lo stato dei luoghi, eventuali difetti dell'immobile e gli interventi che il proprietario, in sede di stipula del contratto, si impegna ad attuare.

A tal fine è buona norma scattare delle foto dell'appartamento come eventuale prova dello stato in cui viene consegnato per evitare future contestazioni di danni da parte del proprietario. Poi, allegare al contratto l'inventario di tutti i mobili e oggetti che si trovano nell'appartamento e le loro condizioni.

Ricordarsi, inoltre, di informarsi sull'intestazione delle bollette: se l'appartamento risulta come seconda casa, le fatture intestate al proprietario saranno più alte. Per affitti lunghi, è consigliabile che l'inquilino si intesti le utenze. Prendere nota dei numeri dei contatori delle utenze prima di entrare nell'immobile.

Altro accorgimento da adottare è controllare che sia indicato nel contratto il periodo necessario e le condizioni per esercitare il diritto di recesso. Quando non è diversamente stabilito, il termine è di sei mesi e solo per gravi motivi. E' consigliabile contrattare un termine più breve e/o senza necessità di darne particolari giustificazioni.

Successivamente Fate attenzione alle clausole contrattuali. Il locatore ha il diritto di inserire nel contratto il divieto di sublocazione. Nel caso questo non sia indicato è possibile, tranne che per i contratti ad uno transitorio e per studenti universitari, sublocare parzialmente e solo con il consenso del proprietario.

Il contratto di sublocazione deve avere forma scritta, deve essere registrato e devono essere comunicati al proprietario mediante raccomandata a/r:

Il Locatore non può, invece, assolutamente imporre il divieto di ospitalità temporanea. In tal caso la clausola è nulla.

Concludendo, controllare , una volta firmato, che il contratto sia registrato all'Agenzia delle Entrate. Conviene poi informarsi sulle agevolazioni per l'affitto previste dalle Provincie, Regioni e Comuni sulla base dell'esistenza di determinati requisiti per usufruire della detrazione dei canoni di locazione.

Infine, Informarsi sulla ripartizione delle spese tra inquilino e locatore e leggere attentamente la normativa relativa agli interventi che l'inquilino apporta all'immobile che ha in locazione.

9 gennaio 2014 · Andrea Ricciardi


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Separazione personale tra coniugi » Ex casa coniugale in affitto: ora chi paga il contratto di locazione?
Separazione personale tra due coniugi: in caso di contratto di locazione per l'ex casa coniugale, il padrone di casa da chi deve pretendere il pagamento dell'affitto? Chiariamo la questione nell'articolo seguente. Come sappiamo, nella fattispecie di una separazione personale tra due coniugi, durante la controversia in tribunale, viene decisa anche ...
Contratti di locazione » Immobile in condizioni pietose? Locatore deve risarcire il conduttore se ha riscontrato problemi di salute
Contratti di locazione: anche se le anomalie dell'immobile in affitto erano note al conduttore, in caso di problemi alla salute di quest'ultimo, deve esserci il risarcimento danni da parte del locatore. Il locatore è tenuto a risarcire il danno alla salute subito dal conduttore in conseguenza delle condizioni abitative dell'immobile ...
Contratti di locazione » Va risarcito il conduttore per l'affare perso a causa della consegna tardiva dell'immobile affittato
Contratti di locazione: il locatore va risarcito dal conduttore se, a causa del ritardo nella consegna dell'immobile in concessione, ha perso la possibilità di vendere o riaffittare l'appartamento. In tema di locazione di immobili, una volta che l'attore abbia provato l'esistenza di una favorevole occasione di vendere o di locare ...
Canone Rai » A chi è dovuto l'onere in caso di contratto di locazione?
Si è stipulato un contratto di locazione come affittuario e l'apparecchio televisivo appartiene al proprietario dell'appartamento: chi deve pagare il canone rai? Lo spieghiamo nel prosieguo dell'articolo. E' bene notare che dal 2016 l'addebito del canone Rai, vale a dire dell'imposta sul possesso della televisione, finisce direttamente nella bolletta della ...
La vendita dell'immobile locato determina di diritto la cessione del contratto di locazione al terzo acquirente
La vendita dell'immobile locato determina di diritto la cessione del contratto di locazione al terzo acquirente, senza necessità del consenso del conduttore. E ciò vale anche nel caso in cui la locazione sia cessata in data anteriore alla vendita. Lo scioglimento del contratto, infatti, non necessariamente comporta l'esaurimento dei rapporti ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su stipula contratto di locazione. Clicca qui.

Stai leggendo Stipula contratto di locazione Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 9 gennaio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 30 aprile 2017 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca