Lo statuto dei diritti del contribuente a Salerno è legge

Un giudice di Salerno, con la sentenza numero 3688 del 2012, ha ristabilito un equilibrio.

Non si può essere debitori a vita, e questo principio è valido anche  nel caso in cui si tratti di debiti tributari.

Equitalia, dunque, deve rispettare il codice del contribuente ma non solo. Deve anche rispettare il codice civile. Infatti quando Equitalia insiste a esigere pagamenti di cartelle dopo la scadenza del debito ciò significa che sta aggredendo il contribuente ed il suo patrimonio senza averne più alcun titolo.

Il giudice di Salerno, in quella storica sentenza, ha infatti stabilito che il concessionario della riscossione (Equitalia) non può notificare pretese esattoriali per le quali è intervenuta la decadenza e se lo fa scatta la sua responsabilità al risarcimento del danno, perché così facendo crea un pregiudizio al contribuente.

I termini entro cui è possibile  notificare le cartelle di pagamento, sono stati chiariti dalla nota legge 106 del 2005, e in tutti i casi in cui la notifica non avviene entro i termini dettati da questa legge, l’ufficio perde definitivamente il diritto a richiedere il pagamento dei tributi dovuti.

I termini sono entro il 31/12 del:

  1. secondo anno successivo all’accertamento definitivo;
  2. terzo anno successivo alla presentazione della dichiarazione, in caso di liquidazione  delle dichiarazioni (articolo 36 bis);
  3. quarto anno successivo alla presentazione della dichiarazione, in caso di controllo formale (articolo 36 ter);
  4. secondo anno successivo alla scadenza della rata non pagata, in caso di dilazione;
  5. quarto anno successivo alla presentazione del mod. 770, in caso di indennità di fine rapporto.

Nel caso in cui invece Equitalia continua ad esigere il  pagamento di cartelle dopo tali scadenze, ciò  significa che sta danneggiando indebitamente e irragionevolmente il cittadino-contribuente debitore senza pero averne più alcun titolo.

La conseguenza? Dovrà risarcire i danni. Anche lo Statuto del Contribuente, prevede espressamente che i rapporti tra contribuente e amministrazione finanziaria siano improntati al principio della collaborazione e della buona fede.

Già la  Corte Costituzionale nel 2005 con la sentenza numero 280 si era espressa in merito ai termini decadenziali del diritto ad esigere qualsivoglia tributo, ed infatti aveva sancito la illegittimità costituzionale dell’articolo 25 del dpr 29 settembre 1973, numero 602, nella parte in cui non fissava appunto alcun termine per la notifica al contribuente della cartella per le imposte dovute in base alla dichiarazione dei redditi. In questa maniera ad essere  compromesso era  “il diritto del contribuente all’effettiva conoscenza dell’iscrizione a ruolo, procrastinandola a tempo indeterminato e ledendo, in tal modo, il diritto di difesa del contribuente”.

Il giudice di Salerno ha ben ritenuto che Equitalia non solo deve ritenersi equiparata a qualsiasi creditore, ma soprattutto che in virtù di tale status a Equitalia si applica l’art 10 dello statuto del contribuente (legge 27.7.2000 n 212) dove vi è l’espressa previsione che i rapporti tra contribuente e amministrazione finanziaria sono improntati alla buona fede, e quindi nel caso in cui Equitalia violi tale principio è tenuta a risarcire i danni.

Articolo a cura dell’avvocato FLORIANA BALDINO del foro di Trani (BT) Per contatti scrivere a: florianabaldino@gmail.com

14 Marzo 2013 · Giorgio Valli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Equitalia » In caso di fermo amministrativo illegittimo deve risarcire il contribuente
Lite temeraria per Equitalia che iscrive il fermo amministrativo illegittimo. Sussiste la responsabilità, ex articolo 96, II comma, codice di procedura civile per l'Agente della Riscossione che provvede a iscrivere fermo amministrativo sull'autovettura del ricorrente sulla base di cartelle di pagamento per crediti già ampiamente prescritti. Questo, in breve, l'orientamento espresso dalla Commissione Tributaria Provinciale di Campobasso con sentenza 182/2013. Se equitalia dispone il fermo amministrativo in modo illegittimo deve risarcire il contribuente Ennesimo stop ad Equitalia! In caso di fermo amministrativo illegittimo, perché relativo a tributi prescritti, deve effettuare il risarcimento danni per lite temeraria al contribuente che si ...

Statuto dei diritti del contribuente
Lo Statuto dei diritti del Contribuente, introdotto dalla Legge numero 212 del 2000 rappresenta una tappa importante perché con esso è stato possibile attuare nell'ordinamento tributario i principi costituzionali di trasparenza e imparzialità dell'azione amministrativa. Nello Statuto del Contribuente sono raccolte una serie di norme che codificano i diritti dei contribuenti nell'ambito dell'attività di accertamento esercitata dagli Uffici fiscali e, in particolare, le garanzie che il contribuente può far valere in occasione di verifiche da parte degli uffici dell'Amministrazione finanziaria civile o della Guardia di Finanza. Lo Statuto disciplina anche il modo di produzione delle leggi in materia tributaria, prevedendo ...

Equitalia e dilazione delle cartelle » Il nuovo regime di 120 rate
L'entrata in vigore della legge di conversione del decreto Fare (decreto legge 21 giugno 2013, numero 69 convertito, con modifiche, in legge 9 agosto 2013, numero 98) rende operative nuove norme per la semplificazione in materia fiscale. Tra le novità più importanti vi è la possibilità di ottenere una estensione del periodo di rateizzazione dei debiti tributari iscritti a ruolo e lo stop ai pignoramenti Equitalia sulla prima casa. ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su lo statuto dei diritti del contribuente a salerno è legge. Clicca qui.

Stai leggendo Lo statuto dei diritti del contribuente a Salerno è legge Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 14 Marzo 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 2 Agosto 2017 Classificato nella categoria lo statuto dei diritti del contribuente e gli strumenti di tutela Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)