Uno sportello di ascolto per le vittime dell’usura

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

La creazione di uno sportello di ascolto per i cittadini collegato alla istituzione di uno specifico Fondo di Garanzia che consenta l’accesso al credito, costituisce un’idea guida fondamentale ed imprescindibile nella lotta all’usura.

L’esperienza maturata in tutti questi anni trascorsi ad assistere e ascoltare vittime di usura e persone con difficoltà economiche mostra con assoluta chiarezza come sia diffuso e si stia sempre più diffondendo il fenomeno del sovraindebitamento. Per tale motivo combattere l’usura significa anche un impegno forte e costante per promuovere un uso responsabile del denaro. Questo è il percorso che l’Ambulatorio Antiusura persegue da anni.

In coerenza con questi principi l’Ambulatorio ha deciso di collaborare alla creazione di questo centro di ascolto e di contribuire alla gestione del collegato fondo di Garanzia. Infatti sempre più spesso si rivolgono alla nostra struttura famiglie cadute nel giro dell’usura o che si sono seriamente e pericolosamente sovraindebitate. Basti pensare al preoccupante aumento dei casi di famiglie, impiegati, dipendenti e pensionati coinvolti nel giro dell’usura. Sino a qualche anno fa, si riteneva che questo fenomeno riguardasse soltanto commercianti, artigiani e imprenditori.

Negli ultimi anni si assiste ad un incremento di episodi ove il ricorso all’usura non deriva da una cattiva gestione di un’attività economica, ma dall’esigenza di soddisfare presunti bisogni, per lo più indotti e mai primari. Tale dato costringe tutti gli operatori interessati a riflettere non solo sulla necessità di rivedere gli strumenti normativi di assistenza alle vittime dell’usura, ma anche di individuare un nuovo tipo di intervento in grado di prevenire il fenomeno criminale.

In questa ottica creare uno sportello di ascolto che fornisca aiuto e consulenza a chi si trova in una situazione di sovraindebitamento e ha difficoltà nella gestione delle proprie risorse rappresenta uno strumento di straordinaria efficacia nella prevenzione del fenomeno dell’usura. La validità e l’incidenza dell’iniziativa sono poi arricchite dal collegamento diretto con il previsto Fondo di Garanzia.

Invero, consentire l’accesso a tutti coloro che, per i motivi più disparati, non hanno più alcuna possibilità di ottenere prestiti dal mondo bancario, consentirà di sottrarre alla piaga dell’usura moltissime famiglie, permettendo loro un più agevole e graduale reinserimento nel mondo socio-economico.

Qualsiasi persona dotata di buon senso che dedica parte del suo tempo ad ascoltare le persone che hanno problemi di usura, cercando di offrir loro una via di uscita o almeno una speranza, sa che vi sono ancora moltissime cose da fare. Ma sa anche che se la strada intrapresa prevede la denuncia come unica risposta all’usura ed una capillare attività di prevenzione come risposta al fenomeno del sovraindebitamento, i risultati di tanto impegno e di tante battaglie non potranno mancare.

Se sapremo unire le forze e non far sentire nessuno solo, l’usura noi vinceremo.
Ambulatorio Antiusura Onlus
Il Presidente
Avv. Luigi Ciatti

9 Novembre 2007 · Loredana Pavolini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Concessione prestito garantito dal Fondo nazionale per le vittime di usura
Avendo ottenuto il benestare con un'associazione per avere la garanzia per un prestito personale tramite il fondo per il sovraindebitamento e l'usura, sono ora in attesa che la banca convenzionata mi convochi per l'erogazione del finanziamento. Essendo io iscritto nelle banche dati varie come cattivo pagatore, è possibile che la banca possa rifiutarsi di concedere il finanziamento anche con un solido garante come l'Associazione? Tale finanziamento servirà proprio a chiudere le posizioni debitorie. ...

Il microcredito arma efficace contro il rischio usura
Ci sono "segnali di difficoltà " per le famiglie italiane. Il rischio è quello del "sovraindebitamento e del ricorso all'usura". Per questo, c'è "la necessità di un costante impegno delle istituzioni, degli intermediari e delle associazioni per evitare che possano aumentare i rischi". E' il monito che arriva dalla Banca d'Italia, con l'intervento del direttore centrale per la Vigilanza Creditizia e Finanziaria, Anna Maria Tarantola, alla giornata di studio su ‘Indebitamento delle famiglie e delle imprese in Italia (2007): il rischio usurà . Per ridurre il campo d'azione dell'usura "è necessario creare i presupposti per assicurare che l'incontro tra domanda e offerta ...

Usura – i fondi antiusura
Si tratta di un prestito ad interesse zero da restituire in dieci anni, il cui importo è commisurato al danno subito dal debitore nel rapporto usurario. Questo fondo è destinato a consentire il reinserimento delle vittime nel circuito dell'economia legale. Il termine per la presentazione della domanda di accesso al fondo è di sei mesi, calcolati dal giorno in cui la vittima ha notizia dell'inizio delle indagini per il delitto di usura. La domanda va presentata alla Prefettura della località in cui si è verificato il reato di usura. Il mutuo è destinato a tutti coloro che esercitano un'attività imprenditoriale, ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su uno sportello di ascolto per le vittime dell’usura. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Giuseppe 2 Dicembre 2009 at 22:49

    salve sono peppe un commerciante di Taranto.io sono disperato!!!!!!!la mia banca(banca Meridiana)mi ha rifiutato il fido di 3.000,00 euro perchè secondo loro
    non è il momento!!io non sò più cosa fare..i rid non li fanno passare,e per questo mi hanno fatto indebitare….con tanti fornitori.sto pensando di farmi aiutare da una persona,che però su 20.000,00 euro di prestito mi ha chiesto di restituirli 40.000,00in 2 anni.come faccio altrimenti?

    • c0cc0bill 3 Dicembre 2009 at 08:26

      Purtroppo oggi le cose vanno così, danno i soldi a chi li ha già.

      Oppure li concedono senza troppi problemi agli speculatori di borsa e ai farabutti che hanno scatenato questa crisi.

      Segnali finanziarie, confidi e banche al Prefetto, non senza prima averlo preannuciato (mandi la comunicazione in copia per conoscenza anche sgli intermediari che le hanno rifiutato la concessione del finanziamento).

      Per sapere di cosa parliamo e come fare la segnalazione consulti questo articolo al riguardo. E, se vuole, anche quest’altro.