spese sollecito

Domanda: ma le spese del sollecito, di solito inviato da un legale per conto del creditore(AR), chi le paga?

Quando il rapporto obbligatorio è fra imprese (B2B) il decreto legislativo 231/2002 prevede che anche gli oneri di recupero, anche stragiudiziali, siano in capo al debitore, pertanto in questo caso la questione è lineare.

Quando invece il rapporto è fra impresa e consumatore, le spese di sollecito sono dovute se previste convenzionalmente (da contratto).

Quando non c'è un contratto scritto a regolare il rapporto fra consumatore e creditore, sovente le spese vengono richieste appellandosi all'articolo 1224 del cod. civile "...Al creditore che dimostra di aver subito un danno maggiore spetta l'ulteriore risarcimento.

Questo non è dovuto se è stata convenuta la misura degli interessi moratori.", tuttavia quest'interpretazione è secondo alcuni capziosa, e le spese per il recupero stragiudiziale non sarebbero dovute in nessun caso, o quantomeno se fossero pagate costituirebbero solo obbligazione naturale.

Quanto sopra chiaramente nell'ottica che il debitore sia solvibile, viceversa, come talora accade, le spese rimangono tutte "sul gobbo" del creditore..

8 febbraio 2011 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su spese sollecito. Clicca qui.

Stai leggendo spese sollecito Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 8 febbraio 2011 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria recupero crediti - domande e risposte del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.




Cerca