Spese di giustizia - Requisiti per ottenere la remissione del debito

La legge subordina la rimessione del debito per le spese del procedimento, nei confronti del soggetto già detenuto, alla verifica di due condizioni consistenti nelle disagiate condizioni economiche e nella regolare condotta tenuta nel periodo di carcerazione.

Ora, il requisito delle disagiate condizioni economiche è da ritenersi integrato non solo quando il soggetto si trovi in stato di indigenza ma anche quando l’adempimento del debito, per la sua obiettiva entità, comporti un serio e considerevole squilibrio del bilancio domestico, tale da precludere il soddisfacimento di elementari esigenze vitali e compromettere, quindi, il recupero e il reinserimento sociale.

Risulta pertanto doverosa – in sede di decisione sull’istanza di remissione – una compiuta verifica circa la ricorrenza o meno del parametro in questione da compiersi, peraltro, con specifico riferimento temporale da collocarsi al momento di presentazione dell’istanza medesima ovvero a periodi cronologicamente prossimi, e la mancanza di tale accertamento conduce ad una nullità del provvedimento di diniego per assenza di motivazione (il che rende rilevabile il vizio in sede di legittimità).

Il diniego all’istanza di remissione del debito, riconducibile al pagamento delle spese di giustizia, non può essere pronunciato senza compiere una concreta verifica delle condizioni economiche dal richiedente, ma valorizzando semplicemente i dati relativi a proprietà immobiliari indicate in una nota della Guardia di Finanza e senza compiere una, sia pur sommaria, stima del valore.

Allagata alla pronuncia di diniego dell’istanza di remissione deve esservi, inoltre, una specifica indicazione dei redditi percepiti in tempi prossimi alla presentazione dell’istanza la cui omissione, anche in riferimento alla consistenza del debito, rappresenta una ulteriore violazione dei parametri interpretativi prima indicati.

Così i giudici della Corte di cassazione nella sentenza 45895/14.

21 Novembre 2014 · Chiara Nicolai

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Argomenti correlati: 

Approfondimenti

Presentazione istanza di remissione del debito per spese di giustizia
Ho appena presentato un'istanza al Magistrato di Sorveglianza per la remissione del debito delle spese di giustizia in quanto nullatenente e con famiglia ed occupazione precaria. E già scaduto il termine dei 60 giorni della cartella esattoriale e vorrei sapere se la presentazione dell'istanza sospende, fino alla decisione del Magistrato , la procedura di recupero Agenzia Entrate riscossioni. Eventualmente cosa posso fare se nell'attesa della risposta dovessi subire un pignoramento in casa delle poche cose che ho? ...

Remissione del debito per spese processuali e di mantenimento in carcere chieste al debitore ex detenuto - Posso non pagare?
Dopo quasi quaranta anni di carcere mi sono arrivate le spese processuali di nove mila euro da pagare entro sessanta giorni: c'é un modo per avere la remissione? ...

Debito solidale e coobbligati - Rinuncia del creditore alla solidarietà verso uno dei condebitori con o senza remissione
Come sappiamo, il debito è in solido quando più debitori (condebitori) sono tutti obbligati al rimborso, in modo che ciascuno può essere costretto all'adempimento per la totalità del debito (o parte di esso) e l'adempimento di uno libera gli altri. Analizziamo, adesso, le differenze fra rinuncia alla solidarietà a favore di uno dei condebitori con o senza remissione del debito pro quota. Supponiamo che cinque debitori rispondano in solido, verso il creditore, di un debito di 5 mila euro. Ipoteticamente ciascuno dei condebitori deve al creditore mille euro (debito pro quota), anche se il creditore può pretendere da uno solo ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su spese di giustizia - requisiti per ottenere la remissione del debito. Clicca qui.

Stai leggendo Spese di giustizia - Requisiti per ottenere la remissione del debito Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 21 Novembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria composizione delle crisi da sovraindebitamento - debiti esdebitazione e fallimento debitore con legge 3/2012 salva suicidi Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)