Spese condominiali - il coniuge assegnatario è tenuto a pagarle

Quando i coniugi si separano o divorziano, sorge spesso il problema delle spese condominiali.

Con la sentenza numero 18476 del 19.09.2005 la Cassazione ha specificato che, quando la casa familiare è  assegnata al coniuge non proprietario, questi,  nonostante tale assegnazione sia gratuita,  è tenuto a sostenere le spese condominiali (spese ordinarie),  poiché collegate all'uso dell'abitazione.

Di conseguenza rimangono a carico dell'ex coniuge proprietario dell'immobile solo le spese straordinarie.

Un esempio di spesa straordinaria, può essere ad esempio la manutenzione delle fondamenta, la verniciatura del tetto o il rifacimento di una facciata.

Nel caso, invece, di comproprietà degli ex coniugi della casa familiare, il coniuge assegnatario dovrà ugualmente accollarsi le spese ordinarie, ma quelle straordinarie dovranno essere ripartite in proporzione alla rispettiva quota di proprietà.

Ovviamente i due ex coniugi potranno accordarsi tra loro in modo diverso a tale ripartizione che, per come sopra descritta, deriva solo nel caso in cui intese non ve ne siano.

20 gennaio 2013 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca