Sovraindebitamento per mutuo carte revolving e prestiti

Sovraindebitamento conclamato di un familiare oberato di debiti che non riuscirà mai a rimborsare

Mi trovo ad affrontare per dovere morale il sovraindebitamento di un familiare che vive a 700 km di distanza da me che supera i 180 mila euro complessivi. Così suddivisi:
- 148mila mutuo con rata media di 750 mensili
- 4mila carta revolving con rate da 160 mensili
- 24 mila prestito findomestic con rate da 207 mensili
- 3mila monte dei pegni
- 5mila scoperto in banca

Le rate di quanto sopra superano il 50% dello stipendio percepito mensilmente perciò, avendo io già una volta provveduto al risanamento dello scoperto in banca, la situazione è in costante e inesorabile aggravamento.

La persona in questione ha 60 anni e un figlio che tra pochi mesi ne farà 18.

La mia domanda è relativa alla figura dell'amministratore patrimoniale. Esiste la possibilità di far amministrare le spese da questa figura? Se si, in quale modo?

Inoltre ciò che mi sembrerebbe più logico fare sarebbe vendere casa ed estinguere il mutuo che, con la rata che ha, incide notevolmente. In tal caso, visto il periodo poco favorevole per le compravendite immobiliari, qualora la posizione si aggravasse ulteriormente e i creditori (in particolare la banca per mutuo e scoperto su c/c) si prendessero la casa e la mettessero all'asta, la posizione debitoria del mio familiare cesserebbe?

Consigli sul sovraindebitamento - Cosa fare e cosa non fare per cercare di non peggiorare una situazione già compromessa

Non esiste la figura dell'amministratore patrimoniale, ma quella del tutore di soggetto interdetto: peraltro, a me sembra velleitario pensare di poter sanare una situazione di sovraindebitamento così irrimediabilmente compromessa, come quella che affligge il suo familiare, solo impedendogli di effettuare le spese superflue.

La casa va venduta subito con accollo del mutuo all'acquirente. Arrivare, presto o tardi, alla vendita all'asta sarebbe una jattura. Le spese legali e quelle relative all'espropriazione si sommerebbero al mutuo non pagato. L'immobile verrebbe alienato al 50% del valore commerciale attuale. Il suo familiare rischierebbe di restare senza casa, comunque, ma con un debito paradossalmente maggiore di quello che gli deriva oggi dal mutuo.

Quindi, eviterei qualsiasi considerazione sul periodo poco favorevole del mercato immobiliare.

Contestualmente il suo familiare dovrà interrompere i rimborsi di tutti i finanziamenti in corso. Attenderà il pignoramento del 20% dello stipendio. Rata unica e senza alcuno stress per seguirne le scadenze.

Solo così ne esce contenendo i danni. Non potrebbe accedere ad ulteriori finanziamenti, essendo diventato un cattivo pagatore. Ma questo mi sembra cosa buona e giusta. Si raggiunge l'obiettivo senza nemmeno la necessità di un ipotetico amministratore patrimoniale.

10 ottobre 2012 · Ludmilla Karadzic


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Le nuove regole di espropriazione della casa acquistata con mutuo ipotecario per inadempimento nel pagamento delle rate
Per i mutui ipotecari stipulati a partire dal 1° luglio 2016, in caso di inadempimento al pagamento delle rate da parte del debitore e alla conseguente richiesta di restituzione del capitale residuo in un'unica soluzione (decadenza dal beneficio del termine), la banca potrà trasferire la proprietà dell'immobile sottoposto a vincolo ...
Carte revolving? » Un consiglio spassionato: evitatele!
Carte revolving: l'attuale crisi economica sta comportando un netto aumento dell'utilizzo di questa tipologia di carte di credito. Ma gli istituti di credito che concedono le carte revolving applicano interessi altissimi, spesso di poco inferiori al tasso soglia usura. E' bene sempre evitarne l'uso e conoscere lo strumento. Questo per ...
Carte revolving » il decalogo
La carta di credito revolving è uno strumento di pagamento alternativo al contante che permette di effettuare spese, nei limiti del fido accordato, rimborsabili ratealmente con l'addebito di interessi. La banca, una società finanziaria o un istituto di moneta elettronica mettono a disposizione del titolare una riserva di denaro (denominata ...
Carte revolving - dall'estinzione del rapporto non sono dovuti interessi e spese
Com'è noto, il credito revolving rappresenta una forma di finanziamento attraverso la messa a disposizione di una somma di denaro che il consumatore può utilizzare a sua discrezione con obbligo di restituzione della stessa, secondo un piano di rimborso prestabilito, pagando una determinata rata "minima" generalmente mensile. Tale importo è ...
Mutuo a tasso fisso e rata costante
Il mutuo a tasso fisso e rata costante è un contratto di prestito. Il mutuo a tasso fisso e rata costante consiste nel trasferimento di una somma di denaro da un soggetto “mutuante” ad un soggetto “mutuatario” che si impegna a restituirlo secondo modalità concordate, dettagliatamente definite nel contratto sottoscritto ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su sovraindebitamento per mutuo carte revolving e prestiti. Clicca qui.

Stai leggendo Sovraindebitamento per mutuo carte revolving e prestiti Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 10 ottobre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 1 maggio 2017 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca