Sovraindebitamento dipendente di un'azienda ospedaliera

Sono dipendente di un azienda ospedaliera che in questo momento si trova in sovraesposizione oltre le sue possibilità di pagamento

Sono dipendente di un azienda ospedaliera che in questo momento si trova in sovraesposizione oltre le sue possibilità di pagamento.

Il problema principale è Agos che vanta circa 40 mila euro per un finanziamento in 180 mesi. Di questi ne ho pagati circa 48, ma oggi non posso più pagare perchè mi trovo nella situazione di dover sfamare due famiglie (spese di casa comprese) in quanto mia figlia ed il marito hanno perso il posto di lavoro.

Ho inviato una lettera raccomandata ad AGOS chiedendo di ridurmi la rata. Dopo varie telefonate di agenzie recupero, ecc..... mi hanno proposto un prestito con un effetto a garanzia che dovrebbe coprirne l'intero importo ed una rata di 461 contro i 670 precedenti..

Le mie esposizioni debitorie sono di circa 1500 euro con uno stipendio di 2000.

Mi consigliate di accettare la cambiale (avrei qualche timore a dire la verità)

Faccio presente che mia moglie percepisce uno stipendio di 900 euro ma siamo in separazione dei beni (se può valere qualcosa).

La sua condizione di sovraindebitamento non si risolverà con la concessione di un rateo mensile di 461 euro contro i 670 che lei dovrebbe corrispondere attualmente

La sua condizione di sovraindebitamento non si risolverà con la concessione di un rateo mensile di 461 euro contro i 670 che lei dovrebbe corrispondere attualmente.

Anche con un rimborso mensile di 461 euro il debito è insostenibile, nel contesto economico che ci riferisce.

E, quindi, firmare la cambiale significherà solo fare un favore alla finanziaria, che non credo proprio ne abbia bisogno. La cambiale non pagata costituisce, infatti, titolo esecutivo, con il quale il creditore, per pignorarle lo stipendio alla fonte, risparmierà il tempo ed il denaro necessari a dover presentare un ricorso per decreto ingiuntivo al giudice.

Probabilmente, non accettando la proposta della finanziaria l'epilogo non cambierà.

Ma, questa la differenza, il creditore dovrà chiedere al giudice di procedere con pignoramento del quinto presso il datore di lavoro. Lei, nell'eventuale circostanza, potrà presentare opposizione, con il supporto di un legale, cercando di sensibilizzare il giudice sulla sua bona fede e volontà di adempiere agli obblighi sottoscritti. Come dimostrato dalla richiesta (spero sia stata inviata con raccomandata AR) di ristrutturazione del debito, che potrà esibire, ed alla quale è stata data risposta sostanzialmente negativa.

Inoltre, nella fase di opposizione al decreto ingiuntivo, lei potrà fornire al giudice la documentazione attestante il temporaneo stato di difficoltà in cui versa: il che potrebbe condurre al favorevole risultato di ottenere un pignoramento dello stipendio nella misura inferiore al quinto, e dunque al di sotto delle 400 euro/mese.

Insomma, se proprio alla finanziaria è dovuta la libbra di carne promessa, che sia in grado di asportarla con fatica e senza ledere il cuore ...

27 settembre 2012 · Ornella De Bellis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Fallimento personale del debitore consumatore - Poter dire addio ai debiti con la legge sul sovraindebitamento
Come premessa, va detto che un imprenditore, per poter essere considerato "non fallibile", deve possedere i seguenti requisiti: aver avuto, nei tre esercizi antecedenti la data di deposito della istanza di fallimento o dall'inizio dell'attività se di durata inferiore, un attivo patrimoniale di ammontare complessivo annuo non superiore ad euro ...
Sovraindebitamento – debiti ed esdebitazione
Ricordiamo che un imprenditore, per poter essere considerato non fallibile, deve possedere i seguenti requisiti: aver avuto, nei tre esercizi antecedenti la data di deposito della istanza di fallimento o dall'inizio dell'attività se di durata inferiore, un attivo patrimoniale di ammontare complessivo annuo non superiore ad euro trecentomila; aver realizzato, ...
Concordato con i creditori - la legge sul sovraindebitamento in aiuto dei debitori
La prima parte del decreto legge - Capo I, articoli da 1 ad 11 - si occupa delle disposizioni in materia di composizione delle crisi da sovraindebitamento, ed è dedicata alle definizioni generali ed, in particolare, all'individuazione della casistica e dei soggetti interessati al provvedimento legislativo, finalizzato a trovare una ...
Il precetto deve far riferimento alla possibilità del debitore di intraprendere le procedure sulla composizione della crisi da sovraindebitamento
Il decreto legge 83/15 stabilisce che il precetto (evidentemente rivolto ai soggetti non fallibili) deve contenere l'avvertimento che il debitore può, con l'ausilio di un organismo di composizione della crisi o di un professionista nominato dal giudice, porre rimedio alla situazione di sovraindebitamento concludendo con i creditori un accordo di ...
Cambializzazione dei debiti – accettarla significa preparare il cappio al boia
All'accordo transattivo si aggiunge, non di rado, un piano di rientro del debito basato su una rimodulazione degli importi e delle scadenze convenute nel contratto originario. Si tratta, in pratica, di un piano di rateazione tipico di una operazione di consolidamento dell'esposizione debitoria: rate di importo più contenuto a fronte ...

Spunti di discussione dal forum

Pignoramento stipendio ma i conti non mi tornano
Ho letto qua e la qualche nozione su pignoramento del quinto dello stipendio, ma non mi è chiaro il meccanismo: nel mio caso, avevo una cessione e delega in corso, il mio stipendio è di circa 1300 netti mensili, e ogni mese mi prelevano circa 400 euro per coprire questi…
Pignoramento stipendio già gravato da cessione del quinto e pignoramento per crediti alimentari
Vorrei sapere in base alla mia situazione se il giudice può mettere in coda i creditori per una finanziaria non pagata. Sono un dipendente pubblico, percepisco uno stipendio di 1300 e mi sono stati pignorati dallo stipendio 800 euro per mantenimento figli. C'è da aggiungere una cessione del quinto di…
Decreto ingiuntivo per una causa persa ma non ho soldi – Posso accedere alle procedure di sovraindebitamento?
Ho perso una causa per decreto ingiuntivo con una finanziaria a cui dovrei dare circa 30 mila euro (21 mila circa in solido a me e mia moglie ed il residuo solo a me) Purtroppo nel 2012 non ho più svolto trasferte per l'azienda privata per cui lavoro per cui…
Consigli per un sovraindebitato disperato
Stamattina mi ha chiamato un avvocato, per conto di una finanziaria da cui avevo avuto un prestito, informandomi che se non pago almeno una rata entro il mese di aprile mi notificheranno la comunicazione di decadenza dal beneficio del termine. Sono in ritardo già di di 3 rate, ciascuna per…
Debito con finanziaria per prestito personale – Temo pignoramento del conto corrente dello stipendio e della casa
A seguito di gravi difficoltà economiche non riusciamo più a pagare le rate di un prestito personale decennale con una finanziaria. Il debito era di 50.000 euro, abbiamo pagato 7 rate di 744 euro ciascuna e siamo in arretrato di 4 rate. Abbiamo comunicato per iscritto alla Banca (tramite un…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su sovraindebitamento dipendente di un'azienda ospedaliera. Clicca qui.

Stai leggendo Sovraindebitamento dipendente di un'azienda ospedaliera Autore Ornella De Bellis Articolo pubblicato il giorno 27 settembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca

Domande?