Beni pignorati - Integra un reato lo spostamento e l'utilizzo del bene

L’atto dispositivo del bene pignorato, posto in essere da colui che, come il custode, è direttamente a conoscenza degli obblighi specificamente riconducibili al vincolo giudiziario gravante sullo stesso, integra un reato poiché rende comunque difficoltosa la efficace e pronta attuazione del diritto vantato dal creditore pignorante.

Il reato di sottrazione di cose sequestrate o pignorate sussiste ogni qual volta si ponga in essere un’azione diretta ad eludere il vincolo, cioè a rendere impossibile o difficile la realizzazione delle finalità cui la cosa, per effetto dell’imposizione del vincolo stesso, è rivolta. E ciò anche a prescindere dal rilievo che il bene pignorato non venga venduto, ma semplicemente spostato in altro luogo e qui utilizzato.

In più, l’eventuale vendita del bene pignorato risulta comunque inefficace nei confronti del creditore pignorante, non potendo essere invocata, da parte dell’acquirente, la tutela della buona fede, atteso che il valore e l’importanza delle cose costituenti un’universalità di beni postula l’accertamento della legittimità della loro provenienza. nella fattispecie si trattava di un lettino abbronzante del valore di oltre 15 mila euro.

Così si è espressa la Corte di Cassazione con sentenza numero 32704/14.

25 Luglio 2014 · Ornella De Bellis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Non integra reato lo scioglimento di una pregressa donazione a favore del debitore dopo la notifica ma prima della trascrizione del pignoramento
Non integra il reato di sottrazione di cose sot­toposte a pignoramento la donazione di un bene immobile effettuata dal debitore dopo la notifica, ma prima della trascrizione dell'atto di pignoramento, a causa della funzione costitutiva che la trascrizione assume nel dar vita al vincolo d'indisponibilità relativa a favore dei creditore pignorante e dei creditori che inter­vengono nell'esecuzione. Analogamente, non integra il reato di sottrazione di cose sot­toposte a pignoramento lo scioglimento di una pregressa donazione di un bene immobile a favore del debitore dopo la notifica, ma prima della trascrizione dell'atto di pignoramento. Il prin­cipio rilevante per la configurabilità del ...

Donazione dopo l'accertamento fiscale - Può integrare il reato di sottrazione fraudolenta
Salvo che il fatto costituisca più grave reato, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni chiunque, al fine di sottrarsi al pagamento di imposte sui redditi o sul valore aggiunto ovvero di interessi o sanzioni amministrative relativi a dette imposte di ammontare complessivo superiore a circa 51 mila euro, aliena simulatamente o compie altri atti fraudolenti sui propri o su altrui beni idonei a rendere in tutto o in parte inefficace la procedura di riscossione coattiva. Per la configurabilità del reato di sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte sono necessari lo scopo di sottrarsi al pagamento ...

Reato di sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte e vendita di un veicolo di proprietà del debitore ad un proprio familiare
Se ho capito bene il reato di sottrazione fraudolenta nei confronti di agenzia delle entrate per debiti non pagati si rischia quando il debito è maggiore a 50000 euro e quando riguardano le imposte non pagate di Iva IRPEF o valore aggiunto, è così!? Avendo un debito sotto i 50000 e non per Iva etc. Ho un unico bene intestato che è un auto di un valore di mercato di 2500 euro circa che sta ferma da un anno perché per motivi di forza maggiore non posso guidare non ho ricevuto nessun preavviso di fermo la macchina risulta non avere ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su beni pignorati - integra un reato lo spostamento e l'utilizzo del bene. Clicca qui.

Stai leggendo Beni pignorati - Integra un reato lo spostamento e l'utilizzo del bene Autore Ornella De Bellis Articolo pubblicato il giorno 25 Luglio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Settembre 2017 Classificato nella categoria nozioni generali sul pignoramento Inserito nella sezione pignoramento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Giorgio Luce 16 Luglio 2019 at 09:59

    AUTO PIGNORATA IL CUSTODE PUO USARE

    • Simone di Saintjust 16 Luglio 2019 at 10:23

      Innanzitutto, non possono essere nominati custode il creditore o il suo coniuge senza il consenso del debitore, né il debitore o le persone della sua famiglia che convivono con lui senza il consenso del creditore.

      Il custode non può usare i beni pignorati senza l’autorizzazione del giudice dell’esecuzione.