Sono un protestato e vorrei aprire un conto corrente

Sono un protestato ed avrei bisogno di aprire un conto corrente. Mi dicono che non c'è una norma del codice civile che nega ai protestati l'apertura di un conto corrente. E' vero? Ed allora, perchè trovo difficoltà a trovare una banca disposta ad aprire un rapporto con me?

Spero vogliate fornirmi delucidazioni in merito.

Ringrazio e porgo cordiali saluti,

Francesco, Vimercate (Milano)

Nonostante non esista un divieto legislativo per l'apertura di un conto corrente anche da parte di soggetti protestati, per scelta di sistema, le banche non accettano di aprire un rapporto bancario con soggetti protestati. Ciò è dovuto ad un aspetto formale e ad uno sostanziale.

A livello formale alle banche è demandato l'obbligo di tutelare il risparmio, conseguentemente, a livello sostanziale, l'accettazione di un soggetto che ha già avuto problematiche con il sistema bancario (protesto di assegni) o comunque non hanno onorato altri titoli di credito (protesto cambiario), è considerato un cliente molto rischioso per cui è stato scelto di non accettarlo. L'unica possibile soluzione è rivolgersi alle banche aderenti a PattiChiari, un servizio bancario di base.

Ma è a totale discrezione degli istituti bancari accettare la richiesta. Può comunque rivolgersi alla sua banca e cercare una soluzione per il solo versamento degli assegni.

Per fare una domanda sul protesto, sulle restrizioni di accesso al credito per i soggetti protestati, sulle procedure di cancellazione del protesto, sul Pubblico Registro dei Protesti  e su tutti gli argomenti correlati clicca qui.

29 gennaio 2009 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Assegno protestato » Nessun risarcimento danni al correntista
Nessun risarcimento danni al correntista che cita la banca per il protesto di un assegno Nessun risarcimento del danno per il correntista che emette un assegno, il quale viene successivamente protestato a causa dell'incapienza del conto corrente. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, la quale, con la sentenza 3286/13, ...
Chiusura unilaterale conto corrente e conseguente protesto assegno - la banca deve risarcire
La clausola di buona fede nell'esecuzione del contratto di conto corrente opera come criterio di reciprocità, imponendo a ciascuna delle parti del rapporto di agire in modo da preservare gli interessi dell'altra e costituisce un dovere giuridico autonomo a carico delle parti contrattuali, a prescindere dall'esistenza di specifici obblighi contrattuali ...
Avete deciso di chiedere un prestito, una carta di credito o aprire un conto corrente? - Prima di scegliere la banca o la finanziaria a cui rivolgervi leggete questo articolo
L'Arbitro Bancario Finanziario (ABF) è un sistema di risoluzione alternativa (ADR) delle controversie che possono sorgere tra i clienti e le banche e gli altri intermediari in materia di operazioni e servizi bancari e finanziari. Rappresenta un'opportunità più semplice, rapida ed economica rispetto a quella offerta dal giudice ordinario: il ...
Cattivi pagatori ed apertura conto corrente
Le segnalazioni nelle SIC per i cattivi pagatori non sono ostative all'ottenimento di un conto corrente, tuttavia alcune banche - nell'ottica di selezionare la clientela - potrebbero farLe delle storie e rifiutarsi di aprirLe un conto corrente. Facendo un pò di questua fra un pò di istituti, vedrà che alla ...
Rapporto di conto corrente - La banca deve astenersi da qualsiasi movimentazione successiva alla morte del titolare
Il rapporto di conto corrente, in quanto riconducibile al rapporto di mandato, deve ritenersi automaticamente estinto con il decesso del titolare. Infatti, sebbene la normativa concernente il conto corrente bancario non specifichi gli effetti conseguenti al decesso del titolare, tuttavia, la dottrina e la giurisprudenza prevalenti vedono nel conto corrente ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su sono un protestato e vorrei aprire un conto corrente. Clicca qui.

Stai leggendo Sono un protestato e vorrei aprire un conto corrente Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 29 gennaio 2009 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria protesti e protestati - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)
  • maria 31 marzo 2010 at 13:09

    salve mi kiamo maria. Per aiutare mio padre sono stata protestata siccome ho perso l’assegno e sono andata in banca a prendere una copia. vorrei sapere se posso ugualmente toglierlo il protesto o no? Ho solo 23 anni e mi trovo in questa situzione per colpa di mio padre

    • cocco bill 31 marzo 2010 at 14:35

      E’ necessario l’assegno originale quietanziato, per poter richiedere, passato un anno dalla levata del protesto, la riabilitazione in Tribunale.

      Altrimenti sarà costretta ad attendere che decorrano i cinque anni previsti di iscrizione al Registro Informatico dei Protesti prima che intervenga la cancellazione automatica.

  • aurelio 12 settembre 2009 at 12:09

    scusate, ma un protestato puo’ cambiare l’assegno del suo stipendio direttamente alla cassa della banca erogatrice’ distinti saluti

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca