Situazione patrimoniale imprenditore

Situazione patrimoniale imprenditore

Sono un imprenditore possessore del 50% delle quote di una srl di cui sono anche co-amministratore, e come gran parte degli imprenditori mi ritrovo in una situazione debitoria importante con fideiussioni personali (soprattutto verso istituti di credito).

Sono spostato con 2 figli minorenni in comunione dei beni.

La mia situazione patrimoniale è composta da un appartamento di proprietà (dove vivo con la mia famiglia), e tale appartamento è cointestato con mia moglie.

La mia domanda riguarda le eventuali azioni dei creditori nei confronti della società, e quindi anche mie, come potrebbero influire sui beni di mia moglie.

In particolare cosa può succedere alla casa in cui abitiamo?

I creditori possono “aggredire” i beni personali eventuali della moglie di un imprenditore (per intenderci i buoni postali, libretti o liquidità in genere, o in generale beni in suo esclusivo possesso)?

Problema casa cointestata

Il problema è, naturalmente, rappresentato dalla casa cointestata.

Partiamo dall’ipotesi che l’immobile sia stato acquistato in data successiva al matrimonio e che dunque sia in comunione dei beni. Lo scenario è quello in cui il debito è attribuibile ad uno solo dei coniugi, nella fattispecie lei. L’azione esecutiva di pignoramento ed espropriazione potrà seguire due direttrici:

  1.  il pignoramento viene effettuato per l’intero immobile (1/1 dell’intera proprietà). Secondo l’orientamento prevalente la procedura è legittima, ma il coniuge non debitore e non sottoposto ad esecuzione può intervenire in giudizio eccependo che il bene pignorato eccede il valore del 50% dell’intero patrimonio della comunione legale. In sostanza i creditori di un solo coniuge posso rivalersi solo sul 50% dell’intero patrimonio, ma possono pignorare tutto un intero immobile perchè la comunione legale tra coniugi non è come una normale comproprietà in cui i due comproprietari sono titolari della quota pari al 50% dell’immobile, ma è una comunione particolare di tipo “germanico” (si dice in gergo tecnico) che è senza quote. Cioè tutti e due i coniugi sono proprietari del tutto. Naturalmente, a sua moglie verrà destinato il 50% dell’eventuale ricavato in sede d’asta.
  2.  il pignoramento verrà azionato solo sulla quota di 1/2 nei confronti del coniuge che ha contratto il debito e solo quest’ultimo figura come sottoposto ad esecuzione. In questo caso deve essere verificato l’orientamento del tribunale di riferimento, ma la prevalente opinione è che questa procedura non è corretta e può essere fatta opposizione per far dichiarare la improcedibilità della esecuzione. Anche se, in questo caso, i creditori si dovrebbero ad affrontare le non trascurabili problematiche connesse alla espropriazione e vendita di un bene indiviso, in cui uno dei comproprietari non è debitore.

Per quanto attiene gli altri beni, bisognerà vedere se rientrano o meno nella comunione. Nel primo caso i creditori potranno procedere al pignoramento del 50% del loro valore. La invito pertanto a leggere gli articoli correlati.

12 Settembre 2012 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Comunione dei beni tra coniugi » limiti del pignoramento
In tema di pignoramento di immobili in regime di comunione legale, il coniuge non debitore ha diritto di intervenire nella procedura e chiedere la distribuzione del 50% del ricavato dalla vendita all'asta, ma non può opporsi al pignoramento dell'immobile nella sua interezza Gli immobili intestati ai coniugi in regime di comunione legale, possono essere oggetto di pignoramento da parte dei creditori (ivi compresa Equitalia), sia che il debito sia stato contratto da uno solo che da entrambi i coniugi. Il problema riguarda invece la quota pignorabile (ossia l'intero o il 50% dell'immobile). Bisogna quindi distinguere i due casi: debito contratto ...

Pignoramento e comunione dei beni
Se siete sposati in regime di COMUNIONE LEGALE dei beni e ricevete un pignoramento (sia esecuzione ordinaria che esecuzione esattoriale - Equitalia) occorre distinguere vari casi:  il pignoramento è per l'intero immobile (1/1 dell'intera proprietà) ed il debito è stato contratto soltanto da uno dei due coniugi. Secondo l'orientamento prevalente nei tribunali questo pignoramento è corretto, ma il coniuge non debitore e non sottoposto ad esecuzione può intervenire in giudizio eccependo che il bene pignorato eccede il valore del 50% dell'intero patrimonio della comunione legale. In sostanza i creditori di un solo coniuge posso rivalersi solo sul 50% dell'intero patrimonio, ...

Debiti e regime di comunione dei beni – domande e risposte
Quali sono i beni personali che non rientrano nella comuni­one? a. I beni di proprietà del coniuge prima del matrimonio. b. I beni ricevuti dopo il matrimonio per donazione o eredità. c. I beni di uso strettamente personale di ciascun coniuge. d. I beni che servono all'esercizio della professione di ciascun coniuge. e. I beni ottenuti in risarcimento di un danno e la pensione di invalidità. f. I beni acquistati con il ricavato proveniente dalla vendita dei beni personali o con il loro scambio. Nei casi c, d e f sopra indicati, l'esclusione dalla comuni­one deve risultare dall'atto di acquisto, ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su situazione patrimoniale imprenditore. Clicca qui.

Stai leggendo Situazione patrimoniale imprenditore Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 12 Settembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria contratti di prestito microcredito e usura e sovraindebitamento - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)