Situazione di grave indebitamento

Buongiorno, sono in una grave situazione di sovraindebitamento. 8 carte revolving (Fiditalia, 2 Findomestic, Barclaycard, Unicredit Family Financing, Agos, Consel, Compass) + Contopin con Agos, con i fidi praticamente esauriti per un totale di 44.000 euro circa, ho 2 prestiti personali uno di 30.000 euro (Agos rate di 400 euro al mese, lo sto pagando regolarmente da 3 anni) e uno da 20.000 (Santander rate da 240 euro al mese, lo sto pagando regolarmente da quasi 2 anni), cessione del quinto di 254 euro al mese, impegnata per 120 mesi (sono alla 44 rata), ho il mutuo per la prima casa di cui devo pagare ancora 20 anni di rate (tasso variabile, attualmente rate di 610 euro mensili).

Sono dipendente regionale e ho uno stipendio di circa 1500 euro al mese (sono turnista, perciò posso guadagnare di più o di meno, dipende dai turni e dagli straordinari effettuati).

Ho solo uno scooter di 5 anni. Finora ho sempre pagato tutto, facendo giroconti e salti mortali, ma ora sono alla frutta. Mi sono rivolta all'Agenzia Debiti, ma mi hanno chiesto 390 euro per aprire la pratica e trovare la soluzione. Voi cosa pensate di questa Agenzia?

Sono andata da una mia amica avvocato, ma non ha mai trattato questioni di questo tipo e mi ha fatto un quadro catastrofico, messa all'asta dell'immobile (ho un'ipoteca di 1° grado di 150.000 euro - mutuo erogato di 150.000 euro - saldo attuale 137.000 euro circa).

Mi ha consigliato di donare l'immobile con usufrutto. Ho provato a chiedere finanziamenti per saldare almeno le carte e i piccoli prestiti (dimenticavo, ho anche quelli, per un totale di circa 9.000 euro), ma, ovviamente, nessuno si assume il rischio.

Da quello che ho letto, dovrei smettere di pagare e aspettare, o chiedere personalmente alle alle varie finanziarie una sospensione delle rate o un abbassamento? L'avvocato mi ha detto che è meglio se provo prima io e poi tenterà lei.

Grazie in anticipo per la pazienza e le eventuali risposte.

Ho letto molto bene la sua situazione, si in effetti il quadro è "pesante".

Per pignorare l'usofrutto dovrebbe avere debiti chi usufruisce dell'usofrutto e non chi lo dà, quindi se suo nipote non ha debiti, l'usofrutto non può essergli pignorato.

Il secondo (la revoca) credo che si capisca da sè nel senso che può essere revocato in quanto è un atto fatto per rendere difficile l'espropiazione della proprietà e/o comunque di "raggirare" i creditori.

Sono d'accordo con la sua amica Avvocato comunque, ma deve vedere insieme a lei il da farsi per evitare una possibile revocatoria del'usofrutto, visto che suo nipote è giovane anche se le prendessero la nuda proprietà lei fino a quando è in vita ha un tetto...

Da come vedo la sua situazione c'è poco da mandare raccomandate a/r , a parer mio non deve più pagare, le faranno il pignoramento del V (che può coesistere con la cessione ed è per lei una salvezza perchè con la differenza riuscirebbe a vivere cosa che ad oggi non è in grado..) e eventualmente anche un'ipoteca di secondo grado sull'immobile; man mano che l'immobile prende capienza chi non è stato soddisfatto (chi deve aspettare il proprio turno per il pignoramento del V stipendio) potrebbe aggiungere anche una terza o una quarta ipoteca addirittura, fino a un certo punto dove si potrebbe chiedere la vendita all'asta.

Ma deve riparlare sicuramente con la sua amica il più velocemente possibile per vedere come fare per rendere l'usufrutto valido e non revocabile a favore di suo nipote .

Poi nel caso in cui l'usufrutto non fosse attuabile o se si ci sarebbe il rischio di revocatoria, potrebbe non pagare neanche più il mutuo e fino a quando non le fanno lo sfratto esucutivo si può conservare una discreta liquidità (per pagare un trasloco,caparra, agenzia,qualche mese anticipato e qualche mobile nuovo anche) per poi andare in affitto.

Lo sò può bruciare aver perso i soldi fino adesso pagati per il mutuo (ma consideri che tanto il nome cè l'ha "bruciato" per parecchio parecchio... tempo) ma tanto se ci fosse il rischio che l'usofrutto è inattuabile o revocabile consideri che è come se lei ha pagato un affitto fino adesso....

Con il suo contratto di lavoro troverà sicuramente un buon appartamento in affitto..... vita natural durante....

Oggettivamente le consiglio questo e anche se moralmente può sembrare scorretto quello che le consiglio io e il collega (di non pagare) è solo perchè può darsi che la sappiamo lunga....

26 aprile 2011 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

sovraindebitamento – istruzioni per l'uso
L'individuo ha una propensione a spendere in modo compulsivo senza avere risorse immediate e neanche future. Si fa abbindolare dai ‘potrete pagare comodamente a ratè ‘la prima rata tra un annò "il costo di un caffè al giorno"... Sovraindebitato perché imprevidente o miope, sovrastima le proprie risorse e/o sottostima l'onere ...
Sovraindebitamento » Vademecum per il debitore
Molte persone, nel nostro paese, stanno vivendo la terribile esperienza del sovraindebitamento: ciò, a causa dell'elevato, ed in alcuni casi irresponsabile, livello dei prestiti erogati da banche e altre istituzioni finanziarie, sommato al calo dei redditi per la recessione in atto. Ma che cos'è il sovraindebitamento? Semplicemente, rientrano nella categoria ...
Sovraindebitamento » Un aiuto per chi non ce la fa più
Sovraindebitamento: nel nostro paese, purtroppo, questo fenomeno sta crescendo e coinvolge sempre di più le famiglie italiane. Ma forse, qualcosa, in senso positivo, si sta muovendo. Le storie sono molteplici: si va dal consumatore costretto a rivolgersi alla finanziaria per pagare il conguaglio di una bolletta fino al lavoratore dipendente ...
Cosa fare quando non si può pagare – consigli per gestire il sovraindebitamento
Si dimentichi mutui od ulteriori prestiti per consolidamento a Suo nome, le segnalazioni negative in SIC che ha accumulato sono ostative per qualsiasi tipo di accesso al credito, e lo saranno almeno per 36 mesi da quando sarà riuscito a saldare per intero i Suoi debiti. L'unica possibilità potrebbe essere ...
Fallimento personale del debitore consumatore - Poter dire addio ai debiti con la legge sul sovraindebitamento
Come premessa, va detto che un imprenditore, per poter essere considerato "non fallibile", deve possedere i seguenti requisiti: aver avuto, nei tre esercizi antecedenti la data di deposito della istanza di fallimento o dall'inizio dell'attività se di durata inferiore, un attivo patrimoniale di ammontare complessivo annuo non superiore ad euro ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su situazione di grave indebitamento. Clicca qui.

Stai leggendo Situazione di grave indebitamento Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 26 aprile 2011 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria contratti di prestito microcredito e usura e sovraindebitamento - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca