Sinistro stradale all'incrocio » Precedenza non vuol dire ragione

In un sinistro stradale, avvenuto presso un incrocio, avere il diritto di precedenza non sempre comporta la ragione ai fini del risarcimento.

In tema di circolazione stradale, il diritto di precedenza non esclude il dovere del conducente “favorito” di osservare a sua volta le normali prescrizioni di prudenza e di diligenza.

D’altronde, nella circolazione stradale il conducente è tenuto a prevedere anche le condotte imprudenti altrui.

Questo, riassunto in breve, l’orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 46818/14.

Secondo quanto chiarito dalla suddetta pronuncia, nell’ambito di un sinistro stradale, avere la precedenza all’incrocio non legittima un comportamento distratto, indifferente o, imprudente.

Quando l’automobilista non segue le basilari regole di accortezza pur avendo la precedenza, gli può essere riconosciuta una percentuale di colpa dell’incidente.

A parere dei Giudici di piazza Cavour, infatti, nel corso della circolazione stradale il conducente ha l’onere di prevedere anche le condotte imprudenti altrui.

E’ buona norma, dunque, quando si attraversa un incrocio, anche avendo la precedenza, controllare il traffico proveniente dalle altre intersezioni per poter evitare qualsiasi pericolo ad altri conducenti, sebbene distratti e negligenti.

Il principio, già enunciato dalla Suprema Corte con sentenza 22358/14, prevede che l’automobilista non può utilizzare come appiglio difensivo la propria provenienza da destra, poiché l’eventuale diritto di precedenza non esime dall’obbligo di prudenza.

Praticamente, se si vuole evitare il concorso di colpa in un sinistro stradale avvenuto presso un’incrocio, è bene, pur avendo la precedenza, cercare di evitare le condotte imprudenti altrui, utilizzando sempre le normali prescrizioni di prudenza e di diligenza.

17 Novembre 2014 · Gennaro Andele

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Sinistro stradale all'incrocio » Se non si rispetta l'obbligo di prudenza la multa è valida anche se si ha la precedenza
Nell'ambito di un sinistro stradale avvenuto presso un incrocio, anche se si dispone del diritto di precedenza, non bisogna eccedere i limiti di velocità, ma va tenuta una guida prudente: al contrario, la multa è valida. L'automobilista non può utilizzare come appiglio difensivo la propria provenienza da destra, perché l'eventuale diritto di precedenza non esime dall'obbligo di prudenza. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 22358/14. Da quanto si evince dalla pronuncia in esame, avere il diritto di precedenza non esime dall'obbligo di prudenza. Infatti, chi si immette nell'incrocio a velocità elevata, senza vedere chi sopraggiunge ...

Sinistro stradale » Scontro tra veicoli? Non è colpa esclusivamente di chi non ha rispettato l'obbligo di precedenza
Nella fattispecie di un sinistro stradale con scontro tra due veicoli, per la valutazione della colpa, non importa che uno dei due automobilisti non abbia rispettato l'obbligo di precedenza: va verificata anche la condotta dell'altro conducente. Nel caso di scontro tra veicoli, l'accertamento della intervenuta violazione, da parte di uno dei conducenti, dell'obbligo di dare la precedenza, non dispensa il giudice dal verificare il comportamento dell'altro, onde stabilire se quest’ultimo abbia a sua volta violato o meno le norme sulla circolazione stradale ed i normali precetti di prudenza, potendo l'eventuale inosservanza di dette norme comportare l'affermazione di una colpa concorrente. ...

Sinistro stradale con investimento » Quando il pedone non ha ragione
In un sinistro stradale, qualora venga investito un pedone, quest'ultimo, non sempre ha ragione. Il pedone non ha sempre ragione: anche lui può avere colpa (in tutto in parte) in un incidente stradale nel quale viene investito e tutto dipende da dove e come attraversa la strada. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 24204/14. Da ciò che si evince dalla pronuncia appena riportata, in un sinistro stradale con investimento, non è sempre vero che il pedone abbia ragione. Chi è a piedi e viene investito può avere una parte, o addirittura, tutta la colpa. Va ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su sinistro stradale all'incrocio » precedenza non vuol dire ragione. Clicca qui.

Stai leggendo Sinistro stradale all'incrocio » Precedenza non vuol dire ragione Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 17 Novembre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Maggio 2017 Classificato nella categoria multe e sinistri - giurisprudenza di legittimità e di merito - circolari del ministero dei trasporti Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)