Sinistro per massi su strada chiusa - Responsabilità anche del comune

Il comune è responsabile del sinistro causato dai massi lasciati sulla strada in costruzione dell’appaltatore.

C’è il concorso di colpa con la giovane vittima anche nel caso in cui questa si sia avventurata in una via buia e chiusa al traffico.

Lo ha sancito la Corte di cassazione che, con la sentenza 4039 del 19 febbraio 2013, ha stabilito che: Sul fronte della responsabilità dell’ente locale, l’amministrazione è responsabile dei danni subiti dai cittadini in caso di omessa manutenzione (nella specie, il comune non solo ha omesso l’adozione di misure volte a prevenire il rischio occulto (peraltro nella specie indimostrato e non ritenuto esistente dalla Corte territoriale), ma ha anche omesso il controllo sull’adempimento dell’obbligo, da parte dell’impresa, di adottare misure per evitare danni a terzi (rivelatesi del tutto insufficienti), incombendo prima di tutto sulla medesima l’obbligo di curare che lo sbarramento fosse completo ed impedisse, realmente, l’ingresso a mezzi e persone).

Gli ermellini, in linea con la Corte d’appello di Palermo, hanno ritenuto il comune, l’impresa esecutrice dei lavori e la vittima corresponsabili del danno a seguito del sinistro che ha provocato la morte ad un giovane.

Sinistro causa massi su una strada da chiusa al traffico – Il caso

Nel caso in esame, due genitori convenivano in giudizio il Comune di Campobello di Licata, committente, e la ditta appaltatrice dei lavori stradali, chiedendone la condanna al risarcimento dei danni patiti per la morte del figlio, deceduto a seguito di un sinistro stradale in moto, in una strada buia e chiusa al traffico.

In particolare, i genitori sostenevano che i mezzi approntati dalla ditta appaltatrice al fine di impedire l’accesso dei veicoli nella strada in questione (dei grossi blocchi di cemento) erano stati, in parte, rimossi e che il Comune non avesse predisposto alcuna segnaletica di pericolo.

In primo grado e in appello, si era giunti a un concorso di colpa tra la vittima e il comune.

Tesi, questa, ribadita anche dai giudici di Piazza Cavour, che ha ridotto al cinquanta per cento il concorso di colpa della vittima, riconoscendo ai genitori il danno biologico iure proprio, ovvero: una menomazione psico-fisica della persona in sé e per sé considerata. Tale danno incide sul valore uomo in tutta la sua concreta dimensione, che non si esaurisce quindi nella sola propensione a produrre ricchezza, ma si collega alla somma delle funzioni naturali afferenti il soggetto nell’ambiente in cui la vita si esplica, ed aventi rilevanza non solo economica, ma anche biologica, sociale, culturale ed estetica. La giurisprudenza lo ha catalogato come danno non patrimoniale. In questa categoria rientrano anche altre voci di danno, una volta rispondenti a quello esistenziale e alla vita di relazione nonché il danno morale. A partire dal 2003 la liquidazione di tutti i danni non patrimoniali è svincolata dal compimento di un reato nel senso che il danneggiato ne ha diritto anche se il danneggiante non ha commesso un fatto penalmente rilevante ma semplicemente un illecito civile.

Secondo la Suprema Corte, quindi il giovane centauro non è esente da responsabilità visto che si è avventurato in una strada ancora non idonea al traffico ad elevata velocità.

Al riguardo, la Cassazione ha ricordato che l’articolo 1227 del Codice Civile prevede la riduzione del risarcimento in presenza della colpa del danneggiato, proporzionalmente all’incidenza di questa colpa sull’evento che ha causato il danno.

Tutto questo, senza dimenticare, però, che il comune ha omesso le misure volte a prevenire il rischio e l’impresa appaltatrice ha mancato il controllo sull’adempimento dell’obbligo di adottare misure per evitare danni a terzi.

Il fatto poi di aver affidato la manutenzione delle strade a diverse imprese non esclude comunque la sorveglianza ed il controllo da parte del Comune proprietario della strada che di fatto continua a risponderne come custode.

10 Aprile 2013 · Chiara Nicolai

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Strada pericolosa? » Se l'automobilista è imprudente non ha diritto al risarcimento danni
L'automobilista imprudente non ha il diritto al risarcimento danni. Il proprietario di una strada non è responsabile, ai sensi dell'articolo 2051 del codice civile, degli infortuni occorsi ai fruitori di quest’ultima. Ciò, quando sia provata l'elisione del nesso causale tra la cosa e l'evento, quale può aversi, in un contesto di rigoroso rispetto di eventuali normative esistenti o comunque di una concreta configurazione della cosa in condizioni tali da non essere in grado di nuocere normalmente ai suoi fruitori avveduti e prudenti, nell'eventualità di accadimenti imprevedibili ed ascrivibili al fatto del danneggiato stesso, tra i quali una sua imperizia o ...

La presunzione del concorso di colpa dei conducenti in caso di sinistro fra veicoli
L'articolo 2054 comma 2 del codice civile prevede che nel caso di scontro tra veicoli si presume, fino a prova contraria, che ciascuno dei conducenti abbia concorso ugualmente a produrre il danno subito dai singoli veicoli. Nel caso di scontro tra due veicoli si presume, fino a prova contraria, che ciascuno dei conducenti abbia concorso ugualmente a produrre i danni, consistendo la prova contraria nella dimostrazione in concreto dell'assenza di colpa di uno dei conducenti ovvero della colpa esclusiva dell'altro. La Corte di Cassazione (sentenza numero 9550/2009) ha affermato che in tema di responsabilità da sinistro stradale con scontro di ...

Sinistro stradale causato da segnaletica non a norma » L'ente proprietario della strada è sempre responsabile
Se il sinistro stradale è stato causato da una segnaletica stradale insufficiente o collocata in modo non idoneo ad avvisare gli automobilisti del pericolo, l'ente proprietario della strada è sempre responsabile. Questo, sia per il caso di strade urbane che per quelle extraurbane. Ciò è quanto ha deciso la Corte di Cassazione con la sentenza 13364/14. In tema di incidenti causati da vizi del suolo pubblico, i giudici di piazza Cavour hanno sempre fatto una distinzione. La regola base che disciplina la materia è quello della cosiddetta responsabilità oggettiva da parte dell'ente titolare del suolo: praticamente, quest’ultimo è sempre responsabile, ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su sinistro per massi su strada chiusa - responsabilità anche del comune. Clicca qui.

Stai leggendo Sinistro per massi su strada chiusa - Responsabilità anche del comune Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 10 Aprile 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria multe e sinistri - giurisprudenza di legittimità e di merito - circolari del ministero dei trasporti Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)