Sinistro » Risarcimento in via equitativa se costo supera valore auto

Non si può ottenere l’importo della riparazione se l’opera del carrozziere costerebbe più del valore dell’autovettura prima del sinistro.

In caso di richiesta di risarcimento del danno subito da un veicolo a seguito di incidente stradale, se l’importo necessario ad effettuare la riparazione supera il valore di mercato dell’auto, questo si traduce in un eccessivo onere per il debitore danneggiante e d’altra parte finisce per costituire un indebito arricchimento per il danneggiato.

Ne consegue che, in caso di notevole differenza tra il valore commerciale del veicolo incidentato ed il costo richiesto delle riparazioni necessarie, il giudice potrà condannare il danneggiante (ed in caso di azione diretta ex articolo 18 della legge 990/69, l’assicuratore), al risarcimento del danno per equivalente (in altre parole il risarcimento non sarà calcolato sui costi necessari per la riparazione, ma equivarrà alla differenza fra il valore commerciale del veicolo integro e quello del veicolo danneggiato).

Questo, in sintesi, l’orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con la pronuncia 24718/13

Sinistro e mancata riparazione vettura

Bocciato il ricorso di un automobilista tamponato da un autocarro.

Riparare la macchina è antieconomico, l’eccessiva onerosità delle riparazioni, quindi, porta il proprietario a decidere per la demolizione del veicolo.

La questione arriva avanti all’autorità giudiziaria, dove viene parzialmente accolta la domanda del danneggiato.

Tuttavia, quest’ultimo lamenta l’errata liquidazione del danno.

In pratica, secondo il danneggiato, il giudice di appello non avrebbe dovuto commisurare il risarcimento del danno al valore commerciale del bene al momento del sinistro.

A togliere qualsiasi dubbio è proprio la Cassazione a cui si è rivolto il proprietario del veicolo.

Il gioco non vale la candela e il giudice non può risarcire il valore affettivo.

Se il danno supera il valore dell’auto può essere disposto il risarcimento per equivalente.

Perciò, è possibile condannare il danneggiante solo al risarcimento per equivalente anziché in forma specifica, che è il risarcimento calcolato, invece, in base ai costi necessari per la riparazione.

14 Novembre 2013 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Se la riparazione del danno costa più del valore commerciale del veicolo prima del sinistro
La domanda di risarcimento del danno subito da un veicolo a seguito di incidente stradale, quando abbia ad oggetto la somma necessaria per effettuare la riparazione dei danni, deve considerarsi come richiesta di risarcimento in forma specifica, con conseguente potere del giudice di non accoglierla e di condannare il danneggiante al risarcimento per equivalente, ovvero al pagamento di un somma pari alla differenza di valore del bene prima e dopo la lesione, allorquando il costo delle riparazioni superi notevolmente il valore di mercato del veicolo. Così Corte di Cassazione nell'ordinanza numero 9367 del 28 aprile 2014. ...

Risarcimento danni veicolo dopo sinistro » Non può essere superiore al valore ante-incidente
Dopo un sinistro stradale, il risarcimento danni richiesto dal danneggiato non può essere superiore al valore che aveva il veicolo prima dell'incidente. La domanda di risarcimento danni subito da un veicolo a seguito di incidente stradale, quando abbia ad oggetto la somma necessaria per effettuare la riparazione dei danni, deve considerarsi come richiesta di risarcimento in forma specifica, con conseguente potere del giudice di non accoglierla e di condannare il danneggiante al risarcimento per equivalente, ovvero al pagamento di un somma pari alla differenza di valore del bene prima e dopo la lesione, allorquando il costo delle riparazioni superi notevolmente ...

Assicurazione rc auto » Il preventivo di riparazione redatto da terzi non prova, da solo, il danno
Cause contro l'assicurazione: il preventivo di riparazione redatto da un terzo non prova, da solo, il danno. Nel giudizio di risarcimento del danno da sinistro stradale non ha valore di prova il preventivo di riparazione redatto da un soggetto estraneo alla controversia e non corroborato da altri elementi quali il listino prezzi relativo ai pezzi di ricambio del veicolo danneggiato e, soprattutto, dalle fotografie dello stesso. Questo, in sintesi, il principio espresso dalla Cassazione con sentenza 26693/13. Il preventivo di riparazione redatto da terzi non prova il danno all'autovettura Non basta il solo preventivo per la riparazione dell'autoveicolo, redatto dall'officina ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su sinistro » risarcimento in via equitativa se costo supera valore auto. Clicca qui.

Stai leggendo Sinistro » Risarcimento in via equitativa se costo supera valore auto Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 14 Novembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Maggio 2017 Classificato nella categoria sentenze e ordinanze della Corte di cassazione in tema di tutela dei consumatori Inserito nella sezione tutela consumatori

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)