Sinistro rampa d'accesso centro commerciale » Non c'è azione diretta

Non c’è azione diretta verso l’assicurazione se il sinistro avviene sulla rampa di accesso al garage sito in un parco privato.

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione, Terza Sezione civile, che, con la pronuncia numero 8090/13, ha stabilito che: Pur a voler ritenere la normativa sull’assicurazione obbligatoria applicabile ai soli casi di circolazione su strade di uso pubblico o su aree a queste equiparate, per queste ultime intendendosi “tutte le aree, di proprietà pubblica o privata, aperte alla circolazione del pubblico”, assumono i ricorrenti che l’esistenza di esercizi commerciali all’interno dell’area privata del (OMISSIS) in cui si é verificato il sinistro di cui si discute in causa sarebbe determinante per equiparare detta area alla strada ad uso pubblico e per ritenere ammissibile l’azione diretta al risarcimento dei danni nei confronti della compagnia assicurativa.

Secondo i Supremi giudici, quindi, una rampa di accesso ai garages non può rientrare nella definizione di area equiparata alla strada di uso pubblico.

Sinistro in rampa di accesso del garage di un centro commerciale » Il Fatto

Nel mese di aprile del 1998, due genitori, citavano in Tribunale il conducente di un’automobile e la sua compagnia assicuratrice, per proporre la condanna al risarcimento dei danni subiti dalla figlia, investita dalla stessa autovettura, nel parcheggio di un centro commerciale.

Il luogo, a dire dei genitori, era accessibile a tutti, stante la presenza di esercizi commerciali.

Si costituiva in giudizio la società convenuta sostenendo che non sussisteva ipotesi di azione diretta nei confronti dell’assicuratore, trattandosi di un danno verificatosi in un luogo privato e rappresentando che la minore, al momento dell’investimento, era priva di sorveglianza.

Sia il Tribunale, in primo grado, che la Corte di Appello di Napoli avevano rigettato la domanda dei due coniugi, dichiarando nel caso di specie non era esperibile l’azione diretta.

Così, i due proponevano ricorso per Cassazione, portando la discussione nel merito in cui una rampa di accesso ai garages possa rientrare nella definizione di area equiparata alla strada di uso pubblico o privato.

La soluzione di tale problema, hanno ricordato gli Ermellini, costituisce oggetto di apprezzamento di fatto.

E nel caso di specie la motivazione dei giudici di merito non si presenta viziata: infatti è stato precisato che la rampa di accesso ad un garage rappresenta, indipendentemente dalla natura pubblica o privata dell’area, un luogo in cui la circolazione non è consentita ad un numero indeterminato di persone sebbene a coloro che devono compiere la manovra di ingresso o di uscita dal garage e che, come titolari del diritto di ricoverarvi il veicolo, costituiscono un numero determinato di persone.

Per questi motivi, La Terza Sezione, con la sentenza numero 8090 depositata il 3 aprile 2013, ha confermato le due sentenze di merito.

20 Maggio 2013 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Sinistro stradale e risarcimento danni da relazione » Si della Cassazione
Ha diritto al risarcimento danni da vita di relazione chi riporta nel sinistro stradale una grave invalidità: lo ha sancito la Corte di Cassazione con la pronuncia 19963/13. I giudici di piazza Cavour hanno stabilito che: Ha diritto a essere risarcito del danno alla vita di relazione chi riporta nell'incidente una grave invalidità: in tema di danno esistenziale esiste come componente del pregiudizio psico-fisico. Con la sentenza in esame destinata a far discutere, la Cassazione ha dato ragione a un uomo che, in qualità di terzo trasportato, ha riportato in un grave incidente stradale, un'invalidità che aveva compromesso in modo ...

Sinistro stradale » In caso di tamponamento quando si applica il concorso di colpa?
In caso di sinistro stradale e tamponamento, quando lo stesso è causato dall'improvvisa frenata del danneggiato, in alcuni casi è applicato il concorso di colpa. Vediamo quali. Capita spesso che un'autovettura posizionata davanti a noi freni bruscamente tanto da non consentirci di evitare di tamponarla. In questa fattispecie, la colpa è al 50% di entrambi i veicoli, anche se il sinistro stradale è stato chiaramente provocato dalla brusca frenata del danneggiato. ...

Sinistro stradale: senza cinture di sicurezza niente risarcimento danni? » Non sempre
In un sinistro stradale, è impossibile negare il risarcimento dei danni all'infortunato solo perché non indossava le cinture di sicurezza. In tema di concorso del fatto colposo del danneggiato nella produzione dell'evento dannoso, infatti, a norma dell'articolo 1227, 1 comma, del codice civile, applicabile per l'espresso richiamo di cui all'articolo 2056 del codice civile anche nel campo della responsabilità extracontrattuale, la prova che il danneggiato avrebbe potuto evitare i danni dei quali chiede il risarcimento usando l'ordinaria diligenza, deve essere fornita dal danneggiante che pretende di non risarcire, in tutto o in parte, il creditore. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su sinistro rampa d'accesso centro commerciale » non c'è azione diretta. Clicca qui.

Stai leggendo Sinistro rampa d'accesso centro commerciale » Non c'è azione diretta Autore Marzia Ciunfrini Articolo pubblicato il giorno 20 Maggio 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Maggio 2017 Classificato nella categoria multe e sinistri - giurisprudenza di legittimità e di merito - circolari del ministero dei trasporti Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)