Indice del post sfratto? » due espedienti: termine di grazia e morosità incolpevole

Avete preso una casa in affitto e, a causa di momentanea indisponibilità economica, non riuscite a pagare il contributo mensile al padrone dell'immobile? Ecco alcuni espedienti per poter evitare, o almeno ritardare, lo sfratto. Come sappiamo, lo sfratto per morosità è il provvedimento attraverso il quale il Giudice impone al conduttore (inquilino) di rilasciare e riconsegnare l’appartamento, in seguito al mancato pagamento del canone di affitto. Ritardare lo sfratto con il termine di grazia L’inquilino che non abbia pagato i canoni di locazione ha diritto di adempiere al proprio debito anche dopo che il padrone di casa gli abbia [ ... leggi tutto » ]

Grazie ad una misura assistenziale varata dal Governo, sono stati tutelati, nei contratti di locazione, tutti i conduttori che, senza averne colpa, non riescono a pagare il canone al padrone di casa. A giugno del 2013, è stato istituito, infatti, un fondo di 20 milioni di euro per il 2014 e altrettanti per il 2015. In parole povere, i morosi incolpevoli, ossia con gravi difficoltà economiche, possono attingere dalle casse dello Stato per pagare il padrone di casa e non essere sfrattati. Del fondo istituito, ne possono beneficiare inquilini che hanno subito licenziamento non per giusta causa, cassa integrazione, [ ... leggi tutto » ]

31 gennaio 2014 · Stefano Iambrenghi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Morosità incolpevole - Requisiti e criteri per accedere al contributo destinato agli inquilini in ritardo nel pagamento dell'affitto
Per morosità incolpevole si intende la situazione di sopravvenuta impossibilità a provvedere al pagamento del canone locativo a ragione della perdita o consistente riduzione della capacità reddituale del nucleo familiare. La perdita o la consistente riduzione della capacità reddituale possono essere dovute ad una delle seguenti cause: perdita del lavoro ...
Contratto di locazione » Ritardo nel pagamento del canone? Sfratto autorizzato
Il contratto di locazione può decadere anche per una sola rata non pagata dal conduttore. Il mancato pagamento di una sola rata, o anche il semplice ritardo nel versamento, può giustificare la risoluzione del contratto di locazione se previsto da una clausola risolutiva espressa. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla ...
Quando il Comune paga l'affitto dell'inquilino moroso
Se il reddito del proprio nucleo familiare, risultante dalla dichiarazione ISEE, è uguale o inferiore al canone annuo di locazione, così come risulta da un contratto di affitto regolarmente registrato, l'inquilino rimasto indietro con il pagamento delle mensilità al padrone di casa può accedere al Fondo di morosità incolpevole di ...
Sfratto » Se il proprietario non occupa l'immobile dopo sei mesi dal rilascio l'ex affittuario ha diritto al risarcimento danni
Deve esserci il risarcimento dei danni per il conduttore (ex affittuario) che ha subito lo sfratto, qualora il locatore (proprietario) non provi che, passati sei mesi, non abbia ancora occupato l'immobile per una giusta causa. Infatti, al locatore, spetta dimostrare l'esistenza a suo favore di una giusta causa, meritevole di ...
Morte del conduttore per coppie di fatto e coniugi separati - Subentro nel contratto di locazione e intimazione di sfratto
L'assegnazione della casa familiare ad uno dei coniugi determina la successione ("subentro") del coniuge assegnatario nel contratto di locazione. Nell'ambito della separazione e del divorzio, il giudice, in presenza di figli conviventi, assegna la casa familiare ad uno dei coniugi (e precisamente al coniuge affidatario dei figli). ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indice del post sfratto? » due espedienti: termine di grazia e morosità incolpevole. Clicca qui.

Stai leggendo Indice del post Sfratto? » Due espedienti: termine di grazia e morosità incolpevole Autore Stefano Iambrenghi Articolo pubblicato il giorno 31 gennaio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 2 agosto 2017 Classificato nella categoria consigli ed avvisi utili Inserito nella sezione mutui per acquisto casa e affitti.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca