Servizio di money transfer - l’obbligo di “certa identificazione” del beneficiario

Il servizio di money transfer consiste nel trasferimento di denaro attraverso complesse operazioni di compensazione fra operatori finanziari collegati a vario titolo, effettuato in tutto il mondo ed in tempi particolarmente rapidi.

L’attività si svolge, di regola, attraverso una serie di passaggi virtuali che coinvolgono gli operatori dal punto vendita (subagenti), gli agenti operanti a livello nazionale (agenti) ed un network internazionale. Vale la pena di chiarire che tra il subagente che dispone il trasferimento e quello che lo riceve all’estero non avviene alcun passaggio materiale di denaro: ma solo una compensazione a livello di network.

Alla luce delle norme che hanno recepito la direttiva 2007/64/CE sui servizi di pagamento, il prestatore del servizio di money transfer è responsabile della corretta esecuzione dell’ordine di pagamento ricevuto.

Egli deve garantire un sufficiente livello di sicurezza con riferimento non solo alla corretta identificazione di chi effettua il versamento con la richiesta di trasferimento della relativa somma, ma soprattutto del destinatario del pagamento. In particolare, in conformità all’articolo 3 delle condizioni generali del servizio di money transfer, è necessario identificare il beneficiario mediante un valido documento di riconoscimento e conservarne copia.

Chi fruisce del servizio, tuttavia, non può addebitare a colui che eroga il servizio di money transfer la non corretta identificazione del destinatario delle somme trasferite basata sulla difformità fra l’indirizzo riportato nel documento di riconoscimento e quello indicato nella disposizione di pagamento. Semplicemente per il fatto che, ad esempio, un valido documento di riconoscimento è senz’altro il passaporto sul quale, com’è noto, non sono riportati indirizzi di residenza o di domicilio del titolare.

Questi i termini della decisione ABF numero 3049 del 05 giugno 2013.

29 Marzo 2014 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

La direttiva europea sui mutui ipotecari al servizio dei consumatori
La crisi finanziaria ha dimostrato che un comportamento irresponsabile da parte degli operatori è in grado di minare le basi del sistema finanziario, portando ad una mancanza di fiducia fra i consumatori. Molti consumatori hanno ottenuto prestiti insostenibili e sono stati poi coinvolti in pignoramenti ed espropriazioni forzate. Il 13 settembre 2013, il parlamento europeo ha approvato una direttiva che stabilisce, per gli stati membri, un quadro di riferimento comune in materia di erogazione ai consumatori di contratti di credito garantiti da ipoteca o comunque relativi a immobili residenziali. L'auspicio è che tale direttiva venga al più presto recepita anche ...

Antitrust » Avviata un'indagine conoscitiva sui costi del pagobancomat
L'Antitrust (Antitrust o Agcm) ha avviato un'istruttoria sui costi del PagoBancomat. Il servizio Bancomat è finito nel mirino dell'Antitrust. L'agcm, infatti, ha avviato un'istruttoria per verificare se la fissazione della commissione per i pagamenti con PagoBancomat, definita dal Consorzio Bancomat, costituisce un'intesa restrittiva della concorrenza tale da limitare la competizione tra le banche a svantaggio degli esercenti e dei consumatori finali. La nuova commissione interbancaria di 0,10 euro, applicata dal 3 gennaio 2014 nella misura, riguarda tutti i pagamenti con carta PagoBancomat di bollette o fatture commerciali effettuati presso gli esercenti incaricati della riscossione. Trattandosi di una commissione uniforme. ha ...

Prestiti: nuove direttive dall'UE » Più tutela per i consumatori
Prestiti, nuova direttiva Ue a tutela dei consumatori: stabilite condizioni ad alto grado di professionalità e nuove regole per marketing e pubblicità. La nuova direttiva dell'UE 2014 stravolge completamente il settore del credito. Il testo contenuto nella nuova norma vuole semplificare l'accesso al credito specie nel settore dei prestiti. Q uesto cambiamento avviene con la realizzazione di un mercato unico dei crediti ipotecari nel Vecchio Continente, aumentando fortemente il livello di tutela degli utenti. La nuova direttiva coinvolge in prima persona la vita dei cittadini, con notevoli effetti a livello internazionale. Le nuove direttive dell'Ue sui prestiti Si tratta di ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su servizio di money transfer - l’obbligo di “certa identificazione” del beneficiario. Clicca qui.

Stai leggendo Servizio di money transfer - l’obbligo di “certa identificazione” del beneficiario Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 29 Marzo 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 1 Maggio 2017 Classificato nella categoria tutela consumatori - conto corrente servizi bancari prodotti finanziari prestiti leasing mutui carte di credito e revolving Inserito nella sezione tutela consumatori

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)