Servizi postali e Iva » Tar respinge ricorso di Poste Italiane

Servizi postali e Iva » Tar respinge ricorso di Poste Italiane dopo sentenza Agcm

Servizi postali: l'Antitrust (Agcm), nel 2013, a proposito dell'esenzione dell'Iva da parte di Poste Italiane, aveva sancito che la società aveva abusato della propria posizione dominante, dando un ultimatum, alla stessa, di 180 giorni, entro i quali avrebbe dovuto applicare l'imposta nei servizi postali negoziati individualmente per non discriminare i concorrenti. Ma Poste Italiane S.p.A. aveva presentato ricorso presso il Tar del Lazio. Vediamo gli sviluppi della vicenda.

Servizi postali: Agcm vs Poste Italiane su applicazione Iva

Centottanta giorni per applicare l'iva nei servizi postali liberalizzati e cessare l'abuso di posizione dominante con il quale sono stati discriminati i concorrenti.

Era questo il tempo che l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato aveva dato a Poste Italiane al termine dell'istruttoria avviata il 6 marzo 2012.

Nella riunione del 27 marzo 2013, l'Antitrust aveva infatti stabilito che Poste Italiane, non applicando l'imposta sul valore aggiunto su quei servizi che, pur rientrando nel servizio universale, vengono negoziati individualmente, aveva abusato della propria posizione dominate in violazione della normativa comunitaria.

Tale condotta, infatti, aveva consentito a Poste di formulare offerte idonee a escludere i concorrenti dai mercati interessati che non avevano potuto replicare offerte competitive visto che l'aliquota applicabile era quella del 21 per cento.

In linea con la giurisprudenza della Corte di Giustizia Europea l'Autorità non aveva tuttavia imposto sanzioni a Poste poiché l'esenzione iva è prevista da una normativa nazionale, contrastante con la normativa comunitaria.

L'Antitrust aveva quindi disapplicato la legge italiana per accertare l'abuso e imporre a Poste la sua cessazione.

Il ricorso al Tar da parte di Poste Italiane

Rifiutandosi di aderire alle condizioni imposte dall'Agcm, Poste Italiane aveva presentato ricorso presso il Tar del Lazio.

Ma con la sentenza numero 1525/2014, pubblicata in data 7 Febbraio 2014, il Tar del Lazio ha respinto il ricorso proposto da Poste Italiane spa. contro il provvedimento dell'Autorità che riconosceva Poste Italiane colpevole di abuso di posizione dominante in merito all'esenzione dall'IVA.

Il Tar, infatti, ha confermato la posizione dell'Autorità, specificando che la condotta di Poste Italiane, in contrasto con l'articolo 102 TFUE, l'articolo 106 TFUE e con l'articolo 4, comma 3, del TUE, ha integrato un abuso di posizione dominante di tipo escludente consistente nell'applicazione di sconti commisurati all'esenzione IVA nella misura dell'aliquota vigente al momento della prestazione del servizio, idonei ad alterare il confronto competitivo a danno dei consumatori.

La normativa europea sull'esenzione Iva

La normativa europea prevede l'esenzione dall'IVA esclusivamente per le prestazioni del servizio postale universale, per le cessioni di beni e prestazioni di servizi accessorie effettuate dai soggetti obbligati ad assicurarne l'esecuzione, e per quelle condizioni non negoziate individualmente.

La Direttiva quindi prevede la possibilità di applicare tariffe speciali nell'ambito di servizi postali nei confronti di utenti business (tariffe regolamentate applicabili al servizio universale soggette al rispetto dei principi generali di accessibilità, trasparenza e non discriminazione) ed inoltre di concludere accordi individuali con i clienti che esulano completamente dall'ambito del servizio universale.

Cosa dice la normativa italiana

La legge italiana, invece, limita l'esenzione dall'applicazione IVA a le prestazioni del servizio postale universale, nonché le cessioni di beni e le prestazioni di servizi a queste accessorie, effettuate dai soggetti obbligati ad assicurarne l'esecuzione, senza espresso riferimento all'ipotesi di condizioni negoziate individualmente relative a detti servizi.

25 febbraio 2014 · Giovanni Napoletano


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Falsificazione di assegni postali rilevabile ad occhio nudo - Per il pagamento è responsabile Poste Italiane anche se il cliente omette la denuncia tempestiva
In ipotesi di pagamento di assegni postali a firma apocrifa, Poste Italiane è da ritenersi responsabile quando l'alterazione del titolo sia rilevabile ad occhio nudo, in base alle conoscenze del soggetto professionale di diligenza media, che non possiede, al momento della presentazione del titolo, particolari attrezzature strumentali o chimiche per ...
Cosa è il MOF (Message Of Favor) lasciato da Poste Italiane » l'avviso di cortesia
Diciamo subito che il MOF (da Message Of Favor, letteralmente messaggio di favore ma in italiano più propriamente avviso di cortesia) rappresenta nient'altro che l'avviso del primo tentativo di notifica di una cartella esattoriale effettuato da Poste Italiane per conto di Equitalia. Il codice T&T indica, appunto, il numero della ...
Morosità bollette telefoniche - come funziona
L'Antitrust aveva avviato una istruttoria per verificare se il comportamento di Telecom di subordinare l'attivazione della linea telefonica al pagamento delle morosità accumulate da terzi su quell'utenza, potesse costituire un abuso di posizione dominante o precludesse l'accesso ai servizi di telefonia ai clienti, penalizzando gli altri operatori. L'istruttoria è stata ...
Legittima la notifica diretta della cartella esattoriale se effettuata da agenzia di recapito privata incaricata da Poste Italiane
La notifica diretta a mezzo posta, è validamente eseguita anche se il plico è consegnato al destinatario da un'agenzia privata di recapito, qualora il notificante si sia rivolto all'ufficio postale, e l'affidamento del plico all'agenzia privata sia avvenuto per autonoma determinazione dell'Ente Poste, al quale la normativa vigente continua a ...
Conto corrente postale » Le nuove disposizioni dopo l'istruttoria dell'Antitrust
Conto corrente postale (BancoPosta): con la conclusione dell'indagine dell'Antitrust (Agcm), Poste Italiane ha deciso di adottare nuove regole a favore dei propri correntisti, per consentire tempi più rapidi e costi minori. Tra le nuove disposizioni è previsto il rispetto di tempo massimo di chiusura del conto corrente in 15 giorni. ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su servizi postali e iva » tar respinge ricorso di poste italiane. Clicca qui.

Stai leggendo Servizi postali e Iva » Tar respinge ricorso di Poste Italiane Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 25 febbraio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 2 agosto 2017 Classificato nella categoria IVA ed IRAP Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca