Separazione personale » Coabitazione non è indice di riconciliazione

Separazione personale: per la riconciliazione il ritorno alla convivenza non fa piena prova.

Dopo una separazione personale, se due coniugi tornano a vivere sotto lo stesso tetto, non per questo si può parlare di avvenuta riconciliazione e non si producono quindi gli effetti di cui all’articolo 154 del codice civile.

Questo, in sintesi, l’orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 19535/14.

Coabitazione conservata tra i coniugi in crisi, e già protagonisti del giudizio di separazione personale: ciò non basta, però, per mettere in discussione la pronuncia che ha sancito la rottura tra la coppia.

Secondo quanto si evince dalla pronuncia esaminata, infatti, la sola circostanza che gli ex coabitino non basta a provare la loro riconciliazione e, di conseguenza, a far cessare gli effetti della sentenza di separazione.

Occorre, invece, dimostrare che si è ricostituita tra i coniugi una comunione di vita spirituale e materiale e, di certo, la richiesta di addebito reiterata nel corso del giudizio è del tutto in contrasto con l’idea di una riconciliazione.

Vediamo di spiegare il concetto più chiaramente.

Non sempre, dopo una separazione personale, viene a galla la diatriba per l’assegnazione della casa familiare fra i coniugi.

Difatti, qualora la coppia non abbia avuto figli cui garantire la conservazione dell’habitat familiare e, quindi, la necessità di assegnare la casa al genitore con cui vivranno, in genere, alla prima udienza, il giudice di merito si limita ad autorizzare i coniugi a vivere separatamente.

Tuttavia, successivamente, non è detto che la cosa avvenga in via definita.

Ciò perché, può accadere che, per ragioni di risparmio economico, i coniugi scelgano di continuare a coabitare senza che, per questo motivo, la causa di separazione cessi il suo corso.

Ebbene, se la coabitazione tra i coniugi prosegue anche dopo la separazione, ciò non implica che tra gli stessi sia sopraggiunta una riconciliazione.

Da notare bene, infatti, che la riconciliazione di fatto tra i coniugi, è circostanza che impedisce il successivo divorzi: in questo caso, anche il termine di tre anni per potersi divorziare subisce un’interruzione.

A parere degli Ermellini, dunque, ai fini della riconciliazione, non è sufficiente la semplice coabitazione, ma occorre che venga ripristinata, dalla coppia, la comunione di vita spirituale e materiale su cui si fondava il rapporto coniugale.

Per poter provare la riconciliazione, proseguono i giudici del Palazzaccio, è bene fornire al giudice prove o indizi inequivocabili e dare rilevanza anche a comportamenti in netto contrasto con l’idea del ripristino di una comunione di intenti e di vita della coppia.

16 Ottobre 2014 · Chiara Nicolai

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Quando la ripresa della coabitazione fra coniugi separati può essere considerata riconciliazione
La mera ripresa della coabitazione non equivale a riconciliazione potendo essa deve essere equiparata alla coabitazione interessata da ragioni meramente materiali, dovute a fattori economici o logistici o di altra natura. Si ha riconciliazione con la ripresa della coabitazione solo quando essa assume il connotato della ricostituzione del consorzio familiare, attraverso la ricomposizione della comunione coniugale di vita, vale a dire della ripresa delle relazioni reciproche, oggettivamente rilevanti, tali da comportare il superamento delle condizioni che avevano reso intollerabile la prosecuzione della convivenza e che si concretizzino in un comportamento non equivoco incompatibile con lo stato di separazione. Questo è ...

Separazione personale per intervenuta omosessualità di uno dei coniugi - Nessun addebito
La giurisprudenza della Corte di cassazione ha sancito che il diritto alla separazione si fonda su fatti che nella coscienza sociale e nella comune percezione rendono intollerabile il proseguimento della vita coniugale, costituendo la intollerabilità un fatto psicologico squisitamente individuale, riferibile alla formazione culturale, alla sensibilità e al contesto interno alla vita dei coniugi. Ove tale situazione d'intollerabilità ed incompatibilità si verifichi, anche rispetto ad un solo coniuge, deve ritenersi che questi abbia diritto di chiedere la separazione: con la conseguenza che la relativa domanda, costituendo esercizio di un suo diritto, non può costituire ragione di addebito. Il principio appena ...

Separazione personale » In caso di tradimento reciproco l'addebito grava sul coniuge che ha commesso l'adulterio per primo
In caso di tradimento reciproco tra due coniugi, l'addebito della separazione personale ricade su chi ha "cornificato" per primo. Quando sussiste un tradimento reciproco, se la relazione extraconiugale di uno dei due coniugi è servita a dare il via alla crisi della coppia, è a quest’ultimo che va imputato l'addebito per la separazione e non, invece, a entrambi. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 21596/14. Lui tradisce lei, lei tradisce lui, ma quella della donna è una reazione: rottura addebitabile all'uomo. Ricostruita la dinamica delle rispettive relazioni extraconiugali del marito prima e della moglie poi. ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su separazione personale » coabitazione non è indice di riconciliazione. Clicca qui.

Stai leggendo Separazione personale » Coabitazione non è indice di riconciliazione Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 16 Ottobre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 4 Agosto 2017 Classificato nella categoria famiglia monoparentale e di fatto - unioni civili - diritto separazione e divorzio Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)