Separazione tra coniugi » Differenze culturali e caratteriali possono legittimarla

Quando la convivenza diventa intollerabile tanto da legittimare la separazione?

Le diversità caratteriali e culturali possono legittimare lo scioglimento del matrimonio.

Per il giudizio di separazione non è necessaria la sussistenza di una situazione di conflitto riconducibile alla volontà di entrambi i coniugi: la frattura può dipendere dalla condizione di disaffezione e distacco di uno solo tale da rendere per essa intollerabile la convivenza, nonostante l'altro partner desideri continuarla.

Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Cassazione con pronuncia 1164/2014.

Separazione per convivenza intollerabile: Breve excursus storico e giurisprudenziale

Le diversità caratteriali e culturali possono legittimare la separazione giudiziale dei coniugi. Essere troppo diversi rende non proseguibile la convivenza. La frattura può dipendere dalla condizione di disaffezione e distacco di uno solo nonostante l'altro desideri continuare il rapporto.

Ciò è quanto si evince dalla sentenza sopra riportata, con la quale è stato respinto il ricorso di un settantaduenne.

L'uomo aveva presentato opposizione contro la sentenza di separazione giudiziale emessa dai giudici di merito, dove era stato condannato a versare alla coniuge un assegno mensile di mantenimento di 350 euro.

Il marito riteneva che il giudice avrebbe dovuto, almeno, verificare i fatti obiettivi che hanno condotto all'intollerabilità della convivenza.

A suo parere, la stessa non è implicita nella volontà del coniuge di separarsi, soprattutto se manifestata da una persona sessantenne con prole e che dipende necessariamente da una sopravvenuta disaffezione verso il proprio coniuge.

Ma la prima sezione civile ha, invece, ritenuto legittima la separazione data non tanto da comportamenti contrari ai doveri e obblighi matrimoniali ma da una situazione di intollerabilità che non ha reso più possibile la convivenza della coppia.

In particolare, hanno pesato la diversità di cultura, l'incompatibilità di carattere e i diversi credi religiosi.

Insomma, la Suprema corte ha rilevato che l'incompatibilità di carattere, il contrasto tra differenti culture, tra diversi credi ideologici o religiosi, le manifestazioni di disaffezione, il distacco fisico o psicologico, l'esasperato spirito di autonomia dei coniugi o magari la presenza di fatti oggettivi, indipendenti dalla volontà di uno o di entrambi i coniugi, come ad esempio una malattia psichica o fisica di uno di essi, sono da considerare caso per caso.

Piazza Cavour ha, inoltre, sottolineato che per la valutazione soggettiva, non è necessaria l'esistenza di una situazione di conflitto riconducibile alla volontà di entrambi i coniugi, ben potendo la frattura dipendere dalla condizione di disaffezione e distacco di una delle parti, tale da rendere per essa intollerabile la convivenza, pur ammettendosi che l'altro coniuge desideri continuarla.

Concludendo, per quanto riguarda la quantificazione dell'assegno di mantenimento, gli Ermellini hanno più volte precisato che esso deve tendere a ricostruire il tenore di vita goduto dal coniuge in regime di matrimonio e indice di tale tenore può essere l'attuale disparità di posizioni economiche tra i coniugi.

Su questo punto, le argomentazioni del giudice di merito risultano corrette e inconfutabili. Ricorso, totalmente, respinto.

24 gennaio 2014 · Stefano Iambrenghi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Separazione dei coniugi - violazione del dovere di fedeltà ed addebito
Al fine dell'addebitabilità della separazione non è sufficiente che uno dei coniugi o entrambi abbiano tenuto comportamenti contrari ai doveri nascenti dal matrimonio, quale ad esempio il dovere di fedeltà, ma è necessario dimostrare un nesso di causalità fra tali comportamenti e la sopraggiunta intollerabilità della convivenza. È quanto affermato ...
Separazione personale per intervenuta omosessualità di uno dei coniugi - Nessun addebito
La giurisprudenza della Corte di cassazione ha sancito che il diritto alla separazione si fonda su fatti che nella coscienza sociale e nella comune percezione rendono intollerabile il proseguimento della vita coniugale, costituendo la intollerabilità un fatto psicologico squisitamente individuale, riferibile alla formazione culturale, alla sensibilità e al contesto interno ...
Separazione dei coniugi - i presupposti dell'assegno di mantenimento
In caso di separazione, il coniuge che non abbia adeguati redditi propri può chiedere che l'altro coniuge versi un assegno di mantenimento. Per ottenere il mantenimento è necessario che ricorrano le seguenti condizioni: il coniuge richiedente non deve avere redditi adeguati; la separazione non deve essere addebitata al coniuge richiedente; ...
Separazione dei coniugi - la modifica delle condizioni di separazione
Quando è possibile chiedere la modifica delle condizioni di separazione? Non ci sono limiti di tempo per chiedere la modifica delle condizioni di separazione. I provvedimenti del Giudice in sede di separazione, infatti, vengono adottati sulla base delle circostanze esistenti al momento della loro pronuncia. Ne consegue che è sempre ...
Separazione legale fra coniugi - lo shopping compulsivo è causa di addebito
Il secondo comma dell'articolo 151 del codice civile prevede che il giudice, pronunciando la separazione, dichiara, ove ne ricorrano le circostanze e ne sia richiesto, a quale dei coniugi essa sia addebitabile, in considerazione del suo comportamento contrario ai doveri derivanti dal matrimonio. L'addebito della separazione è, dunque, una sorta ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su separazione tra coniugi » differenze culturali e caratteriali possono legittimarla. Clicca qui.

Stai leggendo Separazione tra coniugi » Differenze culturali e caratteriali possono legittimarla Autore Stefano Iambrenghi Articolo pubblicato il giorno 24 gennaio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria famiglia monoparentale e di fatto - unioni civili - diritto separazione e divorzio Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca