Separazione: Dai figli alla casa » I consigli da non sottovalutare

Quando un matrimonio arriva, purtroppo, al capolinea, oltre al trauma della separazione non è necessario aggiungere un'estenuante serie di un contenziosi infiniti e snervanti.

Infatti, prima di contattare un legale, da preferirsi quando l'accordo con il proprio ex coniuge è impossibile, è meglio seguire qualche utile consiglio tecnico.

A tale proposito vi proponiamo un utile vademecum dove sono fissate regole minime e consigli giuridici per sapere in anticipo cosa si può ragionevolmente esigere e cosa non è lecito pretendere per giungere con reciproca soddisfazione a una separazione consensuale che eviti una vera e propria guerra tra ex coniugi.

La stessa, infatti, sarebbe distruttiva per entrambi in tutti gli ambiti che riguardano la separazione: dall'affido dei figli, passando per l'assegnazione della casa, fino alla ripartizione del patrimonio.

Questi suggerimenti aiuteranno sicuramente a capire le conseguenze di una firma, oltre a non coltivare aspettative infondate, al fine di prevenire delusioni.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su separazione: dai figli alla casa » i consigli da non sottovalutare. Clicca qui.

Stai leggendo Separazione: Dai figli alla casa » I consigli da non sottovalutare Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 9 aprile 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria famiglia monoparentale e di fatto - unioni civili - diritto separazione e divorzio Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.




Cerca