Ex coniuge mangia alla caritas? » Provvede a mantenimento figlia

Dopo la separazione, un ex coniuge, in seguito ad una lite con il datore di lavoro, abbandonava il posto fisso decidendo di sbarcare il lunario con lavoretti a nero, sfamandosi alla caritas ed omettendo di versare l’assegno di mantenimento alla figlia minore. Condannato penalmente.

Infatti, può essere punito penalmente, in base all’ex articolo 570 c.p., il padre disoccupato e indigente che non versa il mantenimento alla figlia minore.

Ciò, se viene provato che lavora in nero e che ha abbandonato il posto fisso per una lite con il datore.

Questo l’orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con la pronuncia 17597/2013.

Mantenimento, caritas e lavoro in nero: Considerazioni ed eventi

La mancanza di denaro è la radice di tutti i mali.

Così diceva George Bernard Shaw e non aveva tutti i torti.

Quasi sempre il denaro, e la mancanza dello stesso, e’ motivo di dissidi, dissapori e fratture di molti matrimoni.

Con la separazione, il più delle volte, le cose non migliorano, anzi.

La famiglia viene, dunque, sbriciolata non solo negli affetti ma anche nelle certezze economiche e si assiste ad un aumento dei nuovi poveri. Questi sono, quasi sempre, i padri costretti in alcuni casi a vivere come clochards.

Ma la povertà non guarda in faccia nessuno come e’ accaduto all’uomo, protagonista della storia giudiziaria, di cui si è occupata la Cassazione.

La vicenda riguarda una coppia siciliana.

Dopo la separazione lui non aveva versato alla figlioletta il mantenimento fissato dal giudice in 250 euro al mese. Inoltre, aveva estinto altri suoi debiti senza mai provvedere alla piccola e poi, per una lite con il datore, si era licenziato.

La madre aveva denunciato i fatti alle autorità ottenendo una condanna una condanna penale ai danni dell’ex coniuge.

Inutile per la difesa la testimonianza di alcuni inservienti della Caritas che lo avevano visto magiare lì.

Gli Ermellini hanno sostenuto che limpotenza economica dietro alla quale si trincerava l’uomo non risultava incolpevole, riconoscendo in capo all’uomo un profilo di colpa.

La Corte sottolineava che il padre, obbligato al mantenimento della figlia minore, non doveva rassegnare le dimissioni a seguito della lite con il datore di lavoro.

Dunque, le dimissioni non erano ne’ obbligate ne’ inevitabili.

2 Dicembre 2013 · Carla Benvenuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assegno per il mantenimento della figlia minore - Il coniuge obbligato non può chiedere il rendiconto delle spese al coniuge affidatario
Quando, in sede di separazione personale dei coniugi, i figli siano stati affidati, con provvedimento presidenziale o con sentenza definitiva, ad uno dei coniugi, l'assegno posto a carico del coniuge non affidatario, quale suo concorso agli oneri economici derivanti dal mantenimento della prole, è determinato in misura forfettariamente proporzionata alle sostanze dei genitori, al numero ed alle esigenze dei figli. Il coniuge non affidatario non ha diritto ad un rendiconto delle spese effettivamente sostenute per il suddetto mantenimento. Inoltre, in materia di assegno di mantenimento per i figli, la relativa domanda proposta da uno dei genitori nei confronti dell'altro, se ...

Al marito obbligato non basta corrispondere l'assegno di mantenimento - deve pagare anche le rate del mutuo della casa assegnata alla moglie separata
Il reato di violazione degli obblighi di assistenza familiare prevede la punibilità di chiunque faccia mancare i mezzi di sussistenza ai figli minori o al coniuge, ancorché legalmente separato non per sua colpa. Tra i mezzi di sussistenza va ricompreso anche l'alloggio familiare, e quindi si rende responsabile del reato di violazione degli obblighi di assistenza familiare il coniuge che, con la sua condotta, rischia di far perdere alla moglie e ai figli la casa in cui essi vivono. In altre parole, la casa di abitazione rientra tra i mezzi di sussistenza che devono essere assicurati al coniuge (anche separato ...

Divorzio e mantenimento figlia
Sono separata da circa 10 anni dal mio ex marito: ho una figlia di 23 anni che fa l'università, io lavoro con uno stipendio di circa 1200 euro mensili e sono proprietaria del 50% della casa coniugale di cui ho sempre pagato per intero anche le spese condominiali di proprietà che avrebbero dovuto essere divise in due. L'anno scorso è morto mio figlio di 15 anni. Il mio ex marito non versa nulla per mia figlia e non ha pagato la metà delle spese per il loculo di nostro figlio. Non ha mai versato nulla. Nostra figlia non vuole più ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su ex coniuge mangia alla caritas? » provvede a mantenimento figlia. Clicca qui.

Stai leggendo Ex coniuge mangia alla caritas? » Provvede a mantenimento figlia Autore Carla Benvenuto Articolo pubblicato il giorno 2 Dicembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 4 Agosto 2017 Classificato nella categoria famiglia - affidamento e mantenimento dei figli Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)