La modifica delle condizioni di separazione dei coniugi

Quando è possibile chiedere la modifica delle condizioni di separazione?

Non ci sono limiti di tempo per chiedere la modifica delle condizioni di separazione. I provvedimenti del Giudice in sede di separazione, infatti, vengono adottati sulla base delle circostanze esistenti al momento della loro pronuncia.

Ne consegue che è sempre possibile chiederne la modifica purchè siano cambiate quelle circostanze di fatto e di diritto che erano state poste a base della decisione.

Ad esempio si può chiedere la modifica quando uno dei due coniugi abbia raggiunto una maggiore stabilità economica, con notevole incremento di reddito, rispetto a quella goduta durante il matrimonio.

Ancora si può chiedere la revisione quando vi sia la necessità di nuove spese per un figlio che, ad esempio, inizia a frequentare dei corsi di formazione o quando si sia dovuto sostenere una spesa notevole per far fronte ad una malattia sopravvenuta

Il coniuge che chiede la revisione dei provvedimenti adottati in sede di separazione dovrà quindi provare che vi è stato un peggioramento delle proprie condizioni economiche oppure un miglioramento di quelle dell’altro.

Il cambiamento delle circostanze deve essere provato in maniera molto puntuale, anche attraverso la raccolta minuziosa di documenti e ricevute che attestino le spese asserite.

Si possono modificare sia le statuizioni relative all’assegno di mantenimento, sia di quelle relative ai figli ed alla casa familiare.

La modifica delle condizioni di separazione può essere chiesta sia che si tratti di separazione giudiziale che consensuale.

In ogni caso si dovrà depositare in Tribunale un ricorso che descriva con precisione le circostanze sopravvenute che giustificano la richiesta.

Per porre una domanda sulla modifica delle condizioni di separazione dei coniugi, accedi al forum. Clicca qui.

17 Settembre 2010 · Antonella Pedone

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

La formazione di un nuovo nucleo familiare può portare alla modifica delle condizioni stabilite nella separazione o nel divorzio
Se è vero che la giurisprudenza riconosce che la libertà di formare una nuova famiglia dopo la separazione o il divorzio costituisce l'espressione di un diritto fondamentale sancito dalla Costituzione e dall'ordinamento sovranazionale e se è vero altresì che la stessa giurisprudenza non riconduce automaticamente alla formazione di un nuovo nucleo familiare l'effetto di determinare una riduzione degli oneri di mantenimento dei figli nati precedentemente alla nuova unione familiare è altresì pacifico che la formazione di una nuova famiglia e la nascita di figli dal nuovo partner, determinando la nascita di nuovi obblighi di carattere economico, deve essere valutata come ...

Separazione dei coniugi - revoca dell'assegnazione della casa familiare
In materia di separazione dei coniugi, l'assegnazione della casa familiare non viene meno per il solo fatto della convivenza more uxorio o del nuovo matrimonio del coniuge assegnatario. L'articolo 155 quater, primo comma, del Codice Civile (introdotto dall'articolo 1, comma 2, della legge 8 febbraio 2006, numero 54 - Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli) prevede la revoca dell'assegnazione della casa familiare nel caso in cui l'assegnatario conviva more uxorio o contragga nuovo matrimonio. Ci si chiede se tale revoca sia automatica in conseguenza della convivenza o del nuovo matrimionio dell'assegnatario, o se debba ...

Separazione dei coniugi - i presupposti dell'assegno di mantenimento
In caso di separazione, il coniuge che non abbia adeguati redditi propri può chiedere che l'altro coniuge versi un assegno di mantenimento. Per ottenere il mantenimento è necessario che ricorrano le seguenti condizioni: il coniuge richiedente non deve avere redditi adeguati; la separazione non deve essere addebitata al coniuge richiedente; l'altro coniuge deve avere a sua volta un reddito sufficiente per corrispondere l'assegno. La corresponsione e l'importo dell'assegno sono decisi dal Giudice tenendo conto dei redditi dei coniugi, del tenore di vita sostenuto durante il matrimonio e di ogni altra circostanza rilevante in concreto. Il mantenimento può essere corrisposto mensilmente ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la modifica delle condizioni di separazione dei coniugi. Clicca qui.

Stai leggendo La modifica delle condizioni di separazione dei coniugi Autore Antonella Pedone Articolo pubblicato il giorno 17 Settembre 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 4 Agosto 2017 Classificato nella categoria famiglia monoparentale e di fatto - unioni civili - diritto separazione e divorzio Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)