Separazione ed assegnazione della casa coniugale - mancata impugnazione e modificabilità del provvedimento

Il provvedimento di assegnazione della casa coniugale può essere modificato in sede di appello, anche se non è stato oggetto di specifica impugnazione, per circostanze sopravvenute.

È quanto affermato dalla Corte di Cassazione, con la sentenza del 28.04.2010 numero 10222.

In particolare la Corte ha ritenuto che il trasferimento dell'unico figlio in altra città, con suo allontanamento dalla casa coniugale, può comportare la modifica del provvedimento di assegnazione.

Al riguardo si osserva che il presupposto indefettibile per l'assegnazione della casa coniugale al coniuge non titolare del diritto di proprietà o di altro diritto reale è costituito dalla presenza di figli minori ancora economicamente non autosufficienti.

L'assegnazione della casa, per altro, può avere una forte incidenza in sede di determinazione dell'assegno divorzile.

Conseguentemente, se viene meno il presupposto della convivenza dei figli, l'assegnazione della casa coniugale può ben essere revocata.

In questo caso, se l'assegnazione era stata disposta anche ad integrazione del mantenimento, potrebbe essere rideterminato l'assegno di mantenimento stesso.

La revoca del provvedimento di assegnazione può essere chiesta direttamente in appello, anche quando non sia stato specificamente impugnato il capo della sentenza relativo all'assegnazione.

Il  provvedimento di assegnazione, infatti, non è suscettibile di giudicato implicito, essendo esso sempre modificabile nel momento in cui sopravvengano circostanze nuove o comunque muti la situazione di fatto preesistente.

Per porre una domanda su separazione dei coniugi ed assegnazione della casa coniugale, accedi al forum. Clicca qui.

13 settembre 2010 · Antonella Pedone

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Separazione » figlio deve abitare stabilmente l'ex casa coniugale per non far decadere l'assegnazione
In tema di separazione personale ed assegnazione della casa coniugale, è necessaria la convivenza del figlio maggiorenne con il genitore collocatario. Qualora il ragazzo abbandoni l'abitazione, è legittima la revoca. L'assegnazione della casa coniugale è una delle questioni più conflittuali tra coniugi freschi di separazione. La questione si complica quando ...
Separazione e divorzio » Se il coniuge obbligato muore e la casa passa di proprietà, si estingue il diritto di abitazione derivante del provvedimento giudiziale di assegnazione della casa coniugale?
L'assegnazione della casa coniugale, intervenuta con il provvedimento giudiziale di separazione o divorzio, e di cui il coniuge obbligato è proprietario, comproprietario, anche in comunione con altri è, secondo le norme vigenti, espressamente condizionata soltanto all'interesse dei figli. La Corte di cassazione, già con la sentenza 23591/2010, ha infatti ribadito ...
Provvedimento di assegnazione della casa familiare - Non opponibile al creditore se posteriore ad iscrizione ipotecaria
Com'è noto, il provvedimento di assegnazione della casa familiare nell'interesse dei figli è opponibile ai terzi: in particolare il provvedimento giudiziale di assegnazione della casa familiare al coniuge affidatario, avendo per definizione data certa, è opponibile, anche se non trascritto, al terzo acquirente in data successiva per nove anni dalla ...
Assegnazione della casa familiare - è subordinata all'interesse della prole
In materia di separazione personale dei coniugi, l'assegnazione della casa familiare viene stabilita nell'interesse preminente dei figli L'articolo 155 quater del codice civile, introdotto dalla Legge numero 54/2006, stabilisce che "Il godimento della casa familiare è attribuito tenendo prioritariamente conto dell'interesse dei figli". Il riferimento all'interesse dei figli conferma che ...
Assegnazione della casa coniugale - opponibilità a terzi e responsabilità del venditore
Il provvedimento di assegnazione della casa coniugale, in sede di separazione personale o divorzio, non è idoneo a costituire un diritto reale di uso o di abitazione a favore dell'assegnatario, ma solo un diritto di natura personale, opponibile, se avente data certa, ai terzi entro nove anni, ai sensi dell'articolo ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su separazione ed assegnazione della casa coniugale - mancata impugnazione e modificabilità del provvedimento. Clicca qui.

Stai leggendo Separazione ed assegnazione della casa coniugale - mancata impugnazione e modificabilità del provvedimento Autore Antonella Pedone Articolo pubblicato il giorno 13 settembre 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria famiglia monoparentale e di fatto - unioni civili - diritto separazione e divorzio Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca